Mercato Mobile /

Parlare di smartphone non è più trendy?

Parlare di smartphone non è più trendy?

13 Gennaio 2016 Carlo Mazzucchelli
SoloTablet
Carlo Mazzucchelli
share
Come sempre è capitato nelle numerose rivoluzioni tecnologiche che hanno caratterizzato gli ultimi tre decenni, quando un mercato è maturo cala l’interesse del pubblico ma soprattutto quello dei media. Dal CES 2016 sono emerse due novità: è calato l’interesse per gli smartphone e tutti sono alla ricerca di nuovi prodotti tecnologici di cui parlare.

Il 2016 è stato descritto da alcuni come l’anno dell’auto tecnologica, elettrica e senza autista, dotata di centinaia di sensori ma anche di schermi e display che la trasformano in una specie di spazio cinerama. Altri ritengono che a caratterizzare il 2016 saranno le Internet degli oggetti o i prodotti tecnologici indossabili. Altri ancora stanno focalizzando tutta la loro attenzione e la loro narrazione sui prodotti e le tecnologie di Realtà Virtuale. Nessuno sembra molto interessato allo smartphone come oggetto della sua narrazione quotidiana e forse meno interessati sono anche i consumatori.

Minore interesse e ricerca di altre novità

Il mutamento di interesse e il trasferimento dell’attenzione a qualcosa di diverso si ripete costantemente nel mercato ed è già successo più volte in passato per i prodotti tecnologici maturi o per alcune novità che avevano dato luogo a mode tanto pervasive quanto limitate nel tempo. I più adulti ricorderanno certamente il passaggio dal mainframe al client-server, dal desktop al laptop ma anche l’attenzione rivolta al data warehousing, alle soluzioni CRM e poi a quelle di Business Intelilgence. Facile anche ricordare l’innamoramento fulminante per Second Life e l’altrettanto rapido allontanamento.

Oggi sembra essere la volta dello smartphone. Posseduto da più di due miliardi di persone il mercato è entrato nella sua fase di maturità con cicli di prodotto più legati alla sostituzione dei modelli in uso che a quelli innovativi. Il mercato maturo ha anche mutato la sua narrazione. Non c’è più bisogno di raccontare in dettaglio qualità, caratteristiche tecniche e funzionali di un dispositivo con l’obiettivo di attrarre nuovi consumatori e parlare della evoluzione di quelle esistenti non viene percepito come tema che meriti nuove narrazioni o maggiori approfodnimenti.

A chi può interessare se e quando Samsung rilascerà il Galaxy S7 o Apple l’iPhone S7? Forse gli unici ad avere motivazioni forti per una conoscenza competitiva maggiore sono i consumatori delusi dal loro acquisto e dalla scelta di un marchio e che stanno maturando l’idea di una scelta alternativa. Per tutti gli altri il nuovo modello non farà altro che migliorare le funzionalità dei modelli in circolazione, aggiungerne di nuove e risolvere i problemi esistenti.

Lo smartphone continuerà a dominare le pratiche tecnologiche della maggioranza dei consumatori così come lo ha fatto il PC dopo che molti analisti avevano dichiarato l’avvento dell’era Mobie e Post-PC. Ma lo farà in un modo diverso, non più sotto i riflettori dei media e gratificato da una minore attenzione da parte dei consumatori.

Per il momento non c’è ancora nulla di così radicalmente nuovo da dar forma a nuove mode narrative. Le novità tecnologiche sono numerose ma non esiste ancora un nuovo prodotto tecnologico capace di catturare l’attenzione delle masse e di diventare un nuovo paradigma di riferimento per nuove rivoluzioni prossime venture. La direzione sembra essere quella delle indossabilità delle tecnologie e della loro crescente integrazione con il corpo umano, ma la strada da percorrere sembra ancora lunga.

Cosa raccontare?

La ricerca spasmodica di nuovi oggetti da raccontare non sarà soddisfatta presto e forse non lo sarà grazie a nuovi prodotti hardware ma a quello che li caratterizza in termini di software e applicazioni, destinazione di scopo e utilizzi che ne vengono fatti.

Potenziali argomenti interessanti per una narrazione corrente sono gli ecosistemi applicativi, le piattaforme di sistema operativo, le macchine intelligenti (robot umanoidi e oggetti intelligenti) e la loro intelligenza artificiale, la pervasività di software e algoritmi che fanno funzionare la rete, comunicare e interagire gli oggetti e la facilità con cui si integrano i vari componenti tra loro. Intrigante e ricco di novità sarà anche il panorama competitivo e il ruolo che in esso giocheranno sia realtà come Apple e Google che sembrano dominare, come Marche e come vendite, il mercato ma anche realtà più piccole, startup e laboratori nei quali stanno germogliando già oggi le innovazioni del futuro.

In attesa delle grandi novità

Lo sguardo non potrà prescindere dallo smartphone, dal suo ruolo nel personal computing individuale e dall’uso che ne viene fatto, ad esempio per navigare la Rete (a cosa serve ancora il PC….?) o per fare acquisti online (verso il 30% del totale).

In attesa della grande novità per il momento le narrazioni continueranno stancamente ad occuparsi ancora di smartphone e a celebrare i gigabyte e i megahertz o la risoluzione in pixel del loro display. L’attenzione è già però tutta rivolta ad altri orizzonti come le auto intelligenti senza autista, i droni da giardino, le case e le città trasformate in reti intelligenti e sensoriali degli oggetti, prodotti tecnologici indossabili come gli smartwatch e loro evoluzione, display flessibili e ologrammatici (E guardo il mondo da un display) e soprattutto tanta Realtà Virtuale e Realtà Aumentata.

Il sole per queste nuove tecnologie è ancora all’orizzonte. Tutti sperano e operano per farlo sorgere ma ci vorrà ancora del tempo per vederlo all’opera. Lo si può però anticipare indossando un dispositivo di Realtà Virtuale (Le molte realtà che frequentiamo) e provare a visualizzare il mondo come sarà, sulla base di informazioni e algoritmi programmati per raccontarlo virtualmente (Esiste una vita dopo Secondlife?).

Fonte: techcrunch.com

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Albegor.com

Professionista con lunga esperienza nel settore mobile, fin dalla comparsa sul mercato...

Vai al profilo

Droidcatalogue

Droidcatalogue è un'azienda giovane e tutta italiana. Nata nel 2012 grazie alla...

Vai al profilo

Digital E Srl

Digital E da più di 20 anni è una delle maggiori società nel campo dell'education e...

Vai al profilo

MDeeS

software,house,sviluppo,divertimento,per sempre

Vai al profilo