Mercato Mobile /

L'evoluzione fisica del tablet

L'evoluzione fisica del tablet

16 Gennaio 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Mentre la maggioranza degli analisti di mercato dibatte sulla effettiva affermazione dell'ear Post-PC, qualcuno in solitario avanza già l'idea che in realtà possiamo cominciare anche a parlare di era post-Tablet. Lo fa dopo aver analizzato il successo dei phablet nel 2013, assistito alle numerose presentazioni di phablet al CES e pevedendo un 2014 all'insegna del phablet.

La posizione di SoloTablet sul tema è stata espressa più volte. Inutile perdere tempo a parlare di morte del personal computer e di era post-PC. La realtà è fatta dalla convergenza di nuove tecnologie e dalla integrazione di funzionalità e caratteristiche tecniche tipiche del PC con quelle dei nuovi dispositivi mobili, smartphone, phablet e tablet.

Giusto però osservare come lo smartphone, dopo aver in pratica soppiantato il telefono cellulare, si stia allargando e ingrandendo sempre di più e nella forma di phablet, insidiando il tablet nelle sue dimensioni mini. Il 2014 è destinato a confermare questo trend. La conferma verrà sia dal numero crescente di produttori che enetreranno in questa fascia di mercato, sia dalle preferenze dei consumatori.

Il 2014 è iniziato con due notizie che sembrano contraddittorie. La prima è che il trimestre 2013 appena concluso è stato forse quello nel quale si sono venduti più tablet dall'arrivo dell'iPad. La seconda è che le previsioni per il 2014 sul mercato PC di IDC e Gartner Group prevedono un ritorno alla crescita in termini di fatturato e unità vendute.

 

Fonte; www.talkandroid.com


Nel frattempo al CES 2014 di Las Vegas appena concluso si è assitito alla sfilata di produttori con proposizioni di offerta sempre più ricche e articolate in termini di nuovi modelli, più o meno ibridi e convertibili, e di gadget innovativi e capaci di attrarre da soli interesse e budget dei consumatori.

La realtà del mercato dei dispositivi mobili vede un aumento costante di unità vendute e l'affermarsi di nuovi comportamenti e abitudini dei consumatori che confermano che la scelta è sempre meno orientata o condizionata dal sistema operativo e dal modello ma dalla capacità del dispositivo di soddisfare bisogni precisi. E se per farlo è necessario acquistare dispositivi dierssi, lo si fa. Questo spiega il costante successo degli smartphone (tutti ne devono avere uno), la crescita dei tablet (per viaggiare leggeri con funzionalità simili a quelle del PC) e la rinasscita del PC (per capacità prestazionale e applicazioni professionali).

L'offerta nel frattempo è sempre più ampia, ricca e innovativa e il consumatore ha la possibilità di cominare tra loro non soltanto dispositivi diversi (smartphone, phablet, tablet, PC) ma anche sistemi operativi e brand diversi. Ne derivano nuove opportunità e potenziali rischi o costi aggiuntivi. Ciò che sta emergendo è la capacità dei consumatori di scegliere i loro dispositivi e di usarli in base ad esigenze personali specifiche. Ne deriva una distribuzione su dispositivi diversi delle ore ad essi dedicate ed un utilizzo pragmatico ed intelligente finalizzato a svolgere ed a portare a termine determinate azioni e attività.

Questa attenzione al risultato spiega alcuni fenomeni di mercato, quali la vendita elevata di tablet mini e l'aumento costante nelle vendite di phablet (smartphone con display da 5+ pollici in su). Il tablet, con le sue caratteritiche tecniche, il design e l'interfaccia tttaile, ha sicuramente cambiato il personal computing e il modo con cui le persone utilizzano le tecnologie digitali per soddisfare i loro bisogni personali, professionali e lavorativi, ma non lo ha fatto per le dimensioni del suo display. Il display ampio del tablet può offrire maggiori benefici e vantaggi ma in termini di funzionalità, interfacce, applicazioni anche uno smartphone e un phablet (uno smartphone ingrandito) offrono le stesse possibilità. In più il phablet con il suo schermo più piccolo rende il dispositivo più leggero, comodo e trasportabile. Il phablet può essere contenuto nella tasca di una giacca, il tablet no! Il phablet può essere usato facilemnte come un telefono 3G/4G, il tablet è più complicato da usare e costoso nella versione cellulare!

In conclusione, e coerentemente con la visione di SoloTablet, il phablet non è che un tassello della rivoluzione tecnologica in atto. Il 2014 vedrà l'emergere di nuove forme di dispositivi mobili ibridi e convertibili e l'intersacmbio costante tra phablet, tablet e PC convertibili. A determinare quale di quete piattaforme prevarrà sulle altre, saranno i consumatori con le loro preferenze, sempre meno legate ad una marca o ai loro marchi e sempre più dettate da bisogni concreti e convenineze personali.

Che poi, come sostiene qualche analista, il 29ì04 sia l'anno del phablet lo valuteremo a fine anno. Per scoprire che le novità saranno state così numerose da obbligarci a nuove riflessioni e revisioni delle nostre previsioni e analisi.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Giacomo Balli

I'm a freelance developer based in Italy. Have my personal projects in the AppStore...

Vai al profilo

Appytech Srl

Vai al profilo

Mobile App

Mobile app offre una serie completa di apps per tablet e smartphone B2B e B2C, la sua b.u...

Vai al profilo

Camagames

We’re the Camagames, founded Matteo Carretti to gather on music, graphic and...

Vai al profilo