Tabulario /

Mercato tecnologico: il bene e il male di una rivoluzione in atto

Mercato tecnologico: il bene e il male di una rivoluzione in atto

18 Novembre 2017 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Se si guarda al mercato al consumo dei prodotti tecnologici nessuna valutazione negativa sembra ormai possibile. Le nuove tecnologie hanno cambiato la vita delle persone e offerto a tutti innumerevoli nuove opportunità. Se si presta attenzione agli effetti emergono però le preoccupazioni legate agli effetti di una rivoluzione che stanno evidenziando i suoi limiti e manifestando i rischi potenziali ad essa associati.

Tecnologia e progresso continuo...

Il mercato tecnologico attuale si presta a contese infinite tra tecnofobi e tecnofili. In realtà entrambe le categorie di contendenti debbono riconoscere i grandi progressi regalati dalle rivoluzioni tecnologiche in corso, non solo nel campo dell'informazione ma anche nella biologia, nella genetica, nella chimica e nella mobilità. I tecnofili che riconoscono i limiti di queste rivoluzioni pensano di poter gestirne gli effetti introducendo policy e normative adeguate a limitare i danni così come il potere crescente delle multinazionali tecnologiche e dei Signori del Silicio che stanno imponendo la loro agenda al mondo. I tecnofobi al contrario non perdono occasione per sottolineare gli effetti profondi che la tecnologia ha nella trasformazione dell'economia, della società, della politica così come della mente umana e neurobiologica.

La pervasività delle nuove tecnologie e in particolare dei dispositivi mobili con le loro APP ha cambiato in meglio la vita delle persone, in casa, nella società e al lavoro, nel loro essere consumatori e utenti, utilizzatori e sviluppatori. Tutti o quasi possono permettersi uno smartphone. Il mercato propone un'offerta ricca di prodotti di qualità con funzionalità elevate tra loro simili e al tempo stesso con la possibilità di soddisfare bisogni diversi anche per capacità di spesa e scelta di una Marca. Chi dispone di budget adeguati può comperarsi le Ferrari degli smartphone, tra loro simili ma ristretti in numero a poche Marche, Apple, Samsung, Google e Huawei. Gli altri possono rivolgersi a prodotti di fascia più bassa, senza spendere moltissimi soldi ma anche senza rinunciare a funzionalità, potenza, prestazioni e applicazioni. Una situazione simile si presenta anche nel mercato del tablet e del personal computer, due mercati nei quali i consumatori non sono tutti obbligati ad acquistare un iPad o un Surface Pro per soddisfare i loro bisogni di personal computing e rappresentazione di sè in società.

Il paradigma smartphone

Lo smartphone, diventato protesi potente di interazione con il mondo è oggi paradigma e metafora della forza della tecnologia. Una forza determinante nella globalizzazione del mondo, nella sua interconnessione e nella diffusione di informazione e conoscenza. Una forza ugualitaria che si offre a persone di ogni ceto e grado, in ogni parte del mondo e offrendo una infinità di opportunità a tutti coloro che ne possono trarre vantaggio.

La tecnologia non è però protagonista solo di scenari positivi e progressivi. I suoi effetti, ancora poco percepiti nella loro profondità, sono ogni giorno più evidenti. Lo sono per come è cambiata la comunicazione, la socializzazione e la relazione umana ma anche la manipolazione mediatica e la misinformazione, il crescente conformismo dei comportamenti, la concentrazione di potere nelle mani di pochi, il controllo e la videosorveglianza, la politica.

Gli effetti collaterali

La consapevolezza sugli effetti collaterali della tecnologia sta crescendo negli ultimi anni, coinvolgendo studiosi di varie discipline, i media e la politica nella richiesta di nuove normative capaci di regolamentare un fenomeno che sembra essere sfuggito a ogni controllo e sempre più dominato da pochi produttori e poche multinazionali mondiali. Scarsa è ancora la consapevolezza nel pubblico dei consumatori, ancora troppo presi dalla potenza del mezzo tecnologico che possiedono e troppo impegnati a usarla per soddisfare i bisogni impellenti e le urgenze del presente. Più dell'assenza di regolamentazioni è la scarsità di questa consapevolezza diffusa a caratterizzare una rivoluzione tecnologica che ha cambiato il mondo.

Il cambiamento spaventa sempre e suggerisce pensieri negativi in molti di coloro che lo sperimentano o ne sono vittime. Quello tecnologico moderno è un cambiamento continuo e accelerato che spaventa ancora di più per le implicazioni psicologiche, neurobiologiche, psichiche e sociali.

Il timore dei cambiamenti

I timori verso il cambiamento sono legittimi e forse necessari. La tecnologia sta sostituendo lo spazio e il tempo terrestri con spazi e tempi virtuali tutte legati all'immediatezza e alla presenza ma creando anche molte illusioni e infelicità, queste ultime determinate dall'emergere di nuove incapacità come quella di essere presenti nel mondo in cui si vive. Se si è costantemente interallaciati virtualmente si rischia di non essere realmente e autenticamente da nessuna parte.

I timori sono giustificati anche dall'evoluzione continua delle intelligenze artificiali e di macchine capaci di apprendere. Prima che le macchine intelligenti possano prendere il controllo passeranno ancora molti anni ma oggi a far crescere il timore è la semplice percezione di un futuro nel quale l'essere umano potrebbe essere in qualche modo assoggettato alla macchina e soprattutto a chi quella machina l'avrà relizzata o la gestirà.

La realtà futura, temuta da coloro che guardano con occhio critico alle numerose evoluzioni tecnologiche in corso, non è destinata a essere necessariamente distopica o negativa per la specie umana. Sarebbe sufficiente impegnarsi maggiormente per una maggiore conoscenza dei molti fenomeni di cui si è testimoni. Una conoscenza finalizzata a maggiore consapevolezza, utile per superare il nichilismo diffuso che porta a comportamenti tecnofili irrazionali, impedendo di sviluppare un ottimismo critico e consapevole e di superare il narcisismo edonista e autistico, effetto dell'uso che viene fatto del mezzo tecnologico, oggi così diffuso.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Vincenzo Falanga

Mi chiamo Vincenzo Falanga e la mia professione è l'innovazione! Tutto ciò che...

Vai al profilo

Diginet srl

Società di consulenza operativa di marketing, advertising e project management sui...

Vai al profilo

Giulio Di Simine

Sono un giovane sviluppatore, ho 18 anni; sviluppo applicazioni da poco più di un anno e...

Vai al profilo

Nexus srl

Vai al profilo