A scuola con il tablet /

Tecnofobi a scuola, una specie in via di estinzione

Tecnofobi a scuola, una specie in via di estinzione

12 Marzo 2014 Redazione
Redazione
Redazione
share
L’arrivo del tablet a scuola ha trasformato il campo di battaglia tra innovatori e conservatori, tra amanti e cultori di nuove forme della didattica e difensori strenui di quelle tradizionali perché sperimentate sul campo, e infine tra amanti della tecnologie e tecnofobi. Dopo tre anni di sperimentazioni questi ultimi sembrano destinati all’estinzione, come i dinosauri!

Per preparare dei ragazzi al loro futuro non è pensabile ricorrere alle stesse forme di insegnamento sperimentate dagli adulti quando erano giovani. Non è necessario fare ogni volta una rivoluzione ma cambiare è necessario, soprattutto se già mutati sono i comportamenti, la cultura e l’apparato mentale e cognitivo dei ragazzi, nativi digitali. Una generazione di tecnorapidi insofferenti a forme di didattica obsolete e non mediate dalla tecnologie e incapaci a seguire e prestare attenzione a insegnati ignoranti in fatto di tecnologia e impossibilitati a interagire con loro con gli stessi linguaggi.

Tablet, APP e dispositivi mobili sono diventati strumenti potenti per insegnanti e studenti, per genitori e figli, sia nelle scuole di primo e secondo grado che in quelle superiori e universitarie. Sono strumenti capaci di connettere la vita reale della classe con quella virtuale dello spazio online, di offrire accesso alla biblioteca universale del web e di collegare scuole, classi, insegnanti e studenti tra di loro. La specificità delle nuove tecnologie sta nella loro capacità innovativa e qualità operativa tutta fondata sulla loro portabilità (APP e software) e trasportabilità (fisica e mobile), connettività e convergenza, facilità d’uso e esperienze utente (interfacce tattili e vocali).

 

 

Molte scuole hanno sperimentato subito le nuove tecnologie, altre con un po’ di ritardo, altre ancora lo stanno facendo. Il ritardo e la lentezza è stata motivata spesso da mancanza di fondi e dalla necessità di interventi strutturali e infrastrutturali nelle scuole e nelle classi ma anche dalla resistenza di professori e insegnanti timorosi che le nuove tecnologie li obbligassero a cambiare modi di insegnare e abitudini didattiche praticate da anni. Il timore e le paure non sono imputabili a professori che non hanno avuto alcuna possibilità di tenersi aggiornati e di apprendere nozioni e conoscenze adeguate sui nuovi strumenti. Oggi sono però tutti chiamati, giovani e anziani, a dotarsi delle une e delle altre e a dimostrare dimestichezza e abilità nell’uso di smartphone, tablet e APP, oltre che PC, LIM, Internet, social network e reti. Sono obbligati dal bisogno personale di aggiornamento e dalla necessità di mettersi al passo con i loro studenti per non finire superati e resi insignificanti in classe e nel loro ruolo di docenti.

Dall’introduzione dell’iPad sono passati tre anni ed è come se, anche a scuola, fosse passato una eternità. Il PC ha impiegato trenta anni a dominare il mondo, il tablet lo sta facendo ad un ritmo dieci volte superiore e con accelerazioni continue che tolgono il respiro e obbligano a scelte radicali, come quelle di non assumere più docenti che non abbaino anche competenze tecnologiche. Naturalmente ciò è vero per paesi come Stati Uniti e Inghilterra, lo è meno in Italia.  Ovunque sta però emergendo una nuova categoria di studenti tecnorapidi che non accetterà più facilmente scuole non altrettanto veloci nell’adozione e nell’applicazione delle nuove tecnologie. Le scuole non possono in ogni caso permettere che si crei questo tipo di allontanamento e divario, senza venire meno alla finalità di formare gli individui e i citadini del futuro.

Per questi motivi non sono più ammissibili ritardi e neppure comportamenti apertamente ostili alla tecnologia e tecnofobi. L’istituzione scuola deve investire, integrare le varie infrastrutture tecnologiche e dotare le classi di quanto serve. Gli insegnanti devono cimentarsi con la tecnologia e da immigrati digitali adattare la didattica ai nuovi strumenti. Chi di loro non intende farlo o non ce la fa rischia l’obsolescenza, l’insignificanza e l’estinzione.

Come i dinosauri spariti per colpa di un meteorite gigantesco, metafora perfetta per il tablet, non in termini di dimensioni ma di capacità distruttiva!

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Merlino DreamLab

Merlino Dreamlab, realizza ebook interattivi multimediale per iPad e Tablet...

Vai al profilo

Hello-Hello LLC

Hello-Hello is an innovative language learning company that provides state-of the art...

Vai al profilo

gandgapp

Sviluppatore Android

Vai al profilo

Appytech Srl

Vai al profilo