A scuola con il tablet /

La complessità dell’insegnare in tempi tecnologici e di cambiamento

La complessità dell’insegnare in tempi tecnologici e di cambiamento

26 Agosto 2013 Redazione
Redazione
Redazione
share
A rendere complicato il rientro a scuola c’è la questione aperta dei precari e della loro stabilizzazione come insegnanti di ruolo. Complessa invece è diventata la pratica dell’insegnamento che si deve confrontare con i cambiamenti dettati dalla tecnologia e dai nuovi comportamenti e modi di pensare degli studenti.

Gli insegnanti bravi e competenti sono sicuramente di più di quelli che i media e molta opinione pubblica vorrebbero farci credere. Sono bravi per preparazione, competenza, esperienza acquisita e capacità di adattamento alle novità e al cambiamento. Orientarsi nel caos della scuola e in una realtà sempre più tecnologica e digitale non è però semplice, neppure per loro.

Prima ancora di capire in che modo possano utilizzare i nuovi strumenti tecnologici a scuola e adottare nuove forme di didattica gli insegnanti sono chiamati ad una operazione non semplice che impone loro cambiamenti sostanziali nel loro modo di porsi e nel loro modo di fare didattica. Devono diventare esperti nella pratica dell’insegnamento ma ancor più in quella della ricerca e della investigazione.  Sono chiamati a superare il cinismo dilagante a causa della situazione spesso catastrofica di molte scuole italiane e costruirsi uno schema mentale che faccia da schermo ma soprattutto da incubatore di nuove potenzialità e iniziative ( risorse permettendo). Devono infine coltivare il pensiero critico e aperto e definire pratiche collaborative tra colleghi e con gli studenti.

 

La pratica di condividere la conoscenza acquisita è antica ma non praticata da tutti. Quando si conosce qualcosa è difficile immaginare di non sapere di conoscerla ma è ancora più complicato condividerla. A fare la differenza oggi fortunatamente ci sono le nuove tecnologie. Tablet e altri dispositivi tecnologici favoriscono il passaggio a forme di apprendimento collaborativo che prevedono lo scambio e l’interazione continua. Social media e soprattutto social network permettono una interazione costante attraverso canali di comunicazione diversi e consolidati dalla presenza di tecnologie e strumenti sofisticati e ad hoc.

Le nuove tecnologie, che dovrebbero essere adottate da tutte le scuole, sono strumenti potenti di ricerca e di condivisione. Con la ricerca si va alla verifica dell’autenticità delle fonti e della loro veridicità ma si sviluppa anche la capacità critica legata all’analisi e alla valutazione delle informazioni trovate.

La condivisione accelera la rapidità con cui si acquisiscono nuove informazioni e conoscenze e la loro efficcacia nelle varie pratiche nelle quali vengono utilizzate.  Entrambe hanno bisogno dell’ingresso in aula di tablet e di nuove applicazioni e di una cambiamento radicale nelle forme della didattica e dell’apprendimento.

Quante scuole sono pronte a questo passo?

Quanti insegnanti lo sono?

E gli studenti delle nuove generazioni?

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensate........pubblichiamo volentieri vostri interventi/articoli, anche provocatori!

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Aidilab srl

Nata nel 2010 come startup dell’Interaction Design Lab (IDA) dell’Università di...

Vai al profilo

CREALAB SRL

CREALAB è una società italiana che offre servizi e consulenza nell'ambito del settore...

Vai al profilo

B p 2 srl

Dal 2001 Bp 2 offre la piu ampia scelta di software gestionale online per le aziende e la...

Vai al profilo

DUECI

Il mondo Apple per le aziende e gli ambienti di produzione - Sviluppo software su...

Vai al profilo