Novità APP /

Attenzione alle cattive pratiche. Google non perdona

Attenzione alle cattive pratiche. Google non perdona

29 Luglio 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Il motore di ricerca di Google penalizza le cattive pratiche. Naturalmente sulla bontà o meno di una pratica decide Google, ma alcune di esse sono sempre più irritanti e tali da comvinere Google ad agire in difesa del consumatore navigante.

Come ben sanno i professionisti che si occupano di attività SEM/SEO, Google è costantemente impegnata nella ricerca e implementazioni di esperienze di ricerca in grado di soddisfare  bisogni degli utenti. Uno degli ambiti di maggiore interesse e impegno è ora quello delle piattaforme mobili, smartphone e tablet. Su questo fronte Google è impegnata ad investigare e a scovare soprattutto quei siti che fanno un uso inadeguato delle loro risorse procurando irritazione e disagio agli utenti.

Il messaggio che Google lancia a tutti coloro che intendono fare uso del web per comunicare prevalentemente ad utilizzatori di dispositivi mobili è chiaro: qualsiasi cattiva pratica verrà punita con un ‘ranking’ basso che penalizzerà posizionamento e visibilità del sito online. Non è chiaro se questa investigazione di Google si applichi a tutti i siti o solo a quelli che al momento dell’apertura verificano se la richiesta è arrivata da computer o da mobile.

Per chi è interessato ad evitare la punizione di Google, una visita sul blog di Google fornisce alcune utili indicazioni:

  • Evitare re-indirizzamenti fasulli su siti mobile che non dispongono degli stessi contenuti del sito PC che interessano all’utente.
  • Fare attenzione a link che producono un errore 404
  • Fare ricorso a video che non funzionano sul dispositivo mobile
  • Insistere con la presentazione di una icona/immagine per il download di una applicazione
  • Evitare link che da dispositivo mobile portano a contenuti disposnibili solo per il sito PC
  • Fare attenzione ai tempi necessari al caricamento di una immagine

 

I produttori di APP sono avvisati. Promuovere la propria APP va bene, promuoverla troppo può irritare i consumatori e utenti della rete ma anche Google e il suo motore di ricerca.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Synesthesia srl

Synesthesia si occupa di Information Technology da oltre un decennio. Diamo vita alle...

Vai al profilo

Andrea Parisse

Enterprise Architect Sono laureato in Informatica e lavoro nel settore ICT di una...

Vai al profilo

Jekolab Srl

JekoLab, un laboratorio creativo Fondata a Torino nel 2011, JEKOLAB è specializzata...

Vai al profilo

Cidroid

Cidroid nasce inizialmente come divisione di Nexus s.r.l., un’azienda che opera dai...

Vai al profilo