Lifestyle /

2014 – In vacanza con quali dispositivi? Smartphone, tablet, PC o tutti e tre insieme?

2014 – In vacanza con quali dispositivi? Smartphone, tablet, PC o tutti e tre insieme?

31 Luglio 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Da tempo i maggiori protagonisti del mercato del personal computing e del Mobile, Apple, Microsoft, Google sembrano impegnati ad uniformare e rendere tra loro compatibili I dispositvi e I sistemi operativi dei loro rispettivi ecosistemi. Un obiettivo mancato per le vacabze 2014.

Il consumatore tecnologicamente dotato in partenza per le sue vacanze sarà costretto ancora una volta a partire con dispositivi tecnologici diversi e non sempre tra loro colleggabili e interscambiabili. Smartphone, tablet, PC rischiano, ancora una volta, di appesantire valigie e zaini  rendendo la breve vacanza in programma più complicata e meno confortevole.

Il problema non nasce solo dalla impossibilità di interscambiare I vadi dispositivi per tutte le funzionalità di cui abbiamo bisogno ma anche dalla loro incompatibilità nel caso in cui fossero di produttori diversi. Se le piattaforme di sistema operativo sono diverse bisogna pensare a come trasferire e rendere compatibili dati, file, tabelle e mappe tra I diversi file system e applicazioni. Se si utilizzano caselle di posta elettronica diverse dalle solite è necessario preoccuparsi della loro sincronizzazione che può creare problemi a seconda del dispositivo usato.

Manca ad oggi un ecosistema capace di fornire una proposta tecnologica coerente e una vita digitale completamente e trasparentemente sincronizzata in termini di email, contatti, documenti, agende e applicazioni e disponibile in ogni momento e in ogni luogo. Apple, Google e Microsoft stanno lavorando alla costruzione di una soluzione di questo tipo ma per il momento le incompatibilità e le difficoltà prevalgono sulla integrazione e facilità d’uso. Provare per credere!

I consumatori sono alla ricerca di esperienze utente convergenti e integrate capace di semplificare la loro interazione con I loro dispositivi tecnologici personali. Vorrebbero un’unica interfaccia, una sola versione di sistema operativo, applicazioni con funzionalità standard e dispositivi integrati.

La risposta a questi bisogni sembra essere sempre più possibile all’interno dei singoli ecosistemi dei produttori. Google sta integrando Chrome e Android, Microsoft ha ora un’unica versione di sistema operativo e Apple sta lavorando da tempo a uniformare le funzionalità sui suoi vari dispositivi e con il nuovo sistema operativo Yosemite ha sicuramente fatto un passo in avanti. Non esiste però compatibilità e interoperabilità completa tra ecosistemi diversi.

Con un mercato che si va consolidando e con cicli di vita dei prodotti che si allungano, I produttori non potranno non rispondere concretamente a quella che sembra essere una richiesta ovvia perchè espressione della maggiore consapevolezza di cosa sia possibile fare con le tecnologie attuali.

Il produttore che saprà offrire una esperienza utente integrata su tutte le sue piattaforme e fornire la migliore integrazione possibile con gli altri ecosistemi esistenti, sarà probabilmente quello che si garantirà la maggiore fedeltà e fidelizzazione della clientela e acquisirà la maggiore forza competitiva sul mercato.

A meno che un unico produttore riesca a impossessarsi dei vari ecosistemi dando forma ad un unico mondo tecnologico e mobile completamente integrato e standardizzato. Ma questo è un sogno o forse un incubo che sarebbe meglio non vivere.

 

 

 

 

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Surplex GmbH

Surplex è una società leader nella fornitura di macchinari usati, attiva in tutto il...

Vai al profilo

Applix Srl

Vai al profilo

Giemme informatica srl

Software house di ventennale esperienza, nel corso degli anni, Giemme ha individuato il...

Vai al profilo

Synesthesia srl

Synesthesia si occupa di Information Technology da oltre un decennio. Diamo vita alle...

Vai al profilo