Comunicati stampa /

Il GPS sociale di Moovit su Milano, Roma e Torino

Il GPS sociale di Moovit su Milano, Roma e Torino

15 Gennaio 2013 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Moovit lancia il social GPS per offrire più comodità e controllo ai passeggeri del trasporto pubblico
Disponibile per Milano, Roma e Torino l’applicazione gratuita per smartphone che suggerisce i migliori percorsi e consente ai passeggeri di condividere commenti su ritardi e condizioni di viaggio.

Comunicato Stampa


Milano, 15 gennaio 2013 – Moovit annuncia il lancio della sua app gratuita per iPhone e Android (disponibile per il download su Google Play e nell’AppStore di Apple a Roma, Milano e Torino.
Moovit suggerisce ai passeggeri del trasporto pubblico i percorsi più rapidi per raggiungere le proprie destinazioni, riducendo i tempi di attesa dovuti a ritardi mediamente del 43%, secondo i dati di utilizzo dell’applicazione finora registrati tra i 400.000 utenti che ne hanno già effettuato il download a livello mondiale.
Al crescere della comunità di utenti, Moovit integra gli orari ufficiali con aggiornamenti in tempo reale su ritardi e condizioni di viaggio provenienti dalla miglior fonte di informazioni: gli altri passeggeri. Già lanciato a New York, Los Angeles, Toronto, Amsterdam, Madrid, Barcellona, San Paolo e Tel Aviv, Moovit sta diventando un riferimento a livello mondiale nel rendere gli spostamenti urbani privi di problemi e più godibili.
"Il nostro obiettivo è quello di far risparmiare tempo agli italiani e migliorare la qualità dei loro spostamenti quotidiani," ha detto Nir Erez, CEO di Moovit. "Abbiamo scelto l'Italia come un mercato di riferimento perché apprezziamo la necessità degli italiani di ricevere informazioni al di fuori dei canali ufficiali e il loro interesse nel migliorare la qualità del trasporto pubblico”.
Moovit è attualmente disponibile per Roma, Milano e Torino, dove i passeggeri possono utilizzare l'applicazione per pianificare il proprio viaggio, combinando gli orari di autobus, metropolitane, treni e tram per trovare il percorso più veloce con istruzioni passo per passo, compresa l’indicazione su come raggiungere a piedi ogni fermata, e con avvisi di notifica quando hanno raggiunto la loro destinazione. Le notifiche “crowd-sourced” (prodotte dagli utenti) consentono ai passeggeri di condividere maggiori informazioni sulle proprie esperienze di viaggio, come situazioni di sovraffollamento e motivi di ritardi.
Una ricerca condotta in otto città dal Movimento Consumatori, apparsa su diversi organi di informazione, ha registrato lamentele comuni sull’eccessivo affollamento nelle ore di punta, sulla mancanza di puntualità, che costringe le persone ad aspettare al freddo o sotto il sole cocente (spesso non ci sono pensiline alle fermate degli autobus), e sulla mancanza di corsie preferenziali, che determina tempi di arrivo incerti.
"I social media stanno trasformando il modo in cui funziona il mondo, e ora possono essere utilizzati come forza per migliorare l'esperienza del trasporto pubblico", ha commentato Nir Erez. "Riteniamo che i passeggeri hanno il diritto di condividere le informazioni sulle loro corse, in modo che tutti ne possano beneficiare, ed arrivare a destinazione nel modo più breve e comodo possibile."

Come funziona
Una volta che i passeggeri lanciano l'applicazione, la loro posizione è pubblicata nel sistema ed i loro dati di viaggio vengono automaticamente utilizzati per aggiornare altri viaggiatori sui tempi di arrivo. Inoltre, i passeggeri possono attivamente inviare commenti sui loro viaggi, condividendoli con la community.
Sulla schermata principale dell'applicazione gli utenti possono vedere la loro posizione attuale e tutte le fermate pubbliche nelle loro vicinanze. Toccando l'icona di una fermata possono visualizzare tutte le linee che la servono e il tempo di arrivo del prossimo veicolo. Se l'orario di arrivo si basa sul viaggio in corso di un altro utente, allora il tempo previsto di arrivo viene visualizzato in rosso.
Per creare un piano di viaggio basta digitare la destinazione nella casella di ricerca. Appaiono immediatamente diverse opzioni, a partire dalla prima in ordine di arrivo . Selezionando l’alternativa preferita si accede a una descrizione dettagliata. Gli utenti possono inviare il loro percorso premendo il pulsante di invio e-mail oppure visualizzarlo sulla mappa.
Premendo il tasto "inizia tragitto" comincia il viaggio. La schermata di navigazione fornisce istruzioni dettagliate e il tempo stimato di arrivo. Toccando l’icona del prossimo autobus o tram si visualizza la posizione del veicolo sulla mappa. I passeggeri possono condividere le informazioni rilevanti con altri utenti mediante un elenco a discesa o aggiungendo testo libero. Tanto maggiore sarà l’interazione “social”, tanto più numerosi saranno gli aggiornamenti in tempo reale disponibili per rendere il tragitto un’esperienza più efficace e gratificante.
Gli utenti possono anche condividere le proprie esperienze con Moovit su Facebook   o Twitter .

Chi è Moovit
Moovit è la prima applicazione per il trasporto pubblico basata sulla combinazione fra dati “crowd-sourced” (prodotti dagli utenti) in tempo reale e orari ufficiali per dare ai passeggeri una visione minuto per minuto di come sarà il loro viaggio e identificare se, in quel preciso momento, c’è un’alternativa più veloce o più comoda. Il suo obiettivo è migliorare l'esperienza di utilizzo del trasporto pubblico per chiunque lo usa. Moovit è stata fondata nel 2011 in Israele da tre noti esperti in tecnologia, ingegneria e trasporti pubblici. Fin dal suo lancio, nei primi mesi del 2012, l'applicazione ha già accumulato più di 300.000 download.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Computime Srl

Computime, rivenditore Apple dal 1983, Servizi per l'editoria, Software House. La...

Vai al profilo

Aidilab srl

Nata nel 2010 come startup dell’Interaction Design Lab (IDA) dell’Università di...

Vai al profilo

Andrea Parisse

Enterprise Architect Sono laureato in Informatica e lavoro nel settore ICT di una...

Vai al profilo

ARKEBI

Prof. arch. Emiliana Brambilla

Vai al profilo