Ricerca

39 elementi soddisfano i criteri specificati
Filtra i risultati.
Tipo di elemento














Nuovi elementi da



Ordina per rilevanza · Data (prima i più recenti) · alfabeticamente
Wearable, dove sono e come evolvono
I prodotti tecnologici indossabili sembrano essere usciti fuori dai radar dei media, ma continuano la loro evoluzione. Confermano l'esistenza di un mercato potenziale e di investimenti in grado di garantire novità e sviluppi interessanti futuri.
Si trova in Blog / Mercato Mobile
Wearable o non wearable, il dilemma non è poi così rilevante
Da due anni molti analisti si sono sprecati nel prevedere l'arrivo dell'anno delle tecnologie indossabili. Come molti sanno, il futuro non è mai prevedibile, al massimo si possono fare su di esso delle osservazioni. Se poi si avverano si celebra l'avere indovinato, se non si avverano si continuerà a proporre al pubblico curioso nuove osservazioni.
Si trova in Wearable
Dove sono finite le promesse Wearable?
Le tecnologie indossabili sembrano essere sparite dal radar dei media e dalle narrazioni della Rete. Nulla di nuovo o di particolare se non fosse che le narrazioni wearable sembravano essere diventate il nuovo hype da cavalcare e seguire. Una previsione sbagliata basata su una percezione superficiale sia dello stato dell'arte delle nuove tecnologie sia delle tendenze di mercato e dei comportamenti dei consumatori.
Si trova in Wearable
Surplus cognitivo, ricordi e SnapChat
L'attenzione si sa è spaziale e selettiva e si appoggia sulle forze e risorse usate per attivarla. Nell'era del surplus informativo e cognitivo focalizzare la propria attenzione è più complicato da sempre. Cosa succede se ci si fa aiutare da strumenti tecnologici come gli occhiali di SnapChat o prodotti tecnologici indossabili simili? Probabilmente si può riuscire a interagire con l'informazione del mondo esterno in modo più efficiente e soprattutto creare contenuti capaci di trasformarsi in ricordi che durino nel tempo.
Si trova in Lifestyle
Che fine hanno fatto le tecnologie indossabili?
Chi segue l'informazione sul mercato dei gadget tecnologici si ricorda quante narrazioni siano state dedicate all'inizio dell'anno scorso alle tecnologie indossabili e che dipingevano il 2016 come l'anno degli Wearable. Il mercato continua a essere in continuo e dinamico movimento ma sembra oggi attirare minore attenzione rispetto al passato, anche da parte dei media. Un segnale di uno scarso interesse da parte del mercato o di una moda che è stata solo passeggera?
Si trova in Wearable
Altro che occhiali tecnologici, l'occhiale del futuro è creativo e personalizzato!
Tutti parlano di Oculus e di prodotti tecnologici simili, destinati secondo le narrazioni correnti a mutare il panorama delle realtà abitate da persone dotate di occhiali. Queste narrazioni rischiano di essere vittima del loro strabismo, rutto tecnologico. Le vere novità sul mercato dell'occhiale potrebbero in realtà venire dalla creatività e dalla personalizzazione. I numerosi concept di modelli di occhiali che potrebbero arrivare ne sono una esemplificazione significativa.
Si trova in Lifestyle
A cosa mi serve lo smartwatch?
I dati relativi alle vendite di smartwatch non sono esaltanti e segnalano un mercato che cresce di poco, principalmente grazie allo Watch di Apple. E se il problema fosse che i consumatori non riescono a trovare le reali motivazioni per un suo acquisto?
Si trova in Lifestyle
Una storia delle tecnologie indossabili in breve
Fare una storia delle tecnologie indossabili è complicato quanto fare la storia del genere umano e della tecnica (oggi tecnologia). Come in ogni storia anche le tecnologie indossabili hanno avuto i loro pionieri. Personaggi come il matematico Ed Thorp, lo scienziato C.C. Collins impegnato nella ricerca di strumenti per non-vedenti (nel 1977 aveva creato un dispositivo per aiutare i non vedenti a muoversi liberamente e a camminare), Steve Mann (attualmente responsabile del dipartimento d ricerca sulle tecnologie indossabili presso l’Università di Toronto) , Doug Platt, Thad Starner (oggi impegnato anche nel progetto Glass di Google), Claude Shannon, Hubert Upton (inventore di occhiali intelligenti per persone audiolese) e Edgar Matias che ha disegnato con Mike Ruicci il primo computer da polso.
Si trova in Blog / Approfondimenti
Tecnologia e Privacy: non ci sono dati personali innocui
Perchè dovrebbe essere necessario monitorare, memorizzare e archiviare dati personali e sensibili come il battito cardiaco, pressione sanguigna, respirazione, temperatura corporea e altri impulsi vitali? In futuro ad esempio per capire dalle variazioni del battito cardiaco l’eventuale disponibilità di un partner ad una avventura sessuale o per capire se soffre di particolari disfunzioni, anche ti tipo sessuale!
Si trova in Lifestyle
Smartwatch, un mercato che non decolla
Forse avevano ragione coloro che pensano alla improponibilità commerciale di uno strumento tecnologico assimilabile all’orologio. Le nuove generazioni hanno sostituito l’orologio con lo smartphone. Una scelta che appare irreversibile, che ha messo in crisi la svizzera Swatch e ora sembra decretare una crisi del mercato dell’orologio tecnologico e intelligente.
Si trova in Wearable