Mercato Mobile /

Iperconsumismo tecnologico al giro di boa?

Iperconsumismo tecnologico al giro di boa?

12 Ottobre 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
I dati delle vendite indicano per la prima volta dopo anni un cambio di rotta. I dispositivi per il personal computing venduti sono al ribasso dell’1%. Semplice rallentamento nel ricambio dei dispositivi in possesso, pausa di riflessione, carenza di disponibilità economiche o cambio di tendenza e fine dell’iperconsumismo tecnologico che ha caratterizzato il mercato negli ultimi anni? Gartner si limita a fotografare il fenomeno.

Secondo le ultime indagini di mercato di Gartner Group i consumatori starebbero ritardando la sostituzione di PC, tablet e smartphone. E’ una tendenza che interessa tutti i mercati con alcune eccezioni tra i mercati emergenti.

I dispositivi venduti alla fine del 2015 dovrebbero essere 2,4 miliardi, un numero elevatissimo ma in ribasso dell’1% rispetto al 2014 e in ribasso anche rispetto alle previsioni formulate che indicavano una crescita dell’1,5%. La tendenza è legata alla saturazione del mercato ma in particolare al rinvio nella sostituzione dei dispositivi in possesso e dal ciclo di vita allungata degli stessi.

La contrazione interessa tutte le tipologie di dispositivi con l’unica eccezione dei telefoni cellulari che continuano a crescere ma con una percentuale molto più limitata e di alcuni paesi emergenti nei quali la crescita continua a essere consistente, ma legata a fattori contingenti.  Il mercato non cambierà neppure con l’arrivo di Windows 10 e il ritorno sul mercato di Microsoft con soluzioni come il Surface Pro che sta incontrando il gradimento del pubblico. Il mercatp PC si fermerà comunque a 291 milioni di unità vendute con un calo del 7,3% rispetto al 2014 (314 milioni) di cui 247 milioni desktop e notebook e 44 milioni di ultrabook

 

 

L’andamento in calo si confermerà fino al 2017 causato anche da problemi finanziari che impediranno di fatto la sostituzione di sistemi, soprattutto nelle aziende. E’ un calo che potrebbe però essere rovesciato dalla decisione delle aziende di adottare in massa Windows 10 e procedere all’aggiornamento dello loro infrastrutture informatiche.

Nel 2015 è prevista anche una contrazione di dispositivi ultramobile che comprende anche i tablet. Le unità vendute passeranno da 226 milioni del 2014 ai 199 milioni di quest’anno con un importante decremento del 12%. L’arrivo dei dispositivi 2-in-1 e ibridi ha messo in crisi il mercato del tablet, una crisi determinata anche dalla mancata sostituzione dei loro dispositivi (solo il 44% sta pensando di sostituirlo).

Un dato interessante è la composizione delle vendite dei telefoni cellulari che saranno per l’89% composte da smartphne.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Soft! e Oscar

Siamo un Team, con sede in Abruzzo, che si occupa della pianificazione, progettazione e...

Vai al profilo

No Bla Bla Marketing

Marketing Outsourcing, Consulting & Projects per aziende alimentari, bevande e largo...

Vai al profilo

DidApp

App didattiche per la prevenzione dei disturbi dell'apprendimento

Vai al profilo

NBF Soluzioni Informatiche s.r.l. - Shopping Plus

NBF Soluzioni Informatiche s.r.l. opera nel mondo dell’Information Tecnology ed...

Vai al profilo