Novità APP /

Sviluppare un'APP è come scalare l'Everest, facile ma pericoloso!

Sviluppare un'APP è come scalare l'Everest, facile ma pericoloso!

03 Novembre 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Molte nuove idee applicative sono veramente fantastiche e tali da motivare ad immediati investimenti e sviluppi software. La maggior parte di queste idee portano verso il nulla e in alcuni casi verso il baratro. Sviluppare APP è come scalare l'Everest, abbastanza semplice ma estremamente pericoloso, soprattutto se non si dispone di ossigeno a sufficienza.

A leggere i numerosi scritti che circolano in rete sull'economia delle APP, la percezione è che tutti si stiano arricchendo. Per essere onesti bisognerebbe invece insistere su quanto sia difficile avere successo con una APP e che non esistono regole o ricette predefinite capaci di determinarlo.

Ogni singolo sviluppatore o software house che si cimenta nello sviluppo di una applicazione Mobile dovrebbe sapere che si sta incamminando su un percorso all'apparenza facile ma nella realtà molto complicato. Per usare una metafora è come scalare l'Everest, una montagna difficile e pericolosa che si può scalare con o senza portatori e guide, con o senza ossigeno, da una via piuttosto che da un'altra, appoggiandosi ad una grossa spedizione che garantisce la vetta in cambio di una cifra di 35000/60000 dollari o in solitaria. La similitudine con l'Everest non è casuale perchè pur essendo la montagna del mondo più alta è anche una delle più 'facilmente' scalabile. Molto diverso invece è ad esempio il K2 (muore un alpinista su quattro che ne tenta la scalata) per non parlare del Cerro Torre nella Patagonia argentina.

 

ev1

 

Scegliere la scalata in solitaria può essere la scelta vincente ma solo se fatta nel rispetto delle tradizioni e delle leggi della grande montagna.  Qualora si dovesse arrivare in vetta (ad oggi solo 1500 persone ci sono riuscite, dal 1953, e tutte dal versante nepalese considerato relativamente  il più facile) non bisogna fare l'errore di avere concluso il viaggio. I pericoli anzi possono nascere proprio a causa dell'euforia in quota (capita a tutti coloro che si tolgono il respiratore e rimangono incantati a lungo a fotografare) che porta a sottovalutare i rischi della discesa e le condizioni climatiche mai statiche e sempre in continuo mutamento (a ottobre 2014 più di 500 alpinisti sono stati colti da una tempesta di neve che è durata 30 ore e ha causato quasi 40 morti e molti altri dispersi).

La scalata all'Everest richiede grandi e lunghi preparativi e molto allenamento (in media più di un anno), grande motivazione, alcune scelte strategiche e capacità marketing e comunicazionale per affrontare i costi della spedizione. Esattamente quello che serve per sviluppare un'APP con l'obiettivo di guadagnare e di avere successo. Le risorse solitamente sono già disponibili anche se non nella quantità o qualità adeguata. Ciò che manca frequentemente è una strategia complessiva e la capacità a valutare tutte le problematiche di un viaggio che si prospetta lungo, incerto, irto di ostacoli, dominato da grande competitività e dalla presenza sul terreno di molti attori. E' un viaggio che obbliga a combinare insieme molte cose e a partire per tempo. Il viaggio inizia molto prima di partire e non termina mai, soprattutto se si è scalata la cima.

Chi si prepara per un viaggio, come per una scalata dell'Everest, deve convalidare l'idea da realizzare e avere chiari fin dall'inizio vantaggi, benefici e rischi a cui va incontro. Se non si è convinti di potercela fare è meglio rinviare o scegliere altre vie, ad esempio una collaborazione con altre persone o società.

 

ev2

 

Prima di partire è utile predisporre con cura tutto ciò che serve per raccontare la propria applicazione creando narrazioni interessanti per i media e per il largo pubblico e per aumentare visibilità, curiosità e interesse. Gli alpinisti dell'Everest solitamente fanno questo per trovare sponsor paganti e per vedere raccontata in patria la loro avventura. Chi sviluppa un'APP lo deve fare per farsi trovare nello store e dai motori di ricerca della Rete, per presenziare i social network, facilitare il passaparola e per usare i numerosi feedback derivanti al fine di raffinare messaggi, narrazione e comunicazione.

Dopo aver caricato l'applicazione su uno o più store è necessario continuare a comunicare e a costruire nuove iniziative marketing. Un modo per farlo è di lavorare sugli aspetti, le funzionalità e le specificità dell'applicazione. Ad esempio si può parlare del deign come elemento di differenziazione, del supporto all'utenza, delle 'analytics' disponibili attraverso l'APP, ecc. L'alpinista che scala l'Everest lo fa comunicando quotidianamente notizie e novità relative alla sua spedizione e usando canali predefiniti e attivati già prima di partire.

Il viaggio di ogni APP non può essere fatto solo nello store o nell'ecosistema predisposto dal produttore di hardware. Deve essere compiuto in parallelo anche virtualmente costruendo una presenza online finalizzata a fornire informazioni e conoscenze ma soprattutto a costruire comunità di interesse e canali sociali di comunicazione e interazione. Lo si può fare con una presenza costante sui social network attraverso pagine dedicate, gruppi, comunità o costruendo un sito/portale ad hoc con integrate tutte le tecnologie collaboratiove e web 2.0 disponibili.

Ogni tipo di racconto e canale comunicativo deve servire a raccogliere feedback, critiche, suggerimenti, richieste. Molte di queste osservazioni non saranno riferite all'APP ma anche alle strategie marketing e  alle iniziative messe in cantiere e possono servire per rapidi aggiustamenti. Interagire con quanti forniscono un loro feedback è utile a sofddisfare i loro bisogni e a fidelizzarli ma in particolare a alimentare il passaparola e l'interesse di un pubblico più vasto.

In rete non è necessario o sufficiente comunicare direttamente. Lo si può e deve fare anche attivando collaborazioni che portino altri a raccontare l'impresa. Ogni APP, così come ogni spedizione alpinistica, dovrebbe avere ottime recensioni e coperture giornalistiche e essere raccontata su Blog e media sociali. Le due cose possono accadere spontanemante ma possono anche essere 'aiutate' attraverso kit stampa appositamente preparati e comunicati, la selezione dei contatti giusti con cui interagire e il loro coinvolgimento costante nell'intero percorso di viaggio.

 

ev3

 

Le iniziative di marketing e counicazione non possono avere un termine. Devono al contrario durare in modo perseverante nel tempo per mantenere alto l'interesse e il coinvolgimento di chi ha scaricato l'applicazione, per sproarli ad usarla e per alimentare nuovi donwload.

Quello che abbiamo raccontato fin qui è probabilmente noto alla maggioranza delle persone o aziende che hanno intrapreso il viaggio verso l'implementazione di una APP. Conoscere ciò che deve essere fatto non si traduce sempre nella consapevolezza della sua rilevanza e in azioni concrete.

Per chi volesse approfondire quanto sia importante coniugare teoria (strategia) e pratica (sviluppo e attività marketing) può leggere quanto SoloTablet ha pubblicato sull'argomento:

 

Quelle fin qui elencati sono solo una minima parte dei numerosi articoli pubblicati da Solotablet sullo sviluppo delle APP e destinati a chi sviluppa o lo vorrebbe fare.

Potete scoprire altri articoli navigando il portale o chiedere informaziono contattandoci.

 

ev4

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Digital E Srl

Digital E da più di 20 anni è una delle maggiori società nel campo dell'education e...

Vai al profilo

Studio 361° di Michela Di Stefano

Studio 361° è un Network di professionisti del settore, uniti dalla comune passione...

Vai al profilo

MG SoftDroid

Programmatore neofita, realizza App Android indirizzate agli studi prevalentemente...

Vai al profilo

Giorgio Peressin

Dedico il mio tempo alla mia passione: sviluppare app.

Vai al profilo