Solo ebook /

Internet ci rende stupidi? Spunto per una riflessione sul cervello del giocoliere

Internet ci rende stupidi? Spunto per una riflessione sul cervello del giocoliere

14 Dicembre 2012 Antonio Fiorella
Antonio Fiorella
Antonio Fiorella
share
Nicholas Carr, nel suo libro – Internet ci rende stupidi? Come la rete sta cambiando il nostro cervello, – paragona la capacità di crescita dell’intelletto a una vasca da bagno che viene riempita, a poco a poco, da un ditale…La lettura del libro suggerisce spunti diversi utili per una riflessione su Internet come canale multiuso tramite il quale passano gran parte delle informazioni che, attraverso la vista e l’udito,
arrivano alla scatola cranica dei suoi adepti. Internet rischia di diventare un gioco e come tale può essere analizzato.

Nel gioco delle tre carte – indovina dove si cela la regina di cuori? (ma ci sono altre varianti) – la massima attenzione è focalizzata sulla carta designata. Invece il giocoliere, che tiene sospese in aria sei, otto, dieci palline in una vorticosa girandola, è concentrato soltanto nella destrezza e rapidità dei movimenti. A nessuna delle palline riserva un qualsivoglia interesse. Anche se le palline fossero tra loro tutte diverse, e magari qualcuna di esse fosse dotata di proprietà magiche, durante l’esibizione nessuna potrebbe godere di uno sguardo particolare.


Ecco, attenzioni (curiosità, riguardi, affetti) necessitano di limitazioni di campo e tempi di dedizione appropriati.
L’intelligenza è una facoltà della mente che si espande e consolida attraverso le medesime modalità; presuppone una fruizione lenta, centellinata, in cui l’attenzione è la chiave essenziale che facilita l’assorbimento di elementi aggiuntivi, e rende più radicati fatti o nozioni già acquisiti.

Nella Rete si trova ormai di tutto, dalle modalità per confezionare una bomba alle rivelazioni dei traguardi raggiunti per affrontare una malattia incurabile. Perché abbonarsi a un quotidiano o passare dall’edicola quando c’è una enormità di notizie in internet? E infatti i giornali registrano un continuo calo di vendite. Inoltre anche i libri sono disponibili in formato digitale. Cambiando il medium di comunicazione della conoscenza, può cambiare il modo di essere, e di pensare?

......per completare la lettura puoi scaricare l'articolo completo in formato PDF a questo indirizzo


Recensioni disponibili in rete sul libro di Nicholas Carr:

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Mobile App

Mobile app offre una serie completa di apps per tablet e smartphone B2B e B2C, la sua b.u...

Vai al profilo

Andrea Parisse

Enterprise Architect Sono laureato in Informatica e lavoro nel settore ICT di una...

Vai al profilo

Temovo

Siamo un’azienda italiana che guarda al business in maniera internazionale. Ci...

Vai al profilo

Surplex GmbH

Surplex è una società leader nella fornitura di macchinari usati, attiva in tutto il...

Vai al profilo