Novità APP /

Valutare la bontà di una APP è una missione impossibile!

Valutare la bontà di una APP è una missione impossibile!

10 Aprile 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
La maggior parte degli utenti è in grado di valutare la bontà di una applicazione solo dopo averla scaricata e pagata. Il produttore può essere contento, il consumatore lo è molto meno. Il problema è che risulta molto complicato reperire informazioni utili a misurazioni e valutazioni precedenti all’acquisto o semplice download.

Le centinaia di migliaia di applicazioni disponibili sugli store stanno rendendo la vita molto complicata a consumatori, aziende ma anche a giornalisti e analisti di mercato. Le informazioni disponibili sulle APP pubblicate sono, in genere, limitate, insufficienti, a volte fuorvianti e ingannevoli. Non ci si può neppure affidare alle recensioni o al passaparola del mondo sociale della rete. Le prime sono spesso il risultato di attività promozionali dello stesso sviluppatore e produttore, il secondo è fereuqnetemente manipolato da applicazioni o iniziative finalizzate ad aumentare il numero di LIKE/MI PIACE associato alle comunicazioni o messaggi relativi alla applicazione.

Sugli store le informazioni disponibili utili ad una valutazione utile sono quelle relative alle valutazioni degli utilizzatori, del numero di donwload già effettuati e degli acqisti in-app. Sono numeri utili ma non sufficienti a raccontare cosa è successo dopo il donwload, quanto bassa o elevata è la percentuale di ‘retention’, quanto effettivo è l’uso di una applicazione e quanto è capace di continuare ad attrarre l’utenete che ha operato il donwload.

All’utente che non si lascia prendere dalla ‘furia’ che solitamente si manifesta all’arrivo di una nuova app, soprattutto se ben recensita e oggetto di conversazioni (chiacchiere?) online e che vuole completare il suo processo decisionale all’acquisto con maggiori informazioni e razionalità, ci ha pensato una sociaà denominata Onavo.

E’ una società americana che ha rilasciato un servizio chiamato Onavo Insights che utilizza dati e informazioni per illustrare l’effettivo share di mercato di una appa e l’effettivo utilizzo della stessa da parte degli utenti.

Il nuovo servizio non è nuovo e si troverà a competere con servizi simili come quello di AppAnnie che aiuta il consumatore nella scelta di una APP fornendo informazioni prese direttamente dagli store di Android e iOS.

 

onavo

Onavo Insights i dati li prende invece da due strumenti che vengono utilizzati dai consumatori e che servono a gestire le loro applicazioni mobili e il consumo di dati che con esse fanno quotidianamente. Queste due risorse, Onavo Extend e  Onavo Count generano una grande quantità di dati che vengono poi utilizzati da Onavo Insights per analizzare come e quanto le app sono state utilizzate e le app effettivamente operative.  Con questi dati Onavo ha creato un servizio che offre informazioni aggiornate con cadenza mensile.

Per il momento il servizio è disponibile solo in/per alcune nazioni. Naturalmente gli Stati Uniti, patria di Onavo, ma poi anche Spagna, Francia, Gran Bretagna e Germania.

Per il momento la quantità di dati disponibili e le app valutabili si riferiscono ancora a valori minimi ma l’idea di fornire un servizio di misurazione maggiormente oggettiva delle APP è ottima.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


di-erre software s.r.l.

di-erre software si occupa principalmente di sviluppo software e consulenza...

Vai al profilo

Alternative Apps

Alternative Apps design and develop applications for iPhone/iPod and iPad.

Vai al profilo

Omnys Srl

Azienda ad alta specializzazione ITC (Information & Communication Technology) con...

Vai al profilo

Fabrizio Bernasconi

Sviluppatore freelance iPhone, iPad, iPod touch dal dicembre 2008. Collaboro con...

Vai al profilo