A scuola con il tablet /

Salesiani a scuola con il tablet

Salesiani a scuola con il tablet

10 Luglio 2012 Redazione
Redazione
Redazione
share
La scuola rinuncia ai libri di carta e i professori vanno a lezione di tablet . Avviene a Bologna, presso il liceo scientifico dei salesiani. Compiti e appunti finiranno sulla tavoletta e la sperimentazione sarà seguita dall'Università di Bologna che ne valuerà anche i risultati ottenuti.

Dal prossimo Settembre la prima del liceo scientifico dei Salesiani di Bologna utilizzerà tablet Android al posto di libri e quaderni sia in classe che a casa.

La svolta serve a dare addio a zaini e libri cartacei per puntare a dare risposte diverse ad una generazione di studenti diventati per generazione ed esperienza dei nativi digitali.

L'idea è di fare risparmiare sul costo dei materiali didattici ma in particolra di sperimentare nuove forme di didattica e apprendimento.

Con l'eccezione del registro di classe e per le verifiche ancora cartacee, tutto il resto sarà digitalizzato e utilizzato con tablet Android sia dagli alunni che dagli insegnanti. Tutti potranno accedere ad una rete locale wireless (ogni utente avrà il suo username e password).

CONSIGLIATO PER TE:

A cosa mi serve lo smartwatch?

L'iniziativa è stata accolta con molto interesse sia dagli insegnanti che da parte dei genitori degli alunni. Secondo don Alessandro Ticozzi, direttore del Salesiani, "La scelta è stata dettata dal fatto che i ragazzi sono tutti nativi digitali, per loro è un linguaggio facile e naturale".

Ecco cosa hanno dichiarato alcuni professori al giornale la repubblica, nell'edizione bolognese:

"Dopo le prime lezioni gli insegnanti si sono rassicurati", racconta don Alessandro Ticozzi. "Ciò che invece non faremo in forma digitale sarà la gestione dei rapporti tra scuola e famiglia, dalle assenze ai colloqui. Il dialogo diretto con i genitori sarà mantenuto, va bene l'informatizzazione ma non così spinta". Il sistema operativo che sarà utilizzato è "Android", i tablet saranno acquistati dagli studenti a prezzi scontati. E ci saranno i pedagogisti dell' Alma Mater a sorvegliare la didattica. Il liceo paritario ha siglato una convenzione anche per avere una valutazione dei risultati dopo il primo anno di lezioni e studio fatti sui tablet.

"Siamo molto contenti di appoggiare questa sperimentazione che coinvolge un'intera classe" spiega il preside della facoltà di Scienze della Formazione Luigi Guerra. L'Ateneo è già coinvolto nel progetto ministeriale "Classi 2.0". "I tablet sono una risorsa e l'uso di queste nuove tecnologie deve portare a leggere ancora di più anche i libri convenzionali".

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


EiS Srl

Operiamo in ambito ICT come System Integrator presentando un’offerta costruita ad...

Vai al profilo

Esse Solutions srl

Quello che ci contraddistingue è una forte competenza tecnica e metodologica...

Vai al profilo

SellSmart

L’applicazione di sales force automation più indicata ai bisogni commerciali delle...

Vai al profilo

MDeeS

software,house,sviluppo,divertimento,per sempre

Vai al profilo