Tabulario /

Rinuncia alla velocità e celebra la lentezza

Rinuncia alla velocità e celebra la lentezza

23 Gennaio 2018 Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
Carlo Mazzucchelli
share
Nike celebra la velocità e ha mille ragioni commerciali per farlo, l'abitante della Rete viaggia veloce ma non ha motivazioni forti nè esistenziali per continuare a farlo.

Veloce andava Fidippede, il maratoneta che corse ininterrottamente da Maratona ad Atene per annunciare la vittoria contro i persiani e che morì per lo sforzo fatto.  Veloce era la macchina del futurista Marinetti, simbolo per eccellenza di modernità, velocità e dinamicità. Veloci sono i molti centauri contemporanei che a bordo delle loro Ducati e Harley Davidson vanno a schiantarsi contro elementi urbani o silvestri molto spesso semplicemente fermi. Amanti della velocità sono tutti i cybernaviganti che hanno introiettato la rapidità della tecnologia e la sua tempistica, tutta declinata in tempo reale e senza un attimo di tregua.

È una velocità multitasking che brucia neuroni così come un motore brucia carburante, determinata da accelerazioni in forma di Click, Like, Tweets, che impediscono di accumulare informazioni e conoscenze perché non permettono all'occhio di soffermarsi e di vedere, che restringe gli spazi e tutto ciò che essi contengono, facendo perdere la loro identità e significanza, che cambia la vita e l'esistenza. L'individuo moderno, sempre connesso, va di corsa, vorrebbe avere la stessa accelerazione e velocità di fuga della tecnologia ma le caratteristiche del suo essere umano, il suo cervello e la sua cultura impediscono che questo avvenga. Ne deriva una difficoltà nel mantenere il passo con le rivoluzioni tecnologiche continue e le mutazioni che ne derivano.

La radicalità dei cambiamenti, imposti dalle novità tecnologiche, deve fare i conti con la lentezza del genere umano e con il tempo necessario a nuovi e futuri adattamenti. È una lentezza determinata da un cervello artefice di ogni cambiamento e architetto di ogni forma di realtà, ma che è in realtà una macchina lenta. Uno strumento che ha bisogno di tempo, non è in grado di reagire quasi mai in tempo reale e che, per mantenere elevata la velocità imitando le macchine, va spesso incontro a grandi disillusioni, frustrazioni, sconfitte e affanni.

Lento è anche l'affermarsi di nuovi prodotti o di standard di mercato, lenta è la trasformazione della cultura delle persone che dovrebbero acquistare i nuovi dispositivi tecnologici, lento è il superamento dell'apatia e della scarsa conoscenza dei soggetti coinvolti. Una lentezza spesso determinata dal timore o dalla paura degli effetti collaterali, dalla scarsa voglia di apprendere cose nuove o da semplice conservatorismo e resistenza al cambiamento.

Questa lentezza tipicamente umana può essere il punto di partenza perfetto per un nuovo tipo di lentezza, separata dalla tecnologia e fortemente desiderata e perseguita. La lentezza celebrata da Lamberto Maffei nel suo libro Elogio della lentezza, ricco di spunti per persone, modificate tecnologicamente e ormai incapaci di rallentare e per i loro cervelli che rischiano di arrivare ultimi nella maratona a tutti imposta dallo stress digitale e dalle macchine arificiali. Cervelli che al contrario andrebbero usati proprio per la loro capacità di rallentare, sviluppare pensiero e creatività e decidere, con calma, distacco e serenità,  cosa fare del proprio tempo.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


D-One Software House

Sviluppo applicazioni personalizzate per iPad e iPhone

Vai al profilo

Simplicissimus Book Farm srl

Simplicissimus Book Farm nasce nel giugno 2006, alla fine di una vera e propria indagine...

Vai al profilo

Fingerlinks

Siamo una startup tecnologica estremamente dinamica. Ci occupiamo di system...

Vai al profilo

Marg8.com

Marg8.com realizza a Bologna applicazioni Web, Mobile e App iOS, con soluzioni dedicate...

Vai al profilo