A scuola con il tablet /

A Bollate inizio anno scolastico con il tablet

A Bollate inizio anno scolastico con il tablet

17 Settembre 2014 Redazione
Redazione
Redazione
share
Una disponibilità limitata che non potrà soddisfare il desiderio di ognuno dei 6000 studenti di Bollate. Cento classi a tempo pieno potranno però disporre ognuna di un tablet. Un investimento da 30000 euro ha permesso l'introduzione del tablet in tre Istituti Comprensivi bollatesi. A partire dal primo giorno di scuola.

La notizia è stata ripresa dal quotidiano cittadino Qui Bollate.


Se ne fa un gran parlare, ma le scuole italiane veramente innovative sono ancora poche. A Bollate, invece, il tablet c’è e la didattica digitale, dall’anno scolastico 2014/2015, farà grandi passi avanti. Oltre 100 i tablet consegnati agli insegnanti di tutti i tre Istituti Comprensivi bollatesi per un investamento totale di circa 30mila euro. In pratica, si avrà un tablet per ogni classe, sia a tempo pieno che a modulo, a partire dal primo giorno di scuola. 

“Come Amministrazione – commentano il sindaco Stefania Lorusso e l’assessore alla Pubblica istruzione Marinella Mastrosanti - abbiamo deciso di investire una cifra cosiderevole per l’acquisto e l'utilizzo dei tablet nelle nostre scuole perché crediamo nella digitalizzazione dell’istruzione e nella necessità di una scuola sempre più moderna e al passo con i tempi”.

Il progetto tablet di Bollate risponderà a tre diverse e specifiche necessità:

  • Fornire gli Istituti Comprensivi  bollatesi di registri elettronici, richiesti dalla nuova normativa ma per i quali le scuole non avrebbero avuto le risorse;
  • Avere, sul lungo periodo, una minor spesa per l’Amministrazione, in quanto gli insegnanti provvederanno, grazie al nuovo strumento,  a prenotare direttamente  i pasti della refezione scolastica senza alcun costo aggiuntivo di personale;
  • Stimolare la didattica digitale molto richiesta dagli insegnanti ma di difficile attuazione per le scarse risorse disponibili. I tablet acquistati, infatti, serviranno anche a rendere realizzabile il progetto di didattica digitale Trova Elabora Condividi, presentato dalle scuole, che sarebbe rimasto sulla carta senza un’adeguata strumentazione.

“La scuola – continuano sindaco e assessore -  arriva sempre un po’ in ritardo rispetto allo sviluppo tecnologico del contesto sociale. Con questo progetto desideriamo ridurre la distanza tra il sapere scolastico e il mondo dei ragazzi negli istituti di Bollate. Non si tratta, ovviamente, di mettere sullo stesso piano scuola e mondo multimediale ma di riuscire a sfruttare le opportunità offerte dai nuovi canali di comunicazione per raggiungere, aumentare e rendere più fruibili i saperi”.

A cura dell’Amministrazione anche la formazione ai docenti che, nei prossimi, giorni avverrà nelle singole scuole dando la possibilità a tutti di imparare autilizzare il tablet, a scoprirne le potenzialità e i possibili utilizzi in classe.

Scuola: I numeri di Bollate

Saranno circa 6000 gli studenti che, tra pochi giorni, varcheranno i cancelli degli istituti di Bollate. Si tratta di 915 bambini iscritti alle scuole dell’infanzia, 1687 che delle scuole primarie, 977 delle secondarie di primo grado e oltre 2000 gli studenti iscritti alle secondarie di secondo grado (Istituti Primo Levi ed Erasmo da Rotterdam).

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Droidcatalogue

Droidcatalogue è un'azienda giovane e tutta italiana. Nata nel 2012 grazie alla...

Vai al profilo

NewsCinema

NewsCinema è una testata giornalistica online su www.newscinema.it e...

Vai al profilo

Raffaele Gentiluomo

Computer Grafica

Vai al profilo

Stefano Galizia

Sviluppatore iPhone ed Android

Vai al profilo