Novità APP /

Ma perchè la mia APP non (at)tira?

Ma perchè la mia APP non (at)tira?

08 Giugno 2012 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Hai fatto tutto quello che pensavi necessario per farti notare e far parlare di te ma la tua APP continua a non essere scaricata? Non capisci perchè APP meno interessanti e belle della tua hanno successo e la tua no? Forse è tempo di una riflessione critica. Necessaria se il futuro prevede investimenti nello sviluppo di nuove APP. Essere bravi sviluppatori dovrebbe pagare, ma non sempre la realtà è lineare e ovvia!

Essere dei bravi tecnici e degli esperti sviluppatori potrebbe non bastare. Le applicazioni disponibili sugli store dei vendor sono ormai più di un milione e trovare l'adeguata visibilità non è semplice. Soprattutto non dipende necessariamente dalla bontà e dalla qualità dell'applicazione pubblicata.

Ogni prodotto o idea deve fare i conti con il proprio mercato di riferimento, con i bisogni, le necessità, i comportamenti e le abitudini che lo caratterizzano. In un'epoca in cui più che il prodotto conta la percezione del suo valore nella vita quotidiana ma anche nell'immagine personale di chi lo usa, prima di sviluppare una nuova applicazione sarebbe opportuno valutare con attenzione se per la stessa esista un mercato e delle audience target a cui proporla.

Dopo aver sviluppata e pubblicata un'applicazione è necessario attivare le adeguate iniziative di promozione e marketing della stessa per farla emergere dal calderone generale ( trovare l'ago nel pagliaio) e conoscere ai segmenti di mercato per cui è stata pensata. Per farlo bosogna individuare le adeguate strategie di comunicazione e gli strumenti per farlo. Il ricorso a banner e promozioni pubblicitarie online può essere una strada ma non sufficiente e soprattutto rischioso in termini finanziari (ROI). Meglio forse collaborare con colleghi, partner e collaboratori per una promozione reciproca e condivisa, meglio puntare su un prezzo di ingerzzo di tipo promozionale ed attrattivo, meglio ancora mettere in campo tutte le iniziative utili ( social media, social network ecc.) per far aumentare il numero e la qualità delle conversazioni sull'Applicazione ed, eventualmente, su chi l'ha sviluppata.

Nella promozione attraverso i social media conviene tenere bene presente che Facebook, Twitter, LinkedIn, ecc. non sono canali di vendita e neppure spazi per pubblicità tradizionali. I social media servono e vengono utilizzato per creare reti sociali, gruppi. tribù e soprattutto per fare comunità intrecciando relazioni e interazioni di prossimità finalizzate ad obiettivi sociali e umani e non necessariamente commerciali. Per far conoscere le proprie applicazioni bisogna saper selezionare i gruppi, le reti sociali e le comunità coerenti con i segmenti d mercato scelti e partecipare attivamente alla vita comunitaria in modo generoso e disinteressato. Assumere un ruolo nella comunità rende più probabile un interesse da parte degli altri membri verso le applicazioni sviluppate che si manifesta con l'acquisto ma anche con il passaparola pro-attivo nelle altre comunità da loro frequentate. Twitter può diventare strumento potente di supporto e customer service per coloro che hanno acquistato l'applicazione ma anche per posizionare sè stessi come autorità in ambiti tematici e applicativi specifici. Reputazione e autorevolezza possono diventare strumenti di vendita più importanti di iniziative pubblicitarie e promozionali tradizionali.

Spesso il successo di una APP è strettamente collegato al numero di recensioni ottenute o scritte in piena autonomia e non richieste. La recensione così come la refernza sono le prime conseguenze positive di una attività di comunicazione e social media marketing ben riuscita. A volte a fare la differenza è la stessa Apple che decide di portare in evidenza una determinata applicazione ritendola meritoria di menzione. L'una e l'altra cosa sono collegate. APP molto e ben recensite richiamano la'ttenzione di Apple e viceversa. Negli Stati Uniti sono numerosi i portali dedicati a recensire applicazioni, pochi sono però auterevoli e frequentati.

Avere sviluppato una buona applicazione e averla promossa con le iniziative giuste potrebbe non essere ancora sufficiente a determinarne il successo. Dopo essere stata scaricata dallo store l'applicazione viene subito provata e spesso la percezione sulla bontà e qualità della interfaccia utente finisce per determinare l'uso che dell'applicazione verrà fatto in futuro. Se il design non emoziona e l'interfaccia viene percepita come non adeguata, poco elegante e non sufficientemente perfetta da un punto di vista grafico, tutti gli sforzi fatti si vanificano rapidamente. Non tutti gli sviluappatori sanno anche disegnare interfacce grafiche vincenti. Meglio ricorrere a professionisti ed esperti della materia.

Se anche l'interfaccia applicativa è valida ma l'applicazione non 'tira', la riflessione da trarre è di aver forse sviluppato una applicazione che non serve o che non funziona. Difficile ammetterlo ma meglio farlo per tempo evitando le stesse riflessioni applicate ad altre future applicazioni. Basta essere onesti con sè stessi ed essere disponibili ad apprendere dai propri sbagli falsificando le proprie credenze attuali, per mettersi nella condizione di poter ritentare, questa volta con successo.

 

Buona Fortuna e buon guadagno.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


di-erre software s.r.l.

di-erre software si occupa principalmente di sviluppo software e consulenza...

Vai al profilo

Visual Meta

La più innovativa app per lo Shopping online è ShopAlike.it, la piattaforma...

Vai al profilo

SANMARCO INFORMATICA SPA

Sanmarco Informatica opera nel settore dell'informatica da oltre 20 anni con...

Vai al profilo

Omnys Srl

Azienda ad alta specializzazione ITC (Information & Communication Technology) con...

Vai al profilo