Morsi /

Riflessioni su Anima e iPad di Maurizio Ferraris (2)

Riflessioni su Anima e iPad di Maurizio Ferraris (2)

23 Luglio 2012 Mario Anton Orefice
Mario Anton Orefice
Mario Anton Orefice
share
Tabula, il secondo capitolo di Anima e iPad di Maurizio Ferraris si apre con un’affermazione impegnativa “La tabula è la condizione di possibilità del pensiero”. “In entrambi i casi abbiamo a che fare con enormi supporti della memoria – sostiene Ferraris – e gli ultimi 30 anni ci hanno riservato un insegnamento importante. Abbiamo ragionato poco sul fatto che la tecnologia ha finito per contraddire le previsioni che si facevano in passato su quanto sarebbe accaduto nei tempi moderni."

In queste pagine, l’Autore cerca di dimostrare come l’anima abbia delle caratteristiche analoghe a quelle di un oggetto meccanico. La mente sarebbe come quelle tavolette di cera su cui scrivevano gli antichi e che Platone utilizza come metafora: “Chi è troppo giovane e ha la cera della sua mente troppo molle o chi è troppo vecchio, e ce l’ha troppo dura, non impara nulla”.

A chi rivendica che la mente ha la capacità di immaginare cose che a una macchina non verrebbero mai in mente (appunto), Ferraris risponde che l’originario non esiste, è un mito, esiste invce l’originale, la capacità di comporre in modo nuovo cose già dette, in sostanza i nostri pensieri avrebbero una componente meccanica, sarebbero ripetizioni di ripetizioni.

Ad esempio, scrive l’autore, “Le pagine che state leggendo potrei averle plagiate, potrei essere vittima di un ghost writer che invece di scrivere per me delle cose nuove si è limitato a copiare, potrei essere un plagiario inconscio. (...)

La cultura non è altro che questo: un sistema di copiature regolate, di ripetizioni consapevoli o inconsapevoli, una trama che si impara attraverso anni di addestramento, di riassunti, di imitazioni, di “alla maniera di” in cui eccellevano Flaubert e Proust.” Vengono in mente i software in grado di produrre dopo l’inserimento di dati articoli sportivi o economici.

In conclusione di capitolo il filosofo torinese, proseguendo l’analogia tra materia e spirito, si sofferma sul concetto di carattere tipografico e umano, sottolineando come anche nelle persone desideriamo la ripetizione e ci arrabbiamo se il tal cantante o il tal filosofo non è più quello che ci aspettavamo che fosse, se il suo carattere non è più lo stesso.

Mario Anton Orefice @AntonOrefice 3482526490 www.studiodiscrittura.it

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Zero Computing S.r.l.

Zero è una web-agency presente sul mercato italiano dal 1992, con l’obiettivo di...

Vai al profilo

Orefice

Società di sviluppo app per mobile android

Vai al profilo

Giemme informatica srl

Software house di ventennale esperienza, nel corso degli anni, Giemme ha individuato il...

Vai al profilo

Temovo

Siamo un’azienda italiana che guarda al business in maniera internazionale. Ci...

Vai al profilo