Morsi /

Raccontare la tua storia è un modo di fare la verità

Raccontare la tua storia è un modo di fare la verità

12 Settembre 2012 Mario Anton Orefice
Mario Anton Orefice
Mario Anton Orefice
share
Riflessioni e suggestioni dal festival Comodamente, edizione 2012 conclusosi a Vittorio Veneto il 9 di settembre dopo una 'Meraviglia durata tre giorni" con dialoghi, workshop, mostre spettacoli, eventi, laboratori e molto altro. Obiettivo del festival di quest'anno non era tanto di indurre la meraviglia, ma di crearla per farla durare.

L’ultima scena è onirica, Jean Dastè sei tu, il tuffo dall’Atalante, e sott’acqua Enrico Ghezzi nuota in un  groviglio di riflessi, più a destra Massimo Donà suona la tromba curvo che sembra Chet Baker.

Nuota Ghezzi nella storia del cinema, anzi nel Cinema, e la sua voce è differita, come quando lo vedevi a Fuori Orario con le cuffie da telegrafista, i capelli arruffati, la voce polverosa, la luce sottomarina; la voce di Ghezzi rinvia a una passione totale, a una discesa senza ritorno nei fotogrammi.

Non simula niente, nuota nell’Arrivée d’un train en gare à La Ciotat o ne L’uscita dalla fabbrica, “che già annunciava il mondo come controllo di facce ... grazie al cinema si acchiappano i facinorosi”, tra le pagine del diario di Kafka: “Gli spettatori impietriscono quando passa il treno”, tra le pagine del racconto Il desiderio di diventare un Indiano: “Poter essere un pellerossa, sempre bardato, e sul cavallo al galoppo giù nell’aria, alzato sulle zampe posteriori, vibrare continuamente sul suolo vibrante finché si lasciano gli speroni, perché non c’erano speroni, finché si lasciano le redini, perché non c’erano redini, e vedere a stento il terreno davanti a sé come una landa piatta, già senza collo e senza testa di cavallo”, l’immagine come il cavallo del sogno scompare nella velocità dei fotogrammi, scorrono sullo sfondo i fotogrammi di Rohmer, Bunuel, Malick, “il cinema è l’impossibilità di uscire dal fotogramma”, Il prossimo villaggio* non si raggiunge mai, nemmeno se si ha a disposizione l’intera vita,

Quanti Ghezzi vedi adesso, molteplici schermi con il suo volto rinchiuso tra le pellicole in bianco e nero, a colori, mute, con i sottotitoli. Ritornano, mentre lo guardi, questi tre giorni: piazze girevoli, differenze pure, lampi di sole, bocche espanse, sterzate improvvise, baci di vento, culi privilegiati, sirene scardinate, replay urbani, giardini corsari, pubblici silenzi, fumanti tabacchi, piatti gettati, saracinesche alzate, case private, distributori di grammatiche, vecchi palazzi, ciabatte provvisorie, titaniche prolunghe, pareti bucate, sorrisi inconsci, gesti pertinenti, spiagge notturne, episodiche intercettazioni, passaggi segreti, semi seminatori, nutrimenti esistenziali, piedi stanchi, regole spezzate, zainetti e borse in tela, molte borse in tela, anime vagabonde, improvvisazioni emozionate, fabbriche defunte, sedie occupate, bobine di legno, connessioni digitali, stanze ulteriori, luoghi spettrali, disegnatori di pensieri, retweet: “Le parole sulle nostre labbra toccano quelle delle persone dalle quali le abbiamo sentite la prima volta Luigi Boccanegra”, se incominci a pensare a queste parole elabori romanzi, colori affreschi, sfogli paesaggi, inventi sceneggiature, raccontare la tua storia, diceva Derrida, è un modo di fare la verità, il film comunque sta per finire: Enrico possiamo fare una foto insieme ... L’importante è che sia in movimento. *Titolo di un racconto di Kafka (domenica sera a http://www.comodamente.it/)

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Nex Mobile Apps

Vai al profilo

foolix

Foolix è una società di consulenza e sviluppo software specializzata nello sviluppo...

Vai al profilo

gandgapp

Sviluppatore Android

Vai al profilo

Centrica

Centrica progetta e sviluppa tecnologie innovative nei settori del digital imaging...

Vai al profilo