Novità APP /

La terminologia delle APP

La terminologia delle APP

06 Marzo 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
APP o Applicazione? APP, semplice abbreviazione o acronimo di applicazione Mobile? Una APP è solo Mobile? Perché quelle del desktop non lo sono? APP per tablet e per smartphone. Quale differenza tra enterprise APP e consumer APP? Native, Web, Ibride, mobile, geolocalizzate, contestualizzate e molto altro ancora.

Storicamente un’applicazione IT, definita in modo generico, è un servizio messo a disposizione dei membri di una organizzazione o di singoli individui per facilitare lo svolgimento di alcune delle loro attività lavorative e professionali.

L’emergere e il diffondersi delle applicazioni mobili (APP) ha introdotto nuove tipologie di applicazioni,  diverse nello scopo, nelle finalità, nel codice con cui sono state sviluppate, nel linguaggio, nella interfaccia ed esperienza utente, nella portabilità ma  anche  nella terminologia con cui vengono definite.

Il mondo delle applicazioni aziendali è sempre stato molto eterogeneo, vario e condizionato dall’infrastruttura IT esistente: applicazioni legacy, applicazioni mainframe, applicazioni open source, applicazioni PC ecc. Oggi, con l’arrivo delle nuove tecnologie mobili, siamo chiamati a nuove nomencalture e codificazioni, necessarie per fare chiarezza e per comprendere le evoluzioni future.

Per aiutare conoscenza e comprensione, proviamo a fornire un elenco delle denominazioni maggiormente usate e una loro breve descrizione:

APP: APP è un’abbreviazione del termine applicazione, usata per descrivere la logica e gli algoritmi di un programma software scritto per fornire servizi e strumenti utili a risolvere problemi e ad assolvere a funzioni specifiche. A livello cognitivo oggi il termine APP è sempre più riferito alle applicazioni Mobile. La parola Applicazione usata per esteso continua invece a mantenere il suo significato originario. Il termine APP semanticamente associato al Mobile è solitamente determinato da aggettivi: Web APP, Killer APP, APP native, APP ibride, ecc.

Applicazione Web (Web APP): le applicazioni Web sono applicazioni che risiedono su un server della rete e vengono utilizzate attraverso una ‘applicazione’, denominata Browser, residente sulla piattaforma client usata dall’utente.  Qualsiasi componente applicativa accessibile e attivabile da browser può essere considerata una applicazione Web. Queste applicazioni usate all’interno di una azienda offrono maggiore standardizzazione e facilità nel gestire ambienti client eterogenei ( fissi e mobile).

Applicazioni Native (APP Native): applicazioni sviluppate per una piattaforma specifica. Le APP native sono quelle sviluppate per piattaforme Mobile iOS, Andorid, BlackBerry, Windows 8 con appositi SDK (Software Development Kit) o strumenti proprietari forniti dai produttori. Sono Applicazioni native anche quelle sviluppate su sistemi operativi Unix, mainframe, AS400 ecc. Anche le piattaforme di sistema operativo su cui vengono sviluppate le applicazioni native sono sistemi applicativi nei quali sono integrate logiche applicative e servizi diversi.  Il maggiore vantaggio delle applicazioni native è la loro capacità nel trarre vantaggio delle caratteristiche hardware delle piattaforme su cui vengono sviluppate.

Applicazioni Mobili (Mobile APP): Note più comunemente come APP, sono applicazioni sviluppate per dispositivi portatili e Mobile, diversi dai personal computer (laptop, notebook ecc.) come smartphone, phablet, tablet, PDA e telefoni cellulari. Pur cercando di fornire gli stessi servizi delle applicazioni PC, sono solitamente delle entità software più piccole e leggere e con funzioni limitate (giochi, calcolatrice, agenda, ecc.).  Nate per essere usate in modalità ‘standalone’ sono oggi capaci di sfruttare le caratteristiche multitasking dei dispositivi su cui sono installate.  La terminologia APP Mobile è spesso usata anche per indicare applicazioni web che vengono eseguite su un dispositivo mobile.

Le applicazioni più semplici sono semplici ri-scritture o migrazioni delle applicazioni PC. Applicazioni più robuste richiedono un nuovo sviluppo  in modo da trarre vantaggio delle caratteristiche tecniche del dispositivo e delle funzionalità specifiche della piattaforme di sistema operativo.

Il termine APP è stato reso popolare da Apple con la creazione del suo APP Store di iTunes. Possono essere precaricate sul dispositivo o scaricate attraverso internet da negozi online appositamente attrezzati  e denominati Store (iTunes, Google Play, Microsoft Marketplace, BlackBerry World ecc.)  Ogni produttore dispone di un suo Store proprietario che serve a definire l’ecosistema (Windows Mobile, Android, Symbian, Java ME, iOS, BlackBerry,Ubuntu, Linux, Palm ) di appartenenza delle applicazioni e dei dispositivi sui quali possono essere scaricate e utilizzate.

Applicazioni Web Semantiche: terminologia usata per descrivere applicazioni Web che incorporano tecnologie W3C di Web Semantico quali RDF, OWL e altri standard simili.

Applicazioni Enterprise: terminologia usata per descrivere applicazioni o programmi software usati da una azienda per assistere la propria organizzazione nello svolgimento di compiti e attività.  Il termine applicazione associato ad enterprise (aziendale) serve anche per indicare una piattaforma software troppo complessa e troppo grande per essere adatta ad un utilizzo personale o in una piccola azienda. Queste applicazioni sono solitamente disegnate per interfacciare ed integrarsi con altre applicazioni aziendali, per essere utilizzate su tipologie di reti diverse ( internet, intranet, reti private aziendali, ecc.) e per garantire elevati standard di scurezza e amministrazione. Queste applicazioni sono spesso sviluppate internamente e gestite da personale IT interno oppure assegnate in outsourcing ad entità esterne. Oggi il ricorso ad application service providers (ASP) o erogazione di sevizi in modalità SaaS e Cloud è pratica sempre più diffusa.

Alcune delle applicazioni enterprise più comuni sono le seguenti:

  • Amministrazione
  • Maketing
  • Customer Support
  • Call Center
  • CRM
  • Gestione ordini
  • ERP
  • Business Intelligence
  • HR Management
  • Business Continuity Planning (BCP)
  • Enterprise Application Integration (EAI)
  • Sistemi collaborativi
  • Messaging

APP in Cloud Computing: la terminologia Cloud APP è solitamente usata per descrivere una applicazione software che non è mai installata su un computer locale e alla quale si accede attraverso internet. E’ una applicazione che viene eseguita nella nuvola e possiede alcune caratteristiche tipiche delle applicazioni per desktop  (solitamente residenti su un unico sistema) ed alcune tipiche di una applicazione web ( sempre caricate su sistemi server remoti). Come le applicazioni desktop, le applicazioni Cloud possono frnire tempi di risposta elevati e possono essere usate offline. Come le applicazioni Web non devono risiedere su un dispositivo locale e possono essere facilmente aggiornate online. Le applicazioni Cloud offrono il meglio della interattività di una applicazione desktop e il meglio della portabilità delle applicazioni web.

Queste applicazioni non usano storage locale e possono essere usate da chiunque possieda un browser e un dispositivo connesso ad internet. L’interfaccia applicativa può risiedere sul dispositivo dell’utente così come i dati (cache)  che servono per attività offline.

Sono applicazioni Cloud Linebreak per la condivisione di file e alri contenuti multimediali, Amazon Web Services, AppEngine di Google.

Applicazioni Ibride: le applicazioni ibride combinano insieme specificità tipiche delle applicazioni native e di quelle Web. Sono applicazioni che funzionano anche se il dispositivo non è connesso ad internet, utilizzano il file system del dispositivo, se ne possiede uno, e integrano servizi Web. Dati e logica applicativa di queste applicazioni sono spesso separate: i dati sul cloud o nei data center, l’accesso attraverso l’applicazione sulla rete Internet e il Web.

Applicazioni Killer: una applicazione si definisce killer quando la sua forza attrattiva è tale da sbaragliare la concorrenza e suggerire anche la scelta della piattaforma hardware o della infrastruttura nella quale utilizzarla.  L’iPad è un dispositivo killer, Facebook è una applicazione killer….

Applicazioni Legacy: si chiamano legacy le applicazioni natte su piattaforme ( storiche, tradizionali ) che, pur essendo datate, continuano a giocare un ruolo importante nelle infrastrutture IT delle aziende e delle organizzazioni. Nonostante l’evoluzione rapida e travolgente delle nuove tecnologie, le applicazioni legacy sono ancora numerose, soprattutto in alcuni mercati verticali come le banche e le assicurazioni e la pubblica amministrazione. Queste applicazioni convivono e devono integrarsi con le numerose applicazioni che nel frattempo hanno arricchito l’IT aziendale. Molte applicazioni legaci sono codificate con linguaggi ormai superati che richiedono una migrazione a tecnologie più moderne e innovative. Quelle sviluppate con linguaggi standard sono più invece più facilmente portabili. Tutte dispongono in genere di API (Application Programming Onterface) che facilitano la comunicazione con mondi a loro estranei e il loro aggiornamento(integrazione.

Applicazioni Metro (APP Metro): terminologia usata per denominare ed identificare applicazioni sviluppate per la nuova interfaccia tattile dei dispositivi Windows 8 e Windows RT. Benché Microsoft abbia deciso di non brandizzare il marchio Metro, la comunità degli sviluppatori continua ad identificarle con l’interfaccia utente di Microsoft.

 

La terminologia APP/Applicazione ricorre con diversi significati anche nella denominazione di numerosi strumenti di sviluppo o di strumenti di gestione e controllo.

Mobile Applivation Management (MAM): così come il Mobile Device Management (MDM) è uno strumento di amministrazione, gestione e controllo dei dispositivi mobili in azienda, Il MAM o Mobile Application Management è focalizzato sulla gestione delle applicazioni utilizzate su dispositivi mobili come smartphone e tablet. Le soluzioni MAM servono a gestire le licenze d’uso, a garantire e verificare la sicurezza, le configurazioni, la manutenzione, gli aggiornamenti e la gestione delle versioni, l’applicazione delle policy aziendali e la gestione operativa da parte degli utenti.  Grazie alle soluzioni MDM e MAM i dipartimenti IT possono gestire remotamente i dispositivi mobili e le applicazioni in esse installate ed usate.

APP Wrapping: una soluzione usata unitamente al MAM che serve ad aggiungere ulteriori livelli software per la gestione della sicurezza applicativa senza apportare alcuna modifica alle applicazioni. Grazie a questo approccio i responsabili e amministratori IT possono definire e applicare policy aziendali imponendone l’osservanza nelle fasi di accesso ( autenticazione, profili e privilegi) e utilizzo delle applicazioni.

Mobile Application Development (MAD): terminologia usata per definire il processo di sviluppo di applicazioni Mobile. Lo sviluppo non è una variabile indipendente. La scelta dello sviluppo nativo o Web determina la portabilità o meno di una applicazione da una piattaforma ad un’altra. Applicazioni scritte per un sistema operativo iOS difficilmente possono essere economicamente portate in ambienti Android ed è minimo il codice che può essere riutilizzato su piattaforme diverse. Per il momento gli ambienti di sviluppo (MAD) principali, in termini di comunità di sviluppatori, sono quelle delle piattaforme iOS, Android e Windows. Il futuro sarà probabilmente più orientato ad un approccio agnostico costruito attraverso apprpcco applicativi basati sul Web.

Mobile Applicatio Processor (MAP): un processore specializzato nel supporto applicativo di tutte le caratteristiche tecniche ( memoria, multimedia, grafica, ecc.) di ogni specifico dispositivo.  Questo processore è solitamente specializzato e indipendente rispetto ad altri processori. Alcuni produttori sviluppano e producono in proprio i loro processori, altri li acquistano da terze parti e li integrano sui loro dispositivi


comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Orefice

Società di sviluppo app per mobile android

Vai al profilo

Agorà Telematica

Agorà Telematica è un fornitore specializzato di servizi tecnologici capace di...

Vai al profilo

Connexxa

Vai al profilo

Fabrizio Bernasconi

Sviluppatore freelance iPhone, iPad, iPod touch dal dicembre 2008. Collaboro con...

Vai al profilo