Ricerca

38 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Tecnologie indossabili in azienda
La narrazione corrente sulle tecnologie indossabili è tutta concentrata sul singolo consumatore e sui suoi benefici e vantaggi. Poca attenzione è dedicata al mondo delle aziende e ai benefici professionali e in termini di produttività e efficienza lavorativa. Si parla molto di diete, calorie e contapassi, poco di soluzioni indossabili per la logistica e il magazzino, per gli ospedali e ancora meno delle applicazioni disponibili.
Si trova in Produttori
Google e Levi’s insieme per una nuova giacca tecnologica
Le tecnologie indossabili hanno ambiti di impiego infiniti. Tra di essi quello della moda è forse l’ambito meno noto ma quello che più di altri è in grado di fornire soprese e benefici reali. Ne è un esempio la giacca Denim oggetto di un progetto di ricerca e sviluppo che vede collaborare Google e Levi’s. La giacca è fatta con tessuti conduttivi che la trasformano in pannelli sensibili al tatto che possono essere usati per controllare i dispositivi elettronici in possesso.
Si trova in Wearable
Un mercato tecnologico in cerca di novità!
Per farsi un’idea del mercato tecnologico attuale è sufficiente regalarsi una rassegna stampa delle numerose testate online che parlano di prodotti tecnologici. Ciò che emerge è la ricerca costante di qualcosa che sia capace di generare entusiasmo e di attirare l’attenzione. Mentre la tecnologia continua la sua evoluzione, sul mercato consumer l’attesa di nuovi gadget capaci di creare nuovi cambiamenti paradigmatici continua a crescere. Anche se prevale la noia!
Si trova in Blog / Tabulario
Il diavolo veste tecno : wearable e tecnologie indossabili attuali e future
Le nuove tecnologie indossabili sono ricche di nuove opportunità concrete, capaci di regalare nuovi importanti strumenti di miglioramento e di progresso e altrettanti benefici individuali e sociali, nel breve così come nel lungo periodo. La convergenza tecnologica che ha reso possibile integrare in un orologio la potenza di calcolo di un server o di trasformare una semplice superficie di tessuto o un tatuaggio in una macchina intelligente, è solo la punta di un iceberg che fornirà in futuro grandi opportunità di miglioramento delle funzionalità e abilità fisiche (salute e benessere fisico), mentali, cognitive (non solo comunicazione e informazione ma sviluppo di nuova conoscenza), sociali (comunità e interazione) e umane.
Si trova in Wearable
Moda e tecnologia: un connubio destinato a sorprendere
Tessuti formati da pigmenti dotati di microcapsule molto tecnologiche permettono di cambiare il colore dell’abito. La tecnologia è già disponibile oggi e usata dal Brand giapponese Issey Miyake per innovare la sua gamma di prodotti di moda grazie alla produzione di un nuovo tipo di tessuto che si contrae in strutture più rigide ogni qualvolta viene esposto a vapore. La produzione è gestita tramite software appositi per calcolare l’esatta combinazione dei materiali, cptpne, poliestere e pigmenti tecnologici speciali da usare necessaria per produrre tessuti (3D Steam Stretch) capaci di reagire all’esposizione al vapore.
Si trova in Wearable
Una storia delle tecnologie indossabili in breve
Fare una storia delle tecnologie indossabili è complicato quanto fare la storia del genere umano e della tecnica (oggi tecnologia). Come in ogni storia anche le tecnologie indossabili hanno avuto i loro pionieri. Personaggi come il matematico Ed Thorp, lo scienziato C.C. Collins impegnato nella ricerca di strumenti per non-vedenti (nel 1977 aveva creato un dispositivo per aiutare i non vedenti a muoversi liberamente e a camminare), Steve Mann (attualmente responsabile del dipartimento d ricerca sulle tecnologie indossabili presso l’Università di Toronto) , Doug Platt, Thad Starner (oggi impegnato anche nel progetto Glass di Google), Claude Shannon, Hubert Upton (inventore di occhiali intelligenti per persone audiolese) e Edgar Matias che ha disegnato con Mike Ruicci il primo computer da polso.
Si trova in Blog / Approfondimenti
CHARM, il braccialetto wearable di Samsung
Si chiama Charm il braccialetto wearable di samsung. Pensato per fornire un componente tecnologico indossabile a quanti hanno scelto la tecnologia Samsung come srile di vita, il braccialetto punta con il suo design a diventare un oggetto di moda e desiderabile da tutti coloro che hanno deciso di arricchire il loro polso con nuovi gadget tecnologici. Più che un gadget tecnologico o un dispositivo elettronico Charm è un accessorio per consumatori attenti alla moda del momento e a nuovi stili di vita.
Si trova in Wearable
Tanti piccoli wearable crescono!
Secondo molti analisti di mercato le vendite di prodotti tecnologici indossabili nel 2016 scaleranno le vendite molto più di tablet e smartphone. Un fenomeno sempre più forte ed emergente guidato da nuovi prodotti e da una maggiore consapevolezza del mercato sulla utilità dei nuovi gadhet tecnologici. Secondo IDC i prodotti venduti nel 2016 potrebbero superare i 100 milioni.
Si trova in Wearable
Surplus cognitivo, ricordi e SnapChat
L'attenzione si sa è spaziale e selettiva e si appoggia sulle forze e risorse usate per attivarla. Nell'era del surplus informativo e cognitivo focalizzare la propria attenzione è più complicato da sempre. Cosa succede se ci si fa aiutare da strumenti tecnologici come gli occhiali di SnapChat o prodotti tecnologici indossabili simili? Probabilmente si può riuscire a interagire con l'informazione del mondo esterno in modo più efficiente e soprattutto creare contenuti capaci di trasformarsi in ricordi che durino nel tempo.
Si trova in Lifestyle
Wearable o non wearable, il dilemma non è poi così rilevante
Da due anni molti analisti si sono sprecati nel prevedere l'arrivo dell'anno delle tecnologie indossabili. Come molti sanno, il futuro non è mai prevedibile, al massimo si possono fare su di esso delle osservazioni. Se poi si avverano si celebra l'avere indovinato, se non si avverano si continuerà a proporre al pubblico curioso nuove osservazioni.
Si trova in Wearable