Novità APP /

Marketing delle APP: sembra facile ma non lo è!

Marketing delle APP: sembra facile ma non lo è!

17 Luglio 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Il marketing è una disciplina sempre più ‘scientifica’. Deve tenere conto dei risultati multi-disciplinari di scienze come la neuro-biologia, la psicologia, l’antropologia che illustrano come le nostre azioni e i nostri comportamenti sono determinati da motivazioni che vanno ben oltre il gusto o la preferenza per un prodotto o una marca. A volte si sceglie per sentirsi liberi!

Da un interessante articolo che spazia tra tecnologia, psicologia e marketing,  scritto da Nir Eyal su Techcrunch è possibile estrapolare alcuni utili spunti su come impostare una campagna di marketing delle proprie APP sviluppate e pubblicate sugli store.

Ricorrendo ad esempi e ai risultati di un’indagine condotta da alcuni studiosi sull’efficacia di alcune frasi nel chiedere o proporre una cosa, l’autore enfatizza il ruolo della comunicazione nel determinare alcuni comportamenti rispetto ad altri. L’esempio riportato è quello di un questuante che davanti ad un supermercato chiede delle monete per acquistare un biglietto del tram e della differenza che può fare se nel chiederla aggiunge la frase “ma tu sei libero di….”.  Una frase di questo tipo è una tecnica che generalmente funziona perché fa appello alla nostra capacità e abilità nel decidere. Una tecnica che sembra funzionare, sia nella comunicazione verbale che via email. Probabile che tecniche simili possano fare la differenza anche nella promozione di un prodotto o servizio.

target

L’analisi del perché le persone facciano alcune cose invece di altre indica  il ruolo che nei processi decisionali hanno pensieri come “voglio fare” o “devo farlo”. La differenza non è banale, ha a che fare con la scelta tra lavoro e gioco, libertà e schiavitù, efficienza e piacere. Passare il proprio tempo a giocare con una APP sul proprio iPad abbandonando per un momento altre incombenze lavorative è sintomo di autonomia e di libertà, due elementi che rafforzano la motivazione.  Secondo le teorie neuro-scientifiche il nostro cervello non ama ciò che è negativo e ricerca conseguenze positive ad ogni sua azione. Ogni qualvolta si trova a confrontarsi con un obbligo o una forzatura al fare, la cosa è vissuta come una punizione dalla quale si cerca di scappare.

Molti prodotti vengono percepiti nella categoria del ‘devo farlo’ e vissuti come una limitazione alla libertà individuale. Questa percezione ne può impedire il successo di mercato ed impedirne la diffusione. Un prodotto che mette a rischio l’autonomia di scelta dell’individuo facendogli pesare l’assenza di libertà rischia di provocare una maggiore resistenza e/o una ribellione contro l’acquisto ma anche ai comportamenti o abitudini associati al nuovo prodotto. Per avere effetto i prodotti devono far percepire al consumatore la sua autonomia di scelta basata su un atto libero di volontà.

L’alternativa da proporre, è tra comportamenti tradizionali e nuovi facilitando la scelta di questi ultimi attraverso dei meccanismi premianti che enfatizzano la libertà e la semplicità della decisione e le conseguenze positive della stessa. Un prodotto deve essere percepito nella sua componente di leggerezza, piacevolezza, semplicità, positività e non necessariamente in quella di scopo e produttività. Un PC Windows assolve egregiamente a quest’ultima ma un MacBook viene percepito come una scelta libera legata al proprio gusto personale, volontà di distinguersi, status symbol, ecc.

Chi ha sviluppato una Applicazione e non ha ancora impostato alcuna campagna di marketing per la sua promozione dovrebbe riflettere sugli spunti qui offerti e tratti dall'articolo di Techcrunch. Il marketing non è disciplina scientifica ma non è neppure pratica da apprendieti stregoni. A determinare il successo o l'insucceso di un prodotto o di una APP non è necessariamente la bontà o la qualità tecnico-funzionale ma il comportamento all'acqusito del consumatore e come esso si struttura e si manifesta. Non è necessario rivolgersi sempre agli psicologi ma prestare una maggiore attenzione all'analisi del comportamento dei propri potenziali clienti e calibrare le proprie campagne di marketing in modo da soddisfare le loro aspettative, percezioni e forme mentali, è ormai diventato obbligatorio.

Il marketing delle APP sembra facile ma in realtà non lo è!

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


MNM dev

Vai al profilo

Move On

Film al cinema è un applicazione sviluppata da Move On (www.moveon.it) azienda...

Vai al profilo

Fingerlinks

Siamo una startup tecnologica estremamente dinamica. Ci occupiamo di system...

Vai al profilo

mareatek

Vai al profilo