A scuola con il tablet /

Swift Playgrounds di Apple per educare alla tecnologia

Swift Playgrounds di Apple per educare alla tecnologia

15 Luglio 2016 Redazione
Redazione
Redazione
share
Molti protagonisti della rivoluzione tecnologica di questi anni hanno da sempre dedicato tempo e risorse all’educazione fornendo strumenti e applicazioni utili all’apprendimento e alla didattica di materie e argomenti tecnologici. Tra di essi Apple e Google sono all’avanguardia nel fornire a insegnanti e studenti strumenti innovativi e creativi utili in ogni fase dell’apprendimento e dell’insegnamento. Il rilascio di Swift Playgrounds da parte di Apple segna un salto di qualità e apre la strada a nuove esperienze didattiche e di apprendimento.

Annunciato durante l’evento per sviluppatori WWDC 2016 Swift Playgrounds è uno strumento pensato per rendere l’apprendimento della programmazione tecnica facile e divertente. Dotato di una interfaccia interattiva studenti e principianti possono mettersi alla prova con Swift utilizzando lezioni sviluppate da Apple, possono scrivere codice applicativo, risolvere enigmi e affrontare le sfide implicite nei concetti base della programmazione. Con il nuovo strumento Apple entra direttamente nel merito nel business educativo con l’intento di sfruttare conoscenze e punti di forza di Apple per insegnare in modo specifico la programmazione di codice.

Chi ha una certa età è passato attraverso l’esperienza della programmazione in Basic o Cobol e sa che l’apprendimento è avvenuto attraverso la pratica e l’esercizio continuo. Molti di coloro che hanno fatto questa esperienza non hanno poi continuato a programmare ma ancora si ricordano l’importanza della programmazione nella loro comprensione e il loro apprezzamento dei computer delle origini e delle muove e potenti macchine tecnologiche odierne. I Millennial che si confrontano con componenti tecnologici e APP percepiti come nati per fare quello che fanno e che evolvono in maniera quasi naturale e autonoma, possono pensare che la programmazione sia una cosa facile e rapida.

Immigrati e nativi digitali che si confrontano con l’apprendimento della programmazione devono fare i conti con alcuni problemi tipici di ogni attività di apprendimento e didattiche, la voglia di saltare le tappe senza approfondire i concetti base o, al contrario, l’eccessiva attenzione posta alla parte astratta e teorica rimandando sempre più la sperimentazione e la pratica diretta.

Da tempo impegnata nel campo educativo Apple conosce questi potenziali problemi e ha cercato di fornire, attraverso il nuovo strumento Swift Playgrounds, una soluzione che integra pratica e teoria. Lo ha fatto con scelte semplici che prevedono l’illustrazione rapida di concetti astratti seguita dalla descrizione di come il codice software gestisca gli scenari illustrati e dalla sintassi che serve per definire funzioni simili. Il tutto con una forma didattica che integra le istruzioni verbali, la pratica della programmazione e le funzionalità visuali dello strumento applicativo Swift. L’obiettivo è di fornire allo studente la confidenza necessaria a partire rapidamente ma solo dopo avere compreso i concetti base, a iniziare anche senza avere tutte le risposte e di visualizzare immediatamente i risultati delle sperimentazioni fatte per vederne gli effetti e i risultati.

Applicazione è dotata di una guida per istruttori/docenti che descrive gli argomenti da insegnare/apprendere, indica i tempi necessari allo svolgimento degli esercizi e suggerisce utili link alle risorse di supporto online. Tutto sembra essere stato pensato con la didattica in mente rivolta non tanto a persone che hanno già competenze di programmazione ma ad aiutare tutti, in particolare i più piccoli, all’apprendimento della programmazione. L’approccio si è tradotto nella semplificazione delle varie fasi di apprendimento evidenziato dall’uso ottimale degli spazi a video per la programmazione e quella delle varie funzionalità e comandi. L’applicazione dispone di numerosi meccanismi di condivisione che permettono sia agli studenti sia agli insegnanti di esportare pezzi di codice per farlo conoscere a amici o per usarlo e testarlo all’interno di nuove APP in via di implementazione. Gli studenti possono anche fare fotografie, girare video e attivare sistemi di brodacasting su quanto stanno facendo in modo da tenere informati insegnanti e compagni di studi in tempo reale.

Per il momento Swift Playgrounds mette a disposizione solo risorse di Apple. Non sono previste integrazioni di software o contenuti di terze parti ma potrebbero esserlo in un prossimo futuro.

Con l’arrivo di Swift Playgrounds un numero maggiore di ragazzi e giovani potranno farsi tentare dalla voglia di programmare in proprio nuovi oggetti tecnologici, i loro genitori o insegnanti potranno comprendere meglio quanto sia importante suggerire strumenti simili ai loro ragazzi e affiancarli nelle prime fasi di sperimentazione e lo store delle APP vedrà in futuro un numero crescente di nuovi sviluppatori diventati protagonisti con le loro APP grazie a Swift Playgrounds.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Esse Solutions srl

Quello che ci contraddistingue è una forte competenza tecnica e metodologica...

Vai al profilo

Systech Srl

Nata nel 1994, Systech è una azienda specializzata nella progettazione e nello...

Vai al profilo

No Bla Bla Marketing

Marketing Outsourcing, Consulting & Projects per aziende alimentari, bevande e largo...

Vai al profilo

FW LAB AC

Sviluppatore Italiano specializzato nello sviluppo di software per dispositivi...

Vai al profilo