Mercato Mobile /

ICT italiana sempre in profondo rosso

ICT italiana sempre in profondo rosso

11 Ottobre 2012 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
reso noto il rapporto Assintel sul mercato ICT 2012. Il segno è negativo con l'unica eccezione di tablet e cloud computing. Mentre l'hardawre sprononda a -33,6%, i servizi calano del -3,8%. Crolla(-10,8%) la spesa ICT della pubblica amministrazione, colpa della spending review e non solo. Il futuro può ancora diventare roseo ma solo grazie alle nuove tecnologie web e del cloud computing.

E' stato reso noto oggi  il rapporto dell’ per il 2012. I dati sul mercato della ICT italiana segnano una nuova e preoccupante contrazione. Secondo il report dell’, infatti, dal 2008 ad oggi si sono persi quasi 3 miliardi di euro; una contrazione complessiva pari al -3,2% quest’anno. Il  mercato dell’IT in Italia è tornato ai livelli del 2000 (circa 19 miliardi di euro).

Non tutti i dati sono negativi e alcuni vanno letti con attenzione per cogliere tendenze in atto e nuove opportunitò. Se si guarda ai dati del rapporto nel loro insieme si scopre che a perdere sono i settori dei servizi IT, ( un valore di 8,9 miliardi ma ma con una perdita rispetto agli anni precedenti del 3,8%), e dell’hardware con un -9,4%, che sprofonda maggiormente con un -33,6% nel segmento per desktop. Sale però con un +52,1% e in controtendenza il settore dei (valore pari a 600 milioni di euro).

La contrazione sul fronte dell’hardware per PC  rispecchia i trend mondiali che vedono oggi molte aziende alla ricerca di nuove strategie e mercati soprattutto nei segmenti di mercato di smartphone, tablet e servizi/applicazioni ad essi associati.

I dati relativi alle nuove tecnologie fanno presagire una ripresa tanto più rapida quanto più allineata coin in trend di crescita dei nuovi mercati. Il software segna un +0,8%, ma il computing presenta, in netta controtenenza rispetto al trend complessivo,  una fortissima espansione (+57,8%). Secondo il presidente di Assintel: “Si sta consolidando un processo ancora non evidenziato che ci lascia ben sperare. èE' la nuova IT, legata al web, al cloud, al mobile, che cresce e crea incessantemente nuovi modi di vivere, relazionarsi, fare business“.

Nell'ambito del software segnano un +3,7% la business intelligence di nuova generazione e Process & Content Management con un +4,1%.

Sempre secondo il presidente di Assintel: "Oggi la nostra economia si trova in guerra. C'è chi sta in trincea con gli elmetti lottando quotidianamente per difendersi; e poi ci sono i capitani coraggiosi, con lo sguardo oltre l'orizzonte, che prefigurano l'evoluzione del mercato verso un'economia del digitale. Oggi Internet impatta su ogni business e il suo ruolo nella nostra economia va crescendo sempre più rapidamente: quello che ancora manca è un adeguamento infrastrutturale e politico alle nuove dinamiche. Il Decreto per lo Sviluppo Digitale muove alcuni passi coraggiosi, altri piu' conservativi: la sfida sarà legata alle norme di attuazione, al coordinamento fra i vari attori istituzionali, alla ripresa degli investimenti nella Pa e infine alla reale disponibilita' di incentivi per chi innova".

Nei vari mercatio verticali le percentuali di crescita riflettonoi la situzione contingente della crisi da cui sono interessati: Consumer (+1,8%), Tlc / Media (+1,3%) e Assicurazioni (+1,2%), PA (-10,8%) e Enti Locali (-8%), Industria (-5,1%) e Commercio (-4,5%).

Le piccole imprese segnano un calo preoccupante con un -16,4% per le micro imprese e del -11,4% delle piccole. Preoccupante perchè sembra non esserci alcuno spazio per l'innovazione.

Nella situazione attuale i budget di spesa IT rimarranno stazionari per il 33% delle aziende utenti e in contrazione per il 42%  con tagli che potranno raggiungere anhce il 10%. La quota maggiore di questi budget saranno destinati alla gestione dell'esistente e all'adeguamento tecnologico già programmato o rinviato da tempo. Il restante 36% sarà destinato a nuovi progetti e allo sviluppo e trasformazione dell'esistente. Ambiti di interesse per nuovi investimenti sono la Virtualizzazione, il  Document Management, il Mobile & Wireless, l'Information Security Management e il Web Content Management.

Sulla fotografia in negativo è utile riportare la riflessione di NextValue, la socetà che per Assintel ha svolto la ricerca di mercato: "In un contesto certamente non positivo la trasformazione dell'Information Technology continua ad essere una forza dirompente con un proprio autonomo sviluppo. L'IT si conferma come forte driver di innovazione e la vera sfida è gestire le aspettative di un processo di innovazione che diviene sempre più rapido. Di fatto le aspettative delle aziende finali creano forti pressioni sul mondo dell'offerta IT affinché cambino i modelli e le modalità di erogazione delle soluzioni e dei servizi. Anche l'esistente deve essere gestito mentre si incorporano nuovi requisiti, contenuti e capacità di relazione a discapito dell'introduzione di nuove complessità. In questa rincorsa al digitale è ancora più importante rispetto al passato una buona collaborazione tra pubblico e privato e sempre più è necessario che il mondo politico riconosca il valore degli investimenti in IT e la Pubblica amministrazione diventi propositiva, soprattutto oggi che l'Agenda Digitale ha fatto i suoi primi passi anche in Italia."

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Wemotic

Wemotic è una nuova realtà operante nei settori dell’IT e della Comunicazione nata...

Vai al profilo

Algos

Software house milanese specializzata in sviluppo di applicazioni gestionali...

Vai al profilo

Esse Solutions srl

Quello che ci contraddistingue è una forte competenza tecnica e metodologica...

Vai al profilo

Agorà Telematica

Agorà Telematica è un fornitore specializzato di servizi tecnologici capace di...

Vai al profilo