Morsi /

Comunicazione online, molta strada è ancora da fare!

Comunicazione online, molta strada è ancora da fare!

09 Marzo 2013 Mario Anton Orefice
Mario Anton Orefice
Mario Anton Orefice
share
Un interessante studio di Lundquist, società internazionale specializzata in comunicazione strategica, mostra come nell’ambito della comunicazione on line ci sia ancora molta strada da fare ( ....a long way to go!).

La ricerca condotta su 100 tra i più noti brand nazionali e diffusa da Giuditta Marvelli sulle pagine di Corriere Economia stabilisce che solo il 10% cento ha un articolo di buon livello su Wikipedia; solo il 30% risponde alle domande o ai commenti dei consumatori sull’account Twitter; solo il 23 % è presente su Facebook e solo una piccola parte delle fan page analizzate è di tipo corporate “tuttofare”; solo il 22% segnala la propria partecipazione ai social network con un’apposita icona sul sito; il 60 per cento delle società su Linkedin ha un profilo generato in modo automatico; il 66% è su Youtube ma meno della metà con video corporate. Infine, di 513 manager solo il 5% è attivo su Twitter, mentre il 47% è su Linkedin ma a volte con informazioni non aggiornate.

Alla luce di questi risultati, sono pienamente condivisibili le conlusioni di Lundquist: “Non è sufficiente creare una vetrina, è necessaria una strategia chiara e un linguaggio da condividere. L’errore più grave che si possa fare  in campo social da parte delle aziende e dei manager è quello di aprire account a casaccio, senza inserirli in un piano di comunicazione  e senza destinare la giusta dose di risorse.

La Spoon River di profili abbandonati o falsi testimonia che non si ha ancora la percezione di quanto il disordine social non aiuti a costruire una buona reputazione sul web.” Web reputation che è destinata a giocare un ruolo sempre più importante nelle strategie aziendali, come ha sottolineato in una recente intervista al Sole 24 Ore Jacques Séguéla, presidente di Havas, una delle più grandi agenzie di comunicazione digitale ed advertising del mondo: “È tempo di intermediazione, interattività, interazione: un nuovo modo di comunicare, consumare, vivere. I media sociali e la responsabilità sociale sono una cosa sola, e costringono le due parti  - produttori e consumatori – a rispettarsi.

La tanto attesa moralità del business potrebbe decidersi in questo rapporto. Sentinelle contro il profitto per il profitto, otto consumatori su dieci si aspettano dalle imprese anima, etica, generosità. L’immagine della marca cede il passo all’ “esemplarità” della marca. La vendita i trasforma in partenariato, la comunicazione in conversazione, la discussione in partecipazione, il marketing in socializzazione. La pubblicità deve rispettare un dovere di generosità.

E tutto ciò funziona: uno studio di Accenture sulle 50 società più responsabili dimostra che hanno realizzato in borsa una performance del 16 per cento superiore rispetto ai loro concorrenti.

Spazio all’economia

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


MakeItApp

Makeitapp.eu è il primo social collaborative network per creare app insieme. Gli...

Vai al profilo

INGEGNI Tech S.r.l.

INGEGNI Tech sviluppa applicazioni per il mercato mobile, sviluppando progetti per la...

Vai al profilo

Camagames

We’re the Camagames, founded Matteo Carretti to gather on music, graphic and...

Vai al profilo

Italia Multimedia

Italia multimedia, web agency a Milano, progetta, disegna e realizza Siti Web, Portali...

Vai al profilo