L'Arte Col Tempo Rana /

ART-icolo 17: Più Povero non si può!

ART-icolo 17: Più Povero non si può!

02 Aprile 2015 Walter Coda
Walter Coda
Walter Coda
share
Ridurre, ridurre, ridurre. E ancora ridurre. Si è capito? Bene, ritorniamo al senso primitivo del termine “pensiero” e sentiamoci poveri di materiale e ricchi di naturale, perché dalla forma preesistente che inizia tutto. Cosa è successo? Tutto normale, dalla terra nasce il concetto e l’arte tradizionale non la vogliamo. Anzi, un pappagallo, un igloo e tanti stracci dipingono meglio di una scultura e fanno Arte Povera. Specchi, riflettiamo?

Secondo il famoso e pluripagato e “in linea con le condizioni generali di mercato” storico dell’arte Germano Celant bisogna “impoverire i segni”. Ecco l’origine della corrente artistica italiana che fa dell’arrangiarsi e dell’ingegno creativo i suoi punti di forza. Un po’ come la cara - che suscita sentimenti e non perché costa molto - e amata schedina del Totocalcio, dove 1, X, 2 rendevano 90 minuti della domenica gustosi come uno spezzatino che non si chiama calcio e scommesse di ogni tipo e nome. U canusch a Robet?

L’Arte Povera è importante non solo per l’Italia, ma per tutto il settore artistico mondiale. Dal concetto alla terra, gli esteti dell’evento distribuiscono poesie visive di legno, ferro, plastica, scarti industriali, materiali di qualsiasi uso e genere sociale. Altro che network digitali in pattern grafici geometrici con colori per l’ennesima App, le installazioni e performance “povere” dimostrano come digital fabrication, robotica e stampanti 3D sono l’evoluzione e non l’innovazione. Se non siete d’accordo, scrivete a: waltercoda@artecoltemporana.nonloso.

Accumula, affianca e poi mostra.

Michelangelo Pistoletto è entrato a pieno titolo nel percorso dell’Arte Povera. Egli sa miscelare passato, presente e futuro con l’attenzione per il naturale e l’artificiale che non fa male a nessuno. La sua Venere degli Stracci è simbolo della corrente artistica italiana, un Terzo Paradiso anticipato. Sai quante divinità si potrebbero realizzare a Foggia al mercato delle “pezze americane” del Venerdì? E poi si dice che c’è crisi!

Povera ma non troppo: perché considerarla arte?

Il riciclo e il riuso di oggetti di qualsiasi materiale permette all’uomo di allargare le possibilità creative. E di scoprire che il primo vero artista è la Natura, con tutta la sua bellezza e la diversità glocale. Si, capire il globale attraverso la realtà locale, e riscoprire interessi da un semplice volo di farfalla o dai mille movimenti di un gatto in un prato vicino casa. E divertirsi sempre.

Poveri con dignità, si. Ricchi senza dignità, no.

La carne triste non la vuole nemmeno Cristo!

 


2015 COPYRIGHT © Walter Coda - tutti i diritti riservati all’autore

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Consoft Sistemi S.p.A.

Web & Digital Technology, Big Data, IoT & Telemonitoring

Vai al profilo

FW LAB AC

Sviluppatore Italiano specializzato nello sviluppo di software per dispositivi...

Vai al profilo

Engitel

Engitel è una digital company che si occupa di Web e Mobile sin dal 1995. Realizza...

Vai al profilo

Padiglio

Padiglio è una rivoluzionaria custodia per iPad, e tablet in generale, che consente a...

Vai al profilo