Fidelizzazione: istruzioni per l'uso /

Giappone: così lontano... Così vicino nei programmi Loyalty!

Giappone: così lontano... Così vicino nei programmi Loyalty!

02 Novembre 2015 Francesca Dellapasqua
Francesca Dellapasqua
Francesca Dellapasqua
share
Una nuova ricerca, uscita su Enterprise Innovation il 26 ottobre 2015 (recentissima, il tempo di tradurla e verificarla), a cura di Epsilon (leader globale nella ricerca di connessioni tra persone e Brand), riporta il nuovo “sentiment” riguardo ai programmi fedeltà tra i consumatori giapponesi.

I risultati del sondaggio sono in linea con le tendenze che riguardano il mercato americano ed europeo. Peculiarità del prodotto, rapporto qualità-prezzo e servizio al cliente sono le prime tre motivazioni per la fedeltà alla marca.

La scoperta più rilevante è che il 75% delle famiglie utilizza una Carta fedeltà e, tra queste, il 38% usa una Card che consente anche il pagamento.
Programmi Loyalty con carte di credito (40% di peferenza), e-commerce (stessa % di preferenza) e multi- merchant (32% di preferenza) hanno la più alta redemption tra i consumatori.

La familiarità con le Carte fedeltà / di pagamento si deve a Nanaco, il Borsellino elettronico multi-merchant di 7-Eleven, nato nel 2007, che oggi conta 50 partner e più di 37 milioni di utilizzatori. Oltre a Nanaco, altre piattaforme di fidelizzazione cross-industry e legate ai convenience store sono Ponta e T-Point (rispettivamente di Lawson e Family Mart), che hanno più o meno le stesse dinamiche.

A differenza del mondo “occidentale”, in Giappone le mascotte giocano un ruolo fondamentale in questi programmi: Ponta ad esempio è un procione di colore arancio simbolo Loyalty di Lawson, sempre riconoscibile in tutti i punti vendita.


Parliamo di interazione con il marchio.

L’Email è ancora il metodo di comunicazione che il consumatore giapponese preferisce (39%).

Non solo: il risparmio di denaro la motivazione più potente. Il 76% dei clienti desidera ricevere offerte, sconti e promozioni. I più alti livelli di interazione, quindi, non derivano dall’appartenenza a un gruppo o club di prestigio, bensì dall’ottenere il massimo valore per ogni “yen” speso.

E anche in questo siamo davvero vicini all’ “occidente”...

Come in Europa, anche in Giappone siamo alle prese con le nuove tecnologie in ambito Loyalty. 10 anni fa tecnologia equivaleva a sito della promozione, oggi tecnologia significa App.

CONSIGLIATO PER TE:

Le gift card di Shopping Plus

I consumatori giapponesi sono on-line (e su Smartphone) tutti i giorni e interagiscono più volte con la promozione di fidelizzazione per controllare a cosa hanno diritto.
Il 5% degli intervistati sceglie le App proprio come canale preferenziale (gli SMS, per fare un paragone, hanno una preferenza del 4%).

Non sono ancora numeri esorbitanti, ma la tendenza è in crescita.

Mobile, multi canalità, personalizzazione delle offerte e dei servizi conferiscono ai programmi di fidelizzazione un ampio valore aggiunto. Perché è proprio nel soddisfare le più svariate esigenze che si generano affidabilità, sicurezza e... Fiducia!

Giappone: così lontano... Così vicino nei programmi Loyalty!

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Marialuisa Moro, scrittrice

Una restauratrice di quadri, una tela con il ritratto del marito scomparso che la...

Vai al profilo

Ciano

-- Senior Web & IOS Innovator, developer --

Vai al profilo

MamoSoftware

Sviluppo software per passione. Ho realizzato il Gestionale AlfaDesk su piattaforma...

Vai al profilo

Michael Rovesti

Mi chiamo Michael Rovesti sono un developer alle prime armi di Reggio Emilia questa è la...

Vai al profilo