TREND e STRATEGIE /

Tecnologie cognitive: cresce l’interesse delle aziende italiane

Tecnologie cognitive: cresce l’interesse delle aziende italiane

04 Agosto 2017 Gian Carlo Lanzetti
Gian Carlo Lanzetti
Gian Carlo Lanzetti
share
Oltre il 70% delle imprese sta già impiegando soluzioni di tipo cognitivo per la trasformazione dell’organizzazione o lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi

Entro il 2025, in tutto il mondo verranno generati dati per un volume di 180 zettabyte, prevede IDC. Si tratta di un universo digitale 20 volte più grande di quello misurato nel 2015 dalla stessa società.

Del resto, il footprint dati del singolo individuo sta crescendo e continuerà a crescere in modo esponenziale grazie a nuovi dispositivi personali, nuovi ambienti intelligenti, nuovi ruoli, ma anche nuove regolamentazioni che promuovono una sempre maggiore democratizzazione del dato. A loro volta, le imprese stanno moltiplicando questi ecosistemi di dati per creare valore, aumentare l’efficienza, realizzare nuovi prodotti e servizi.

Nell’era della digital transformation, la raccolta, organizzazione e soprattutto analisi dei dati svolge un ruolo sempre più centrale nelle aziende non soltanto per abilitare nuovi modelli di business, ma anche per determinare nuovi vantaggi competitivi. In questo contesto, e proprio per far fronte all’espansione senza precedenti dell’universo digitale, sempre più organizzazioni stanno incorporando le potenzialità espresse dall’intelligenza artificiale e dalle tecnologie cognitive per modificare processi consolidati e ridefinire ruoli aziendali, con un impatto che si estenderà non soltanto nell’ottimizzazione della produzione ma anche nel flusso stesso dei modelli decisionali.

Un’indagine condotta da IDC su un campione di imprese italiane e proiettata sull’universo delle realtà italiane con più di 50 dipendenti evidenzia una nuova e forte propensione all’utilizzo del cognitive computing come strumento di business. Tre, in particolare, le evidenze emerse in questa survey:

  • oltre l’80% delle imprese italiane con priorità legate al miglioramento dei processi sta pianificando il roll-out delle prime applicazioni basate su tecnologie cognitive a 12-24 mesi;
  • oltre il 75% delle imprese italiane con priorità legate al miglioramento incrementale di prodotti e servizi sta prendendo in considerazione la possibilità di impiegare tecnologie cognitive;
  • oltre il 70% delle imprese che stanno attraversando processi di trasformazione dell’organizzazione o di sviluppo di nuovi prodotti/servizi sta già impiegando soluzioni e tecnologie di tipo cognitivo.

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Consiglio Digitale

Consiglio Digitale gestisce differenti piattaforme di messaggistica crowd-powered...

Vai al profilo

Solair

Tutti hanno diritto al Better Business

Vai al profilo

GoalGames

Vai al profilo

ItacaSoft

ItacaSOFT è uno studio professionale di sviluppo software che progetta e realizza...

Vai al profilo