Novità APP /

Quanto rendono le APP? Per tanti non molto! Per pochi tantissimo!

Quanto rendono le APP? Per tanti non molto! Per pochi tantissimo!

24 Settembre 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Il mercato Mobile non avrebbe raggunto le dimensioni attuali se non ci fosse stato il boom delle APP. Le applicazioni e gli store che le ospitano hanno definito la geografia e il perimetro nel quale si sono mossi tutti gli operatori e i consumatori. Gli ecosistemi che ne sono nati sono popolati e frequentati ma non è detto che abbiano creato maggiore ricchezza per tutti.

In questi giorni si parla molto del libro dell'economista sociale Picketty che con il suo 'Il Capitale' ha evidenziato la non sostenibilità di modelli economici basati sulla disuguaglianza. Prima dell'economista francese a denunciare l'insostenibilità è stato il movimento Occupy Wall Street che ha denunciato l'aumento della disuguaglianza dovuta ad una concentrazione eccessiva delle risorse nelle mani di pochi (1%) a discapito della grande maggioranza (99%).

Gli ecosistemi applicativi Mobile sembrano soffrire delle stesse disuguaglianze. La loro popolazione in termini di numero di APP è cresciuta in modo esponenziale, 1,2/1,3 milioni di APP sia per iOS che per Android. Ciò che non è cresciuto, secondo analisti di mercato e studi applicati, è il guadagno per la maggioranza degli sviluppatori che vi hanno investito tempo, risorse e denari.

Il mercato tecnologico continua ad essere altamente focalizzato sulla sua componente Mobile e sullo sviluppo di nuove APP. Questa focalizzazione, comprensibile per l'elevato interesse al Mobile dei consumatori, lo è meno se si guarda ai modelli di business sottostanti e ai risultati economici quantitativi derivanti. Così come nell'economia attuale a dominare entrambi i principali ecosistemi delle APP sono pochi produttori, protagonisti e  beneficiari con le loro APP del successo Mobile. La maggioranza degli sviluppatori si deve invece accontentare di poche centinaia di euro al mese, quando va bene, o di vedere le proprie APP diventare semplici zombie alla ricerca di guadagni che possono derivare dall'effetto coda lunga.

La realtà degli ecosistemi applicativi sembra indicare la fragilità o ‘ingiustizia’ di un modello economico che, così come è strutturato oggi, non può reggere ed è destinato a grandi cambiamenti nel prossimo futuro. Molte aziende e altrettanti sviluppatori saranno allora costretti a rivedere le loro strategie e i loro piani di investimento o a rivedere la loro visione del mercato Mobile per andare a ricercare nuove occasioni di guadagno e opportunità.

L'intero mercato delle APP è condizionato dalla grande capacità marketing di società come Google e Apple che amano descrivere i loro modelli di business come vincenti e allargabili a tutti. Nella realtà si tratta di una grande mistificazione, alla quale molti sembrano semplicemente voler credere e dalla quale sembra emergere un unico scenario composto da poche società che guadgano molto, da un 50% di sociatà o sviluppatori che guadagnano poco (principalmente con il meccanismo della pubblciità inserita nelle APP) e dal rimanente che vede le proprie APP svanire nella nebbia e nel dimenticatoio dei motori di ricerca degli store e diventare veri e propri zombie.

 

app

 

Il modello di business associato alle APP prevalente è quello definito Freemium e in-APP purchase. L'applicazione viene proposta gratuitamente per il download ma il consumatore si ritrova delle promozioni e pubblicità indesiderate sulle quali è chiamato a decidere cosa fare o può decidere l’acquisto dell’applicazione per avere maggiori funzionalità. Il modello presenta alcuni problemi e non è vantaggioso a sufficienza per il consumatore da garantirne la sostenibilità. La maggior parte delle APP, scaricate perchè Freemium, vengono dimenticate e poi cancellate dai dispositivi dopo un utilizzo limitato. Inoltre le promozioni inserite nelle APP hanno un tasso di click molto limitato e decrescente e mai tale da garantire lauti guadagni. Sempre con alcune rare eccezioni!

Le eccezioni confermano la percezione che molti sviluppatori stiano forse perdendo il loro tempo o semplicemente abitando il mondo delle APP per divertimento o perchè spinti dal sogno di potere, prima o poi, emergere dal limbo e primeggiare.

Stante la situazione qualcuno comincia a dubitare sulla validità di modelli di business alla iTunes. Apple ci ha sicuramente guadagnato ma non è detto che i consumatori e altri ne abbiano tratto gli stessi benefici e vantaggi.

Peccato che al momento non sembrano esistere modelli alternativi e che il potere dei consumatori appaia molto limitato e quasi succube rispetto ai modelli vincenti.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


No Bla Bla Marketing

Marketing Outsourcing, Consulting & Projects per aziende alimentari, bevande e largo...

Vai al profilo

Computime Srl

Computime, rivenditore Apple dal 1983, Servizi per l'editoria, Software House. La...

Vai al profilo

Camagames

We’re the Camagames, founded Matteo Carretti to gather on music, graphic and...

Vai al profilo

di-erre software s.r.l.

di-erre software si occupa principalmente di sviluppo software e consulenza...

Vai al profilo