Novità APP /

APP: scelte, decisioni, implementazioni

APP: scelte, decisioni, implementazioni

16 Settembre 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Ogni sviluppatore, software house e azienda lo sa molto bene. Decidere quale strada intraprendere nello sviluppo di una APP non è semplice. Una APP può far aumentare la produttività e l’efficienza aziendale, ma scelte, decisioni e implementazione devono essere quelle giuste!

Scegliere non è semplice, anzi è complicato. Nella realtà aziendale attuale, alla ricerca di strategie per la mobilità e pervasa dalle applicazioni mobili e dalla ricerca di facili vantaggi, il rischio di fare scelte sbagliate e investimenti onerosi e senza tornaconto reale, è elevato. I problemi principali non sono quelli solitamente dibattuti in riunioni tra esperti e manageriali. A determinare il successo o l'insuccesso di una APPlicazione mobile in azienda possono essere infatti aspetti quali il rispetto della pivacy, la finalità e lo scopo associati alla applicazione, l'uso che ne fanno gli utenti, il supporto che il dipartimento IT è in grado di fornire.

In ogni caso, anche se l'implementazione di una APPlicazione non si traduce nei benefici e ventaggi desiderati, le applicazioni non sono da buttare ma da ripensare e riproporre con altre modalità e finalità.

Il più delle volte la decisione di sviluppare una nuova APP nasce dalla scelta, psesso puramnete tecnologica, tra sviluppo di applicazioni native o web. Una scelta così netta nella realtà non si pone quasi mai . La scelta dipende infatti da molteplici fattori come l’esistenza in un’organizzazione delle risorse e delle competenze adeguate, della cultura e dei budget che servono o dalla impossibilità di avere versioni diverse della stessa applicazione.

Lo sviluppo nativo non deve essere sovrastimato così come quello di applicazioni web non può essere ritenuto inefficace. Se è vero che le applicazioni native possono trarre vantaggio delle specificità di ogni ambiente operativo, quelle web sono più facili da aggiornare, sono più compatibili e tramite HTML5 possono a loro volta trarre vantaggio delle funzionalità specifiche della piattaforma su cui sono state implementate.

Più della scelta tecnologica e del suo costo, nella scelta di quale ambiente di sviluppo selezionare, conta la maggiore o minore facilità nella gestione e nel supporto da un punto di vista IT e dalla facilità d’uso da parte dell’utente finale. Applicazioni difficili da gestire e non facili da usare difficilmente troveranno il supporto dell’utenza finale che opteranno per applicazioni disponibili liberamente sugli store con l’obiettivo di soddisfare i loro bisogni lavorativi nel modo migliore.

Un altro aspetto sempre più critico dello sviluppo di APP, oltre alle prestazioni, è il tema della privacy. Le performance di una applicazione dipendono spesso da nuovi algoritmi e interfacce e dalla ridefinizione di processi e procedure, resi possibili dalla mobilità, ma anche dalla capacità di raccogliere dati per una loro misurazione. Le aziende fanno questo con strumenti di MDM che associano i dati raccolti a persone ben identificate e mai anonime. Questo tipo di ‘spionaggio’ è percepito dagli utenti come un abuso e deve essere attentamente gestito, ad esempio informando l’utente che lo si sta facendo e come lo si fa.

Bisogna poi chiedersi se e quanto l’applicazione implementata soddisfi un reale bisogno e se sia funzionale alla ottimizzazione di un processo allo scopo di maggiore produttività.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


MNM dev

Vai al profilo

AnguriaLab

Mobile Apps & WebApps for agencies and companies. Reusable and flexible components...

Vai al profilo

Aidilab srl

Nata nel 2010 come startup dell’Interaction Design Lab (IDA) dell’Università di...

Vai al profilo

NeaLogic

NeaLogic è specializzata nella realizzazione di soluzioni mobile compatibili con...

Vai al profilo