Novità APP /

AppMarket: un portale per dominarli tutti

AppMarket: un portale per dominarli tutti

23 Maggio 2012 Matteo Bertani
SoloTablet
Matteo Bertani
share
Un nuovo portale come punto di riferimento per la ricerca di applicazioni indipendentemente dalla piattaforma, con focus particolare per la lingua italiana

"Perché realizzare un motore di ricerca multipiattaforma per apps?"

Questa la domanda con cui inizia la presentazione di FullApps, neonato portale tutto italiano, che ha come scopo principale la volontà di superare i limiti imposti dagli store dei vari competitor, fornendo un punto centralizzato in cui l'utente possa cercare l'applicazione che fa per lui, ottenendo in uno solo colpo risultati riferiti alle diverse piattaforme.

App Store per iOS e Google Play per Android i servizi al momento supportati, ma è già in cantiere l'estensione all'universo delle app per Facebook, nonché per l'attesissimo Windows 8. Propulsore del progetto il mercato mobile, tra i più dinamci del momento, e quello delle app da esso generato, con l'ingresso di nuovi competitor di tutto rilievo (Microsoft appunto) ormai alle porte. A corredo la prospettiva di nuovi dispositivi (le Smart TV tra tutti) che prevedono per l'utente medio uno scenario in cui sarà sempre più comune possedere gadget teconologici di marchi diversi, sui quali saranno sempre e comunque le app a fala da padrone, creando la necessità di diversificare le possibilità di ricerca, superando i vincoli tipici di universi chiusi e in competizione tra loro.

La presentazione continua sottolineando un altro aspetto peculiare del portale, sintetizzato dalla risposta alla domanda "Qual é il senso di andare oltre l’inglese come lingua di ricerca delle applicazioni?".

Molto semplicemente la mancanza di uno store di riferimento per applicazioni Made in Italy, in contrasto con il trend di crescita del mercato nel nostro paese, terreno fertile per qualsiasi progetto di business ad esso correlato. In ultimo ma non da ultimo "perché la combinazione delle stringhe" di ricerca digitate in italiano "sono proprietà poco diffuse nelle descrizioni delle apps sul marketplace originario, e in generale, in tutto il materiale informativo italiano dedicato alle apps", rendendo scarsi, se non vani, i tentativi di garantire risultati conformi alle aspettative attraverso gli algoritmi di ricerca comunemente usati.

L'origine prettamente accademica dei fondatori trasforma le varie sottosezioni del portale in un ricettacolo di base per temi connessi all'information retrival, fornendo spunti per un dibattito aperto e costruttivo, anche sull'utilità e la validità del portale stesso: perché "tutti i commenti/critiche/feedback sono ben accetti!" come apertamente recita l'apposita pagina di Facebook.

Auguri quindi da Solotablet per la riuscita di un progetto che principalmente vuole, tra gli altri, innovare il servizio offerto all'utilizzatore finale della tecnologia del nostro tempo.

Tag
comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


DUECI

Il mondo Apple per le aziende e gli ambienti di produzione - Sviluppo software su...

Vai al profilo

Diginet srl

Società di consulenza operativa di marketing, advertising e project management sui...

Vai al profilo

Michael Rovesti

Mi chiamo Michael Rovesti sono un developer alle prime armi di Reggio Emilia questa è la...

Vai al profilo

Techmobile

Vai al profilo