Novità APP /

Per avere successo con una APP bisogna soddisfare bisogni reali

Per avere successo con una APP bisogna soddisfare bisogni reali

29 Novembre 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Possedere un iPad o un tablet Android non significa essere esperti Mobile. Introdurre dispositivi mobili in azienda non è sufficiente a implementare una strategia di mobilità. Le applicazioni sviluppate dai migliori esperti di tecnologie Mobile non sono automaticamente destinate al successo di pubblico.

La retorica sul mondo dei tablet e delle tecnologie Mobili e le molte conversazioni in rete, spesso molto simili tra loro e superficiali, finiscono per oscurare l’aspetto fondamentale della rivoluzione in corso. L’evoluzione tecnologica in atto ha consumerizzato l’information technology mettendo in risalto ruolo e importanza del consumatore e dei suoi bisogni. Produttori e sviluppatori sono chiamati a prestare molta attenzione ai nuovi comportamenti emergenti ed a soddisfare bisogni che sono per loro natura ‘mobili’ e mutanti, che hanno vita breve e sono costantemente alimentati da nuove curiosità e desideri. Sono bisogni che nascono dalla consapevolezza di poter trovare una loro soddisfazione rapida attraverso una delle numerose proposte esistenti e che richiedono nuova attenzione e capacità di ascolto da parte di chi queste proposte sta facendo.

lft

Queste considerazioni valgono per i produttori di hardware, ma soprattutto per chi sviluppa applicazioni. La vita media di una applicazione pubblicata su uno store è di pochi mesi e poche sono le APP che mantengono invariato il loro maggiore o minore successo nel tempo. Il problema non nasce dalla qualità dell’applicazione e dalle sue tecnologie ma dal cambiamento dei gusti, dei bisogni e delle preferenze dei consumatori. E’ a questi che lo sviluppatore deve prestare attenzione piuttosto che all’aspetto puramente tecnologico dell’APP e della sua evoluzione. E’ a questo che si deve adattare lo sviluppatore visionario e innovativo che pensa di saper sviluppare la migliore applicazione del mondo. Avere questa abilità non garantisce il successo e un volume elevato di download.

Comprendere e conoscere il ‘best of breed’ della tecnologia non basta se non si comprendono, si ascoltano e si soddisfano i bisogni del consumatore e destinatario di una proposta applicativa. Riuscire nel compito non è per nulla semplice e può richiedere investimenti in ambiti che esulano dalla pura tecnologia. Aiuta molto dotare la propria applicazione di vantaggi percepiti reali o di componenti/elementi che possono sfidare qualsiasi competizione esterna. Può aiutare predisporre una organizzazione finalizzata allo sviluppo focalizzata e centrata sui bisogni dei segmenti di mercato target ma anche capace di adattare rapidamente la proposizione commerciale ai mutati bisogni e comportamenti del pubblico.

Per chi ha sviluppato una APP e si rivolge ad una agenzia o ad esperti marketing per la sua promozione, quanto detto sopra vale ancora di più e deve essere declinato nel concetto di 'life time value', il valore che una APP è in grado di eorgare per l'intero tempo di utilizzo da parte di un uetnte consumatore. Gli sviluppatori di APP nascono, muoiono e risorgono negli store applicativi in base al numero di download e recensioni positive ricevute. Tutto ciò ha nella realtà minore valenza di quanto non ne abbia il valore che una APP è in grado di generare nell'intera esistenza in mano ad un uttente. Tradotto in altri termini ciò che conta è quanto un utente riesce a generare in termini di guadagno per lo sviluppatore nell'arco di tempo che caratterizza la vita di ogni applicazione.

 

lft2

Fonte: mobileadvertisinghub.com

Il valore generato in termini di lifetime è molto più alto di quanto non si possa immaginare ed è su questo valore che ogni sviluppatore dovrebbe investire in termini di iniziative marketing. Per farlo è necessario conoscere in modo approfondito i propri clienti, studiarne i comportamenti e agevolarli, identificare i bisogni emergenti e soddisfarli e segmentare il mercato di riferimento in modo da personalizzare risposte, funzionalità e soluzioni.

Una strategia finalizzata al lifetime value suggerisce di avere un approccio ed una strategia marketing di tipo misto e diversificato per tipologia di clienti ( promozioni in-app, pubblicità mobile, ecc.) puntando tutto sulla esperienza del consumatore con l'applicazione e su una relazione persistente nel tempo. Meglio puntare sulla 'customer retention' che sul numero di download. Un cliente acquisito e fedele puà più facilmente diventare fidalizzato e diventare così una fonte migliore di nuovo fatturato e profitti. Si può coltivare la fedeltà in mille modi diversi ma soprattutto praticando una conversazione persistente nel tempo in modo da fornire al consumatore sempre nuove 'compellin reasons to buy'. Infine dovrebbe essere parte importante della strategia marketing delle proprie APP la ricerca del cliente 'giusto'. Non servono cioè nuovi clienti, ma clienti profittevoli e capaci di fornire guadagni certi, per un doanload e/o nel tempo. Meglio quindi prestare poca attenzione al valore quantitativo dei clienti trovati e maggiore cura al valore qualitativo di quelli che mostrano un gradimento particolare per le applicazioni sviluppate. Da questo livello elevato di gradimento, soddisfazione e fedeltà può derivare un maggiore volume di affari ed una più elevata profittabilità.

 

lft3

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Simplicissimus Book Farm srl

Simplicissimus Book Farm nasce nel giugno 2006, alla fine di una vera e propria indagine...

Vai al profilo

ARKEBI

Prof. arch. Emiliana Brambilla

Vai al profilo

Solair

Tutti hanno diritto al Better Business

Vai al profilo

100 Things App e giochi per Bambini Genitori e Nonni

La vita di per sé è la favola più fantastica! (Andersen) Anche noi da bravi danesi...

Vai al profilo