Tabulario /

Natale 2015 conformista ma all’insegna del cambiamento

Natale 2015 conformista ma all’insegna del cambiamento

22 Dicembre 2015 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Il Natale 2015 dovrebbe essere all’insegna dell’anti-conformismo. E’ facile prevedere invece un conformismo dilagante, nel modo di pensare, nel modo di agire e nel modo di porsi di fronte ai fatti. E’ un conformismo accettato e diffuso perché narrato come all’insegna del cambiamento. L’atteggiamento esibito dal novello anti-confomista è quello che se la prende con chi non vuole il cambiamento, nella realtà la ricerca spasmodica del cambiare è essa stessa espressione di un nuovo conformismo. A essere elemento di cambiamento è la parola nuovo, un aggettivo!

Le cronache giornalistiche che hanno raccontato i risultati delle elezioni spagnole si sono tutte soffermate sul cambiamento di Podemos e del suo leader. Un cambiamento che ha portato a molto tatticismo (scelta vincente) e ora, sempre nel segno del cambiamento, a evocare ‘un compromesso storico’. E’ la nascita di un nuovo conformismo in politica, questa volta al di fuori dell’Italia? Se conformisti diventano anche i rivoluzionari come salvarsi dal conformismo? In Italia lo spettacolo è già stato rappresentato e viaggia ora su migliaia di cinguettii, essi stessi sintomatici del conformismo del cinguettare (chi non cinguetta è out).

Come scriveva Dorfles il conformismo nasce spesso dall’insicurezza del proprio giudizio e dalla necessità di adeguarsi all’opinione pubblica e ai costumi comuni, perché praticati dalla maggioranza. La cosa interessante è che nell’adottare questo tipo di atteggiamenti nessuno si sente catalogato o appartenente alla categoria dei conformisti. Si cinguetta perché si è moderni, si conoscono le tecnologie, si è rapidi nella comunicazione, si è dotati di strumenti tecnologici e perché lo fanno tutti. Chi non lo fa non è anti-conformista o snob ma è uno che non vuole o non ha gli strumenti per cambiare.

Conformisti sono oggi molti laici e cattolici che hanno sposato il CheGuevarismo (cristianesimo) di Papa Francesco e lo usano per poter continuare a fare quello che hanno sempre fatto ma all’insegna della rivoluzione della misericordia e del cambiamento. Poco importa se, mentre il papa insiste nel suggerire gesti anti-conformisti e non comuni come quello rivolto ai preti delle parrocchie affinchè aprano le porte ai migranti, le porte delle parrocchie rimangono nella stragrande maggioranza ermeticamente chiuse.

“Il conformismo è peggio del fanatismo, dell’esibizionismo, del populismo, del laicismo e del misticismo. O forse, in un certo senso, li comprende tutti.” Gillo Dorfles, Conformisti

Conformisti sono i giornalisti e i politici che fanno costante uso di anglicismi, costruzioni linguistiche e terminologie inglesi. Così fan tutti e nel mondo globalizzato non si può non mutare forme di linguaggio. Spesso la pronuncia è sbagliata così come lo è il contesto, nel quale il termine viene usato, ma ciò che conta è dare sfoggio di modernità e di capacità di cambiare le forme del linguaggio arricchendole di nuovi vocaboli.

Se poi il destinatario del messaggio o della narrazione non ha gli strumenti per comprendere, la responsabilità non è dell’uso di terminologie straniere ma dei soliti anti-conformisti che si intestardiscono a voler usare una lingua morta che può essere resuscitata solo con l’iniezione di nuove parole e di modi di dire (sorry, idioms…). E’ così che il pubblico diventa audience, l’austerità austerity, la Marca Brand, gli affari business, i contanti cash, allenatore coach, il pettegolezzo gossip, negozio store, centro commerciale shopping center, tendenza trend , servizi di assistenza customer service  corriera pullman.

Conformisti sono gli italiani, sempre pronti a vestire nuove divise, non conta quale sia il suo colore, stile o significato. E’ un conformismo dei comportamenti che illustra molto bene la capacità camaleontica ad adottare nuove mode, riti e forme cerimoniali e a farlo in un lampo con l’obiettivo di compiacere il potente di turno. Chi vorrebbe oggi appartenere alla categoria dei gufi? Meglio trasformarsi in portatori di novità e di cambiamento,  spinti da un ottimismo ostentato, necessario per guardare al futuro. L’ironia della situazione è che conformisti sono anche i gufi che coltivano la loro piccola comunità con prese di posizioni spesso contrarie a tutto e a chicchessia. Tutti gli altri, leopardi, gazzelle, leoni e tacchini, costituiscono la maggioranza conformista, compatta e unita nell’avere difficoltà a elaborare e manifestare una qualche forma di pensiero critico.

Nonostante l’individualismo che caratterizza ogni italiano, nei comportamenti l’adesione a ciò che fa il gruppo è sempre molto alta. E’ così che si spiegano le festività natalizie passate a Cortina o a St. Moritz, la partecipazione attiva ai riti dei centri commerciali e delle vie dello shopping, le numerose abitudini e i gesti ripetitivi che accompagnano le feste di Natale e non solo, la scelta di prodotti, spettacoli, gadget tecnologici che già si conoscono.

Di fronte alle novità che scuotono il mondo e alle urgenze emergenti, ci si appella al senso comune e al buon senso. Nessuno spiega cosa sia l’uno o l’altro ma tutti sembrano concordare sulla loro utilità e validità (in medio stat virtus – aurea mediocritas?). Peccato che i tempi che viviamo sono tempi lacerati da profondi e reali cambiamenti. Il buon senso serve a poco e non aiuta a nessun approdo, soprattutto non aiuta a comprendere il contesto nel quale ci si trova. E oggi saper leggere, comprendere e riflettere sul contesto è diventato essenziale oltre che urgente.  Riflettere e capire serve ad agire e chi se ne frega se l’azione intrapresa è anti-conformista o malvista dai vecchi e nuovi conformisti

Di queste azioni non conformiste ha bisogno il Natale 2015 e ancor più l’anno in arrivo, un anno bisestile (“anno bisesto, anno funesto") che dovrebbe suggerire maggiore conformismo e di non prendere iniziative. Per non cedere al catastrofismo e al pessimismo (molti terremoti sono avvenuti in anni bisestili…) al contrario è meglio pensare che l’anno nuovo non arriva in solitaria, ma dopo anni che hanno suggerito la necessità di agire e di farlo con scelte e comportamenti non convenzionali, tradizionalisti o semplicemente conformisti. Se non si vuole rimanere indietro rispetto al passo della Storia e tagliati fuori dal nuovo che avanza. La sua direzione non è ancora determinata. Le nostre azioni possono cambiare percorso, destinazione, viaggio, obiettivi, significati e risultati!

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


ALGORITMA

ALGORITMA progetta e sviluppa soluzioni software per ambienti desktop e mobile...

Vai al profilo

Spindox

Spindox opera nell’ambito ICT, fornendo servizi di consulenza, system integration...

Vai al profilo

MNM dev

Vai al profilo

Techmobile

Vai al profilo