Mercato Mobile /

Il tablet in pausa di riflessione: iPad barometro di un mercato tablet appannato

Il tablet in pausa di riflessione: iPad barometro di un mercato tablet appannato

28 Luglio 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
I media hanno bisogno di trovare ogni giorno spunti per una narrazione. Quest'anno l'attenzione si è concentrata sul declino del tablet. Una condizione di mercato normale dopo il boom derivato dal primo innamoramento e che ha portato ad un assestamento e consolidamento. Per capire realmente cosa sta succedendo è sufficiente provare a segmentare il mercato e gurdare con attenzione alle scelte dei produttori protagonisti.

Il 2014 è per il mercato tablet un anno di riflessione. Lo è dal punto di vista dell'andamento delle vendite che vedono qualche difficoltà per tutti i principali produttori, compresa Apple che assiste ad un declino del suo iPad. Lo è dall'osservatorio dei media che sembrano avere deciso di enfatizzare con la loro attenzione e narrazione un declino che è ancora tutto da dimostrare. Lo è infine da quello della maturità del prodotto che vede sicuramente una pausa legata alla ricerca di nuovi modelli di business, nuove strategie ma soprattutto ambiti applicativi e di destinazione di scopo.

L'attenzione rivolta al mercato tablet permette di guardare con occhi diversi alla categoria tablet, alle sue potenzialità di mercato e nuove opportunità e di ragionare su quali possano essere le evoluzioni future che lo interesseranno. Una di queste si è già manifestata nell'accordo e alleanza tra IBM e Apple finalizzata allo sviluppo di nuve applicazioni verticali per l'azienda e nella costruzione di una propsozione fatta di servizi e soluzioni in cloud computing. Novità potrebbero anche arrivare dal prossimo annuncio di Samsung legato a nuvi modelli di tablet Galaxy con schermo da 12 pollici e destinati anch'essi al mercato enterprise, un segmento nel quale per ora l'unica azienda a farla da padrona è Apple ma nel quale le opportunità sono al momento infinite e tutte generatrici di grandi guadagni.

Se quello che sembra più interessante e dinamico è il mercato tablet per l'impresa, grandi opportunità sembrano continuare ad esserci sul mercato consumer. Opportunità che però richiedono di guardare al mercato in modo più strutturato e focalizzato. L'approccio potrebbe servire ai produttori per focalizzare meglio i loro investimenti in ricerca e sviluppo e agli osservatori per comprendere e leggere il mercato con occhi diversi. Le parole chiavesono segmentazione e destinazione d'uso del tablet. Alla base ci sono quelle che gli anglosassoni chiamano le 'compelling reasons to buy', ossia le motivazioni che possono spingere un consumatore all'acquisto di un tablet. Queste motivazioni sono diverse per tipologia di consumatore e dipendere dalle sue capacità di reddito come di età anagrafica, di attività lavorativa come di propensione al divertimento, ecc.

 

Fonte: techpinions.com

La segmentazione è una operazione diventata necessaria perchè il mercato è ormai maturo e i consumatori hanno costruito e consolidato i loro bisogni e desideri sulla nuova classe di prodotti tecnologici che vanno sotto la categoria mobile. Il consumatore ha appreso e compreso le differenze tra PC e tablet. è cosciente di fare un uso maggiore dello smartphone, ha verificato personalmente qunato tempo il tablet ha rubato alla sua giornata e quanto etmpo sia stato dedicato al consumo di contenuti, ha compreso che non è necessario cambiare tablet ad ogni uscita di un nuov modello perchè a distanza di tre anni anche il primo iPad continua a funzionare perfettamente e a soddisafere appieno i suoi bisogni. Il consumatore maturo e consapevole ha capito che la maggior parte delle applicazioni disponibili sugli store sono inutili o semplici zombie che camminano così come ha verificato che solo una minima parte delle APP scaricate sono poi state effettivamente usate. In sintesi il consumatore sa meglio siò che vuole e quali possano essere i prodotti tecnologici che meglio soddisfano i suoi bisogni e i suoi desideri.

CONSIGLIATO PER TE:

PC Microsoft & Apple pari sono

Sul fronte dei produttori, la maturità det tablet si traduce in maggiore conoscenza della potenzialità del mercato e delle nuove opportunità che esso è in grado di generare. Non è un caso che alcune aziende si siano focalizzate su tablet per i ragazzi, altre su tablet per la didattica e la scuola, altre ancora su tablet corazzati utilizabili senza rischi su cantieri edili o altri ambienti lavorativi manifatturieri e altre aziende ancora hanno ideato tablet pensando alle console di gioco.

I grandi protagonisti del mercato tablet come Apple, Samsung, Google, Microsoft e altri hanno capito che entrambi i mercati, quello consumer e quello enterprise, sono interessanti ma che servono proposte e soluzioni diverse per ognuno di essi.

Isterie prossime future e necessarie segmentazioni

Ogni qualvolta Apple si prepara al rilascio di un nuovo iPad, il mercati vive momenti di euforia e isteria. Il fenomeno esiste ma è meno rilevante per gli annunci di Samsung. Anche quest'anno di si deve preparare a novità e a possibili nuove forme di euforie-isterie. Arriverà sicuramente un iPhone 6, a sehuire forse qualche novità iPad e poi ci saranno i Galaxy da 12 pollici di Samsung e chissa cosa altro ancora.

I consumatori determineranno il successo o l'insuccesso dei nuovi prodotti e l'eventuale ulteriore declino dell'iPad o la sua risurrezione. Molta parte del successo o insuccesso dei nuovi tablet dipenderà dalla segmentazione di mercato che faranno i produttori e dalla loro proposizione marketing e commerciale.

Ci sono vari modi di fare una segmentazione. Fino al 2013 ad esempio il mercato dei tablet veniva diviso in:

  • un segmento Media: in questo segmento il tablet può essere descritto genericamente come un dispositivo con un display touchscreen. E' un segmento creato e alimentato da Apple e oggi abitato da molti altri produttori. E' il segmento più popolato e ricco perchè quello che ha permesso ai consumatori di soddifsfare al meglio bisogni reali di consumo di informazione e contenuti. I clienti di questo segmento son generalmente consumatori che vogliono fare uso del tablet a livello domestico per navigare la rete, guardare video, ascoltre musica, ecc. Per questo segmento il display deve essere superiore ai 7 pollici e il prezzo limitato tra i 200 e i 400 euro. Tablet in questa fascia sono il Kindle Fire e il Nexus e molti altri.
  • un segmento di tablet ibridi: generalmente tablet di fascia alta con l'aggiunta di funzionalità e accessori utili a trasformare il tablet anche in uno strumento di lavoro, professionale e aziendale. Un segmento creato inizialmente da Asuscon il Transformer Primer e oggi target prioritario di Microsoft con il suo Surface Pro e di altri produttori tradizionali di piattaforme PC. Quest segmento è composto da consumatori che usano il tablet sul posto di lavoro e in casa con le stesse destinazioni d'uso, non solo consumo di contenuti ma anche produttività lavorativa. Il tablet in questa fascai ha caratteristiche tecniche avanzate in termini di potenza di elaborazione, tiplogia di display e applicazioni disponibili. Il prezzo è solitamente elevato, dai 500 Euro in su.

Oggi la segmentazione del tablet si fa anche sull'utilizzo che ne viene fatto e la sua destinazione d'uso. Al segmento media e professionale se ne è aggiunto uno didattico e uno destinato ai bambini e agli adolescenti. Poi esiste la vasta categoria di cobsumatori che usano il tablet per fare mille altre cose e che non sono facilemnte categorizzabili.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Appytech Srl

Vai al profilo

Zero Computing S.r.l.

Zero è una web-agency presente sul mercato italiano dal 1992, con l’obiettivo di...

Vai al profilo

MDeeS

software,house,sviluppo,divertimento,per sempre

Vai al profilo

Applix Srl

Vai al profilo