A scuola con il tablet /

Buone pratiche nella creazione di materiale scolastico

Buone pratiche nella creazione di materiale scolastico

18 Febbraio 2016 Redazione
Redazione
Redazione
share
Predisporre materiale per la didattica e per l’apprendimento non è mai stato un compito facile. Non lo è a maggior ragione oggi in un’epoca completamente trasformata dalla tecnologia e dalla sua pervasività. Gli studenti hanno ancora gli zaini carichi di libri cartacei ma sempre meno. I libri di testo rimangono un asset importante della formazione scolastica ma l’esperienza dello studente odierna è molto diversa da quella delle generazioni passate. Il cambiamento è determinato dalla presenza e dal ruolo strumenti digitali e di prodotti adattativi che hanno trasformato le classi in spazi digitali e innovativi dove apprendere con giochi, applicazioni, corsi interattivi e simulazioni.

La ricchezza delle risorse oggi disponibili per l’insegnamento è tale da obbligare editori, autori di libri e materiali didattici, insegnanti e studenti a confrontarsi con nuove sfide e a sperimentare molteplici opportunità. Oggi molto materiale didattico è di tipo adattativo ed è costruito su contenuti di elevata qualità. Grazie a soluzioni tecnologiche (Pathblazer™ , LightSail Literacy ) è oggi possibile adattare e personalizzare i materiali di lettura in base alla capacità e al grado di lettura di ogni studente. Queste soluzioni eseguono una verifica in tempo reale dei miglioramenti in corso proponendo testi diversi pescati all’interno di archivi con decine di migliaia di testi diversi.

I nuovi dispositivi digitali introdotti in classe aiutano lo studente grazie alle loro interfacce sensoriali e tattili. Con il semplice tocco delle dita è possibile svolgere compiti di matematica e risolvere problemi. L’interattività dei nuovi strumenti e delle loro applicazioni promuove lo sviluppo di pensiero critico e pensiero laterale. Applicazioni come Axel's Chain Reaction  ad esempio forniscono esperienze immersive capaci di coinvolgere gli studenti in attività che integrano insieme arte e scienze e mettono alla prova gli skill e le capacità di apprendimento dello studente.

Ci sono applicazioni e programmi utili a semplificare la pianificazione e la preparazione delle lezioni mettendo a disposizione materiali, presentazioni e altri file da scaricare per ogni lezione e ogni tipo di materia insegnata. Molte applicazioni usano approcci e modelli standard che facilitano l’apprendimento suggerendo i metodi migliori da applicare.

Grazie alle nuove tecnologie collaborare in classe è diventato più semplice e realistico. Applicazioni come Redbird Mathematics, SpringBoard Digital  e altre impiegano esempi reali, progetti con l’obiettivo di formare gli studenti attraverso forme di collaborazione, anche tecnologica.

I materiali didattici realizzati oggi possono comprendere funzionalità che facilitano la connessione e la condivisione di risorse, eventi e iniziative. Materiali, contenuti, risorse possono essere pubblicati e condivisi online in modo da facilitarne la ricerca, l’utilizzo e la condivisione.

Le caratteristiche dei nuovi strumenti tecnologici per la didattica offrono la possibilità di innovare le forme e i metodi dell’apprendimento. Facilitano un maggiore coinvolgimento degli studenti grazie all’interattività, alle nuove interfacce uomo-macchina, ai linguaggi utilizzati e alle molteplici esperienze scolastiche possibili.

L’introduzione delle tecnologie in classe non è una scelta obbligatoria. Se viene fatta deve essere sostenuta da buone pratiche e dalla scelta di strumenti e materiali pensati per le nuove forme della didattica e per andare incontro alle teste tecnologicamente modificate dei ragazzi.

Chi sviluppa questi strumenti e predispone i loro contenuti deve tenere conto dei cambiamenti in atto che suggeriscono un apprendimento in costante divenire e di tipo adattativo, dell’impiego intelligente di dispositivi e applicazioni dotati di nuove interfacce utente e di modalità interattive e di risorse che devono essere sempre aperte all’accesso, facili da usare, personalizzare e da condividere con altri.

Dotarsi di risorse con queste caratteristiche è diventato per gli insegnanti una scelta obbligata e che suggerisce di prestare grande attenzione a chi ha prodotto queste risorse e alla visione della didattica alla quale si sono ispirati.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Spindox

Spindox opera nell’ambito ICT, fornendo servizi di consulenza, system integration...

Vai al profilo

Vincenzo Falanga

Mi chiamo Vincenzo Falanga e la mia professione è l'innovazione! Tutto ciò che...

Vai al profilo

Surplex GmbH

Surplex è una società leader nella fornitura di macchinari usati, attiva in tutto il...

Vai al profilo

EiS Srl

Operiamo in ambito ICT come System Integrator presentando un’offerta costruita ad...

Vai al profilo