Tabulario /

Il dispositivo tecnologico si è rimpicciolito, evita di diventare obeso

Il dispositivo tecnologico si è rimpicciolito, evita di diventare obeso

04 Gennaio 2018 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Negli Stati Uniti, il paese che consuma di più al mondo, un terzo dei bambini e degli adolescenti soffre di obesità, per alcuni anche a causa dell'elevato numero di ore (in media sette) passate davanti al display di uno schermo. Molti sono i tentativi di usare la tecnologia e le sue applicazioni per curare l'obesità dei ragazzi ma la dipendenza dal mezzo tecnologico e dal display rischia di trasportare l'obesità anche nella loro esistenza da adulti.

L'esposizione elevata ai display tecnologici va di pari passo con la diminuzione dell'attività fisica e all'esterno delle case, con difficoltà del sonno, con il diffondersi di abitudini sedentarie e l'emergere di comportamenti consumistici e compulsivi, dettati spesso da promozioni online e pubblicità commerciali digitali. Mentre le dimensioni dei dispositivi tecnologici va verso l'integrazione, la miniaturizzazione e la leggerezza, chi li usa scopre gli effetti collaterali sulla sua salute con il sovrappeso e l'emergere di una obesità indesiderata. Entrambi sintomo di un mondo dominato dalla tecnologia, dalla sedentarietà, dallo stress e da comportamenti fortemente influenzati dallo sguardo perso dentro i display di un dispositivo.

Responsabili dell'obesità di molti ragazzi sono in primo luogo i loro genitori, poco consapevoli del ruolo della tecnologia e incapaci di compiere un'analisi dei suoi effetti in modo da elaborare una riflessione critica e strategie di azione alternative. Potrebbero ad esempio limitare l'uso dei display dentro casa, definire delle regole da osservare ma soprattutto parlare di più con i loro figli, leggere loro di libri quando sono piccoli, affiancarli nell'uso della tecnologia, diventare tecnovigili e capaci di interagire con ragazzi sempre più tecnorapidi, suggerire loro attività sportive e fisiche come scelte alternative.

L'obesità da eccessivo uso della tecnologia non interessa solo bambini e adolescenti ma anche genitori e adulti. Non tutti concordano su questa stretta relazione ma è un fatto che la tecnologia stia modificando in profondità la vita delle persone, i loro stili di vita, i comportamenti, l abitudini e i modi di pensare. Le cause dell'obesità sono sicuramente una combinazione di dipendenza dalla tecnologia, consumismo eccessivo e sfrenato, bulimia, responsabilità familiari e scolastiche, ruolo dei media a del consumerismo diffuso.

Nell'impossibilità di trovare risposte immediate e concrete a un problema che non ha soluzioni semplici non resta che adottare un approccio ironico e autoironico notando l'evoluzione di due specie diverse. Una tecnologica pervasiva, tendente alla perfezione dell'algoritmo e alla miniaturizzazione, l'altra pigra, stanca e obesa, così felice e contenta dei regali ottenuti dalla tecnologia da essere completamente anestetizzata, incapace di reagire a una vita manipolata ed etero-comandata che produce come effetto anche l'obesità.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Startbusiness

SB un’azienda che fa scouting nel mondo ICT (Information Communication Technology...

Vai al profilo

Marg8.com

Marg8.com realizza a Bologna applicazioni Web, Mobile e App iOS, con soluzioni dedicate...

Vai al profilo

Raffaele Gentiluomo

Computer Grafica

Vai al profilo

Omnys Srl

Azienda ad alta specializzazione ITC (Information & Communication Technology) con...

Vai al profilo