Novità APP /

È scoppiata la febbre di app!

È scoppiata la febbre di app!

15 Maggio 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
C'era una volta un tempo in cui i telefoni cellulari erano pieni soltanto di numeri e, al più, di messaggi di testo. Oggi c'è talmente tanto materiale in uno smartphone che la rubrica telefonica conta forse soltanto per l'1%: messaggi, foto, video, appunti, a volte persino cd e libri interi. E soprattutto app. tante, tantissime app, di ogni genere, tipo, prezzo, dimensione e soprattutto scopo.

Le applicazioni sono diventate parte integrante, anzi, fondamentale non solo degli smartphone, i telefonini di ultima generazione, ma anche dei tablet.

Fare un elenco delle app è praticamente impossibile. Alcune sono disponibili sia per gli utilizzatori del sistema operativo iOS (quello degli iPhone e degli iPad, per intenderci), che per Android (di cui Samsung è il principale esponente), altre invece si possono trovare solo dall'una o dall'altra parte. Ma non c'è da preoccuparsi, perché se un'app è disponibile solo su iTunes, nel giro di poco ne troveremo una simile su Google Play. E viceversa.

Alcune app hanno già fatto la storia. Come per esempio Ruzzle, un gioco molto semplice in cui bisogna trovare delle parole a partire da una griglia: sfidare amici e sconosciuti a chi trova il maggior numero di parole, o la parola più lunga, o ancora quella che garantisce il migliore punteggio, è un'attività che ha stregato milioni di utenti in tutto il mondo.

Recentemente, gli sviluppatori di Ruzzle hanno prodotto Quiz Cross, una specie di super-quiz dove bisogna dimostrarsi più abili e intelligenti degli amici.

Molte applicazioni del genere sono a pagamento, oppure hanno anche la versione gratuita (proprio come Ruzzle) a patto di sopportare un po' di pubblicità.

Altre applicazioni invece sono completamente gratis, come ad esempio quella che permette di calcolare le probabilità di vittoria nel poker a partire da una semplice fotografia. Altre ancora non prevedono versioni gratuite, ma solo a pagamento - come la maggior parte dei giochi che occupano diversi megabyte di spazio.

Ma che siano completamente 'free', che si paghi per acquistarle o che altro, le app sono diventate un passatempo (a volte utile, a volte di puro svago) per tutti i possessori di dispositivi mobile.

E ogni giorno ne esce una nuova.

Tag
comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Giulio Di Simine

Sono un giovane sviluppatore, ho 18 anni; sviluppo applicazioni da poco più di un anno e...

Vai al profilo

Digitelematica srl

Digitelematica è una software house già attiva in ambienti tradizionali (MF, As...

Vai al profilo

Codermine srl

Azienda di sviluppo web, mobile (android, ios e windows phone) e IOT (internet of...

Vai al profilo

Ciano

-- Senior Web & IOS Innovator, developer --

Vai al profilo