Novità APP /

Piccoli grandi social mobile network crescono: PATH!

Piccoli grandi social mobile network crescono: PATH!

06 Maggio 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Facebook è sempre il social network dominante così come Linkedin lo è in ambito professionale. All’orizzonte si sta però affermando una nuova generazione di spazi sociali in rete. E alcuni di questi, come PATH, ancora poco noti, crescono in modo esponenziale.

Con più di un miliardo di utenti, Facebook continua ad essere il leader nel mercato delle applicazioni di social networking. Cresce nel mondo occidentale così come in Africa, Asia e Sud America e lo fa soprattutto grazie alla diffusione e pervasività di piattaforme mobili, smartphone in primis ma anche tablet. In rete Facebook si sta sempre più posizionando come la piattaforma per l’accesso ad Internet e la porta di accesso identitario al web. Con il rilascio della sua nuova applicazione Home per dispositivi Android poi mira a fare da cancello e ponte levatoio per tutti gli utenti mobili interessati alla navigazione in rete da mobile.

L’applicazione Facebook è una delle applicazioni più utilizzate dai possessori di dispositivi Mobile, una delle sette che solitamente un utente utilizza nell’arco di una giornata.

Nonostante i risultati finanziari e bosistici e i record numerasi e quantitativi battuti, Facebook si trova a dover fronteggiare una competizione crescente che viene da nuove startup e produttori e che è alimentata dalla crescente insoddisfazione di molti utenti per il modo con cui i loro dati e profili privati vengono utilizzati commercialmente da Facebook. A nulla sembra essere servita la mossa difensiva di acquistare una società come Instagram, anzi la mossa sembra aver esacerbato ulteriormente gli utenti contrari all’affermarsi di un nuovo monopolio capace di limitare la loro libertà e violare la loro privacy. L’aumentata sensibilità degli utenti alla privacy dei loro dati, unitamente alla molta innovazione resa possibile dalla evoluzione continua della tecnologia, crea un terreno fertile per nuove proposizioni da parte di nuovi attori.

Facebook si trova così a dover confrontarsi con realtà come App.net, un social network a pagamento ( iscrizione/abbonamento) fatto di applicazioni libere da pubblicità e che offre la costruzione di uno spazio cloud privato, condivisibile ma nel pieno rispetto delle volontà e decisioni dell’utente sull’utilizzo che può essere fatto dei dati condivisi. App.net propone applicazioni che aspirano a contendere a Facebook utenze e spazi in ambiti definiti sono Pheed per creativi intenzionati a condividere video, audio, foto, testo e brodcast dal vivo, Incredibooth per chi ama collezionare fotografie ricordo, 1SE (One second everyday) per la raccolta di istantanee video dei momenti più interessanti della giornata, e Kiwi per utenti che vogliono cinguettare senza usare Twitter.

original

A competere con Facebook ci sono anche applicazioni come Path, una novità assoluta perché nata dal passaparola e perché cresce in modo esponenziale con milioni di nuovi utenti a settimana.

Path è una applicazione di social networking Mobile che offre all’utente la condivisione di messaggi e fotografie allo scopo di coltivare relazioni più strette con amici e parenti. La particolarità di Path non sta tanto nelle funzionalità e servizi offerti ma nella sua crescita improvvisa che ha raggiunto in una sola settimana la cifra di 10 milioni di nuovi utenti.

A differenza di Facebook e Twitter, Path è molto restrittiva nel limitare il numero massimo di amici a 150 (numero di Dunbar). L’idea è di favorire la relazione e la sua qualità e obbligare l’utente a selezionare con cura le persone con cui collegarsi e creare interazioni.

Path, oggi alla versione 3.0, non è recente. Nei primi due anni di vita è cresciuto dapprima in Asia, poi in Spagna e ora nei paesi anglo-sassoni e in altri mercati internazionali.

Il suo successo, secondo gli analisti, dipende dalla facilità di utilizzo da mobile e da una interfaccia intuitiva che ha richiesto parecchi mesi di sviluppo e che presenta menu e modalità di navigazione e consumo dei contenuti molto più lineare, comprensibile e semplice rispetto a Facebook su Mobile.

La cosa sorprendente di Path è che sia riuscita ad emergere ed a trovare visibilità in un mercato molto condizionato da ‘pensieri unici’ e prepotere di alcuni marchi come Apple, Facebook, Twitter.  Il successo di Path viene fatto dipendere dall’essere nato non per soddisfare bisogni popolari ma bisogni specifici e non sempre espliciti.  Chi ha sviluppato Path ha pensato prima di tutto a soddisfare bisogni propri sperimentando poi in prima persona quanto l’applicazione fosse adeguata a farlo. Verificata la bontà dell’applicazione, Path ha identificato con cura i propri mercati di riferimento andandoli a cercare direttamente su altri social network come Facebook con l’intenzione di mostrare in cosa fosse differente.

path

Trovato ‘aggancio, creata la connessione e stabilita la relazione poi anche con Path si tratta solo di costruire la relazione nel tempo, rendendola sempre più personale e profonda e alimentandola giorno dopo giorno con nuovi messaggi, contenuti, foto, eventi.

Con il suo limite al numero massimo di contatti possibili, Path obbliga ad essere selettivi ma poi favorisce la riuscita della relazione e il suo prolungamento nel tempo. Molto diverso rispetto alla dispersione quantitativa e alla superficialità relazionale di Facebook.

E’ difficile pensare che Path possa raggiungere numericamente Facebook. La maggior parte degli utenti di Facebook non è cosciente dei meccanismi sociali in cui sono invischiati online e dell’uso che viene fatto dei loro profili e dei loro dati. Quando questi utenti se ne renderanno conto è facile pensare che molti di loro opteranno e sperimenteranno social network alternativi come Path.

Perché non farlo fin d’ora?

Se poi Path non fosse soddisfacente, i piccoli social network disponibili in rete da sperimentare sono sempre più numerosi.

provare per credere:

Di questi e altri piccoli social network parleremo nei prossimi giorni. Stay Tune!

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


MamoSoftware

Sviluppo software per passione. Ho realizzato il Gestionale AlfaDesk su piattaforma...

Vai al profilo

Padiglio

Padiglio è una rivoluzionaria custodia per iPad, e tablet in generale, che consente a...

Vai al profilo

Sanmarco Informatica

Conoscenza, consapevolezza, spirito di gruppo, sono le parole che riassumono il nostro...

Vai al profilo

Giorgio Peressin

Dedico il mio tempo alla mia passione: sviluppare app.

Vai al profilo