A scuola con il tablet /

La scuola senza educazione e i rischi della scuola 2.0

La scuola senza educazione e i rischi della scuola 2.0

01 Dicembre 2015 Redazione
Redazione
Redazione
share
Segnaliamo il libro appena uscito nelle librerie di Adolfo Scotto di Luzio dal titolo Senza educazione. E' un libro a tesi che presenta idee non necessariamente cndivisibili da tutti ma che ha il merito di condividere e suggerire alcune riflessioni sull'uso delle nuove tecnologie nella pratica didattica della scuola italiana. L'autore si propone di dare la sua risposta alla domanda se le nuove tecnologie fanno bene alla scuola. Le risposte in circolazione sono tante quanti sono coloro che interagiscono con la scuola ma serve una riflessione approfondita a partire da chi la scuola la conosce molto bene, l'insegnante.

L'autore di Senza Educazione - I rischi della scuola 2.0, si rivolge fin dall'inizio del primo capitolo al lettore per comunicare le tesi che ha deciso di sostenere e condividere con il suo saggio, un libro provocatorio sul tema dell'educazione come funzione principale della scuola, il cui obiettivo fondamentale deve rimanere la crescita consapevole degli individui.

Secondo l'autore la scuola 2.0 non solo non migliora la situazione attuale ma compromette ulteriormente le già precarie condizioni di partenza: demolisce l'uguaglianza scolastica approfondendo il divario tra chi possiede beni intellettuali e chi ne è privo; non influisce sui buoni risultati degli studenti che sarebbero tali anche senza il tablet.

La prima tesi del libro è che i requisiti della qualità scolastica sono i buoni inseganti e i presidi capaci (quasi una critica indiretta ai presidi manager che, solo perchè manager, non sono necessariamente competenti). Insegnanti ben preparati inseriti in contesti scolastici e organizzativi efficienti possono fare la differenza come dimostrano molte eccellenze italiane. Peccato che nessuna politica o politico sia oggi in grado in Italia di garantire a studenti, genitori e, a maggior ragione insegnanti, un luogo di lstudio adeguato ai bisogni e alle necessità.

La seconda tesi recita che se non esistono i presupposti di una struttura scolatica adeguata e ben amministrata o gestita in maniera insufficiente, l'introduzione delle nuove tecnologie non solo non migliora la situazione ma compromette ulteriormente le già precarie condizioni di partenza. Il motivo è che, in assenza di risorse adeguate, investire in tecnologia rischia di disarticolare piani di studio ben congegnati sostituendoli con sperimentazioni didattiche non collaudate e di cui nessuno è oggi in grado di spiegare dove esse possano portare.

La terza tesi sostiene che, in presenza delle condizioni migliori, i buoni risultati degli studenti sono tali anche senza l'ausiio di un tablet. La tecnologia applicata all'istruzione anzi, nelle condizioni attuali, è un fattore di disuguaglianza e che approfondisce il divario tra chi possiede i beni intellettuali e chi ne è privo.

La quarta tesi sostiene che la posta in gioco nn è costituita da giovani che si preparano a un mestiere ma da individui che crescono. Il ruolo dell'insegnante è quello di fornire alla vita nuova dei suoi allievi gli strumenti intellettuali per aiutarli a sviluppare dentro di loro e a portare alla luce problemi di natura morale e intellettuale che solo una persona adulta è in grado di accogliere e comprendere.

Nel contesto attuale di dibattito sulla scuola il testo di  Scotto di Luzio può apparire provocatorio e forse troppo legato alla scuola tradizionale. Nell'esporre le sue tesi l'autore comuque rifugge ogni pretesa o posizione ideologica sottolinenando a più riprese la necessità di un confronto più approfondito sulla realtà dei fatti. Servono riflesisoni critiche, fondate anche su misurazioni reali in grado di evidenziare sia le buone pratiche e i casi di successo sia quelli negativi. Sarebbe un modo ad esempio di rilevare come "classi in cui insegnanti molto aggiornati fanno cose mirabolanti con computer e Internet, funzionavano già benissimo anche prima che si introducessero le nuove tecnologie e che avrebbero continuato a farlo anche senza bisogno di strumenti informatici."

Più provocatorio e assertivo di così.....!

 

Per chi volesse acquistare il libro.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Roma4You

Roma4You è un progetto trasversale unico nel suo genere, contraddistinto da...

Vai al profilo

Solair

Tutti hanno diritto al Better Business

Vai al profilo

Zero Computing S.r.l.

Zero è una web-agency presente sul mercato italiano dal 1992, con l’obiettivo di...

Vai al profilo

Alternative Apps

Alternative Apps design and develop applications for iPhone/iPod and iPad.

Vai al profilo