Novità APP /

Una APP per partecipare alla ricerca scientifica, nome in codice BOINC

Una APP per partecipare alla ricerca scientifica, nome in codice BOINC

11 Agosto 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
I possessori di uno smartphone Android potranno presto essere protagonisti di un importante progetto di ricerca scientifica. Senza fare nulla e semplicemente mettendo a disposizione la potenza di calcolo del proprio dispositivo quando non è utilizzato.

Usando una APP da scaricare sul dispositivo sarà possibile cedere la capacità di calcolo dello smartphone quando è a riposo perché in carica. L’pplicazione è stata sviluppata dalla università di Berkeley e permetterà di contribuire a vari progetti di ricerca, dalla medicina alla fisica e alla scoperta dello spazio.

CONSIGLIATO PER TE:

A cosa mi serve lo smartwatch?

La nuova APP si chiama BOINC (Berkeley Open Infrastructure for Network Computing),  come il progetto della università creato per sostenere 50 progetti in tutto il mondo. BOINC è una soluzione software che permette di sfruttare la potenza di calcolo di computer individuali messi a disposizione dai loro proprietari per l’analisi di dati, la simulazione e altri calcoli che potrebbero richiedere supercomputer e costi proibitivi per molte realtà di ricerca nel mondo.

 

boinc

La nuova applicazione per pittaforme Android è disponibile da fine luglio 2013 ed è compatibile con la versione 2.3 e quelle successive. L’applicazione servirà a sostenere vari progetti come Einstein@Home, per la ricerca di di dati e segnali radio interstellari, FightAIDS@Home, impegnato nella ricerca di nuove cure per terapie anti AIDS, World Community Grid. Altri progetti supportati sono Asteroids@home, della Charles University di Prague; OProject@Home; e Yoyo@home.

Il progetto punta sul fatto che ci sono più di un miliardo di dispositivi Android in giro per il mondo e che la somma complessiva della loro capacità di calcolo è superiore a quella del più grande supercomputer convenzionale oggi esistente.

Lo sviluppo dell’APP è stato finanziato dal Max Planck Institute impegnato nel progetto Einstein@Home, da Google e da National Science Foundation, IBM ha contribuito alla creazione della interfaccia utente a alle fasi di testing della versione beta.

L’applicazione entrerà in funzione solo quando il dispositivo è in carica ed avrà superato il 95% di capacità. Comunicherà con l’applicazioni BOINC via internet su connessioni Wi-Fi.

Presto disponibile anche una versione dell'applicazione per piattaforme iOS.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Connexxa

Vai al profilo

Sandro Sanna

Docente

Vai al profilo

UnlockYourBrain GmbH

UnlockYourBrain GmbH è una start-up con sede a Berlino. Crediamo fortemente nel...

Vai al profilo

Orefice

Società di sviluppo app per mobile android

Vai al profilo