Tabulario /

Facebook è come il fuoco

Facebook è come il fuoco

19 Giugno 2013 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Leggere l'ultimo libro di Howard Rheingold è una esperienza utile a tutti coloro che sono interessati a conoscere la nuova cultura digitale e a coloro che sempicemente la vivono senza interrogativi e analisi dei propri livelli di coscienza. Il libro, in alcune parti ridondante, ripetitivo e scontato, è ricco di spunti su tutti gli aspetti delle tecnologie che hanno invaso la nostra vita e sulle problematiche private e pubbliche ad esse associate.

Il libro di Rheingold, dal titolo "Perchè la rete ci rende intelligenti", è un viaggio attraverso i cinque alfabeti della cultura digitale: attenzione, capacità nel rilevare le bufale, parecipazione, collaborazione e intelligenza a misura di rete. ( Intelligenza, web e controllo della mente. Riflessioni dal libro di Howard Rheingold.).

Nell'illustrare l'alfabeto utile a vivere la parte sociale della rete, Rheingold propone una sua riflessione su Facebook e l'utilizzo che ne facciamo sostenendo che il social network è come il fuoco, un elemento che può essere pericoloso e al tempo stesso utile. La sua pericolosità e utilità dipendono da quello che si sa e si conosce ma soprattutto da quello che si tiene presente ogni volta si compie una azione, postando un link, una foto, un mi piace, ecc.

 

Il richiamo alla conoscenza e alla consapevolezza è legato alle proprietà degli ambienti pubblici online, di cui non tutti, anzi probabilmente molti, non hanno alcuna nozione.

Queste proprietà determinano nuove dinamiche sociali e suggersicono importanti riflessioni e cambiamenti:

  • Persistenza del dato: quello che viene detto o scritto in rete, lì rimane, a volte anche dopo che è stato cancellato ( mai provato la cache di Google?).  Perfetto se si sta conversando con amici e si vuole tenere traccia del dialogo e relativo scambio di inoformazioni, drammatico se il vostro capo o la persona che vi sta intervistando per un nuovo posto di lavoro scopre cose che non gli piacciono o che sono ritenute non coerenti con filosofia e cultura aziendale
  • Replicabilità: in rete è possibile ed anche molto facile fare copia e incolla. Lo si può fare anche prendendo pezzi di testo da una conversazione in chat o in un forum per poi incollarli e condividendoli su un network sociale. La cosa non è insignificante e i pericoli sono insidiosi perchè danno origine a comportamenti scorretti da cui è difficile difendersi. Un esempio è il bullismo praticato sui social network ma anche l'attività di chi estrapola frasi e concetti per poi usarli in contesti diversi.
  • Scalabilità: benchè ogni blogger racconti a sè stesso di avere una grande visibilità in rete, la media dei visitatori di una pagina blog è intorno ai 6/10 lettori. Ciò va bene se l'obiettivo è di avere un pubblico fedele e in qualche modo connesso. Va meno bene se si pensa che la media non descrive la realtà. Contenuti scritti per 6/10 persone possono diventare improvvisamente noti a pubblici molto più ampi e contenuti che si vorrebbero meno visibili, potrebbero diventare invece visibili a molti e anche distribuiti.
  • Ricercabilità: ciò che è in rete può essere oggetto di ricerca con Google e altri motori di ricerca. I social network con i loro cntenuti di status e contestualizzati rendono gli utenti facilemente rintracciabili, sempre e ovunque.
CONSIGLIATO PER TE:

Nostalgia della blogosfera

Queste proprietà degli spazi pubblici suggerisono a coloro che abitano gli spazi sociali di Facebook e altro social network simili di prestare attenzione all'esistenza sulla propria pagina di pubblici invisibili e non necessariamente invitati a partecipare. Con questi pubblici bisogna fare i conti e farlo può essere complicato e non ncecessariamente senza conseguenze. Le persone con cui si entra involontariamente e casualmente in contatto provengono da contesti, anche sociali, diversi e spesso tra loro conflittuali. La situazione è complicata anche dal fatto che sul social network online, pubblico e privato si mescolano. Non esistono separazioni nette tra i due piani ma la loro specifictà dipende essenzialmente dal livello di controllo che noi siamo in grado di esercitare.

 

Fonte: www.nature.com


A differenza di molti studiosi e autori di libri ( Nicholas Carr tra i primi) che negli ultimi anni stanno scrivendo per mettere in guardia dall'uso eccessivo delle tecnologie e per descrivere scenari più o meno pessimistiche che si richiamano alla Caverna di Platone o al Leviatano di Hobbes, Rheingold mantiene una fiducia illumistica nelle capacità umane di usare a proprio vantaggio le nuove scoperte della tecnologia. Anche se non propriamente ottimistico e venato da paure e preoccupazioni da studioso e conoscitore della rete e delle tecnologie digitali, l'approccio di Rheingold punta ad evidenziare il ruolo individuale che ogni persona può giocare nell'apprendere nuove conoscenze ed acquisire maggiore consapevolezza degli strumenti e media disponibili.

Chi vuole contribuire ad un esito positivo o condividere il bicchiere mezzo pieno di Rheingold dovrebbe però prestare una attenzione particolare a quanto segue:

  • I social media favoriscono la distrazione, serve invece mantenere livelli elevati di attenzione e imparare a farlo
  • Bisogna diventare consapevoli, saper respirare e prendere una pausa, saper dire di no alle sollecitazione dei nuovi media e dei nostri dispositivi sempre connessi, rendersi conto di come si sta utilizzando la propria attenzione sia online che offline ed esercitarne il controllo. Per faro è utile avere chiari i propri scopi e le proprie priorità.
  • In rete sembra esserci una ripsota ad ogni domanda, basta saper cercare. In realtà bisogna fare attenzione alle bufale, più numerose e insidiose di quello che si pensi.
  • Quando si usa un motore di ricerca megio non fermarsi ad una sola ricerca e megio scorrere le risposte ben oltre la prima pagina. La validità o meno di ogni risposta dipende dalla valutazione personale. Meglio mantenere un atteggiamento di scetticismo e verificare sempre le fonti e la veridicità del dato
  • I nuovi strumenti e le nuove tecnologie stanno facilitando la partecipazione e la capacità a perseguire il proprio interesse personale creando al tempo stesso un valore condivisibile con altri. La partecipazione deve essere consapevole ed essere preceduta dalla consapevolezza e chiara coscienza delle proprie tracce digitali online e dell'impatto che può avere il proprio profilo digitale. Ogni scritto o azione online può essere riprodotta e diventare disponibile ancge a persone sconosciute e rimanere indelebile a lungo.
  • Secondo le teorie antropologiche e sociologiche più recenti l'essere umano è nato e si è evoluto grazie alla collaborazione, Oggi i social media possono amplificare questa abilità ma bisogna sempre tenere presente che "bisogna avere bisogno di coordinazione per danzare da soli, di collaborazione per danzare con un partner e di cooperazione per organizzare un flash mob danzante".
  • Le reti hanno strutture che condizionano e influenzano il comportamento di individui e gruppi. Lo spiegano molto bene le teorie delle reti con i loro principi dei sei gradi di separazione, del numero di Dunbar, dei piccoli mondi, ecc.
  • I media sociali si basano e crescono su reti online che condividono le proprietà generali delle strutture di rete così come le propietà speicifiche delle reti umane.
  • Dalle reti sociali e dalle relazioni di fiducia e reciprocità tra persone e gruppi di persone nasce un capitale sociale che facilità i rapporti fiduciari e il collegamento con altre reti e persone.

Questi e altri suggerimenti sono elementi di riflessione che Rheingold condivide con i suoi lettori invitandoli ad una costante ricerca di conoscenza e impegno nell'elaborare nuove forme di coscienza e consapevolezza dei media e delle tecnologie usate ma anche dei contesti privati e pubblici frequentati. Uscendo dalle proprie pratiche online ci sono infatti problematiche molto più grandi e importanti come la privacy, la partecipazione alla vita pubblica, la democrazia, i beni pubblici, ecc. che richiederebbero ancora più attenzione e maggiore consapevolezza.

E' su questi ultimi aspetti che forse il bicchiere mezzo pieno dell'autore potrebbe svuotarsi rapidamente e mostrare quanto complicato sia, per persone non dotate degli strumenti cognitivi e di conoscenza adeguati, difendersi dalle tecnologie e dall'uso alienante e manipolatorio che di esse viene fatto. Basta citare a proposito lo scandalo recente sullo spionaggio del governo americano attraverso i Big Data di Apple, Microsoft, Google e Facebook o le informazioni che si hanno sull'uso che delle informazioni private fanno i grandi marchi come Facebook Google.

Un motivo valido, credo, per una lettura delle 400 pagine del libro di Rheingold.....

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


NeaLogic

NeaLogic è specializzata nella realizzazione di soluzioni mobile compatibili con...

Vai al profilo

Algos

Software house milanese specializzata in sviluppo di applicazioni gestionali...

Vai al profilo

Orefice

Società di sviluppo app per mobile android

Vai al profilo

Cidroid

Cidroid nasce inizialmente come divisione di Nexus s.r.l., un’azienda che opera dai...

Vai al profilo