Lifestyle /

Altro che occhiali tecnologici, l'occhiale del futuro è creativo e personalizzato!

Altro che occhiali tecnologici, l'occhiale del futuro è creativo e personalizzato!

16 Gennaio 2017 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Tutti parlano di Oculus e di prodotti tecnologici simili, destinati secondo le narrazioni correnti a mutare il panorama delle realtà abitate da persone dotate di occhiali. Queste narrazioni rischiano di essere vittima del loro strabismo, rutto tecnologico. Le vere novità sul mercato dell'occhiale potrebbero in realtà venire dalla creatività e dalla personalizzazione. I numerosi concept di modelli di occhiali che potrebbero arrivare ne sono una esemplificazione significativa.

L'occhiale del 207 e degli anni a avvenire potrebbe continuare a essere un semplice occhiale, dotato di lenti ma con design e montature molto creative, innovati e quasi provocatorie. Sicuramente personalizzabili ai vari stili di vita e voglia di rappresentare se stessi in società e davanti allo specchio.

Alcuni concept di occhiali di questo tipo sono stati presentati da alcuni artisti israeliani contemporaneo al museo di Holon  (Design Museum Holon) durante una esibizione che ha avuto inizio il 20 dicembre 2016. L'idea che guida la mostra è il tema della visione e della percezione della realtà del mondo. Ci si interroga sull'esperienza visiva e sulle sue modalità operative assimilabili a quelle di un amcchina fotografica che scatta fotografie in sequenza e sulla capacità dell'occhio di vedere il mondo e la sua realtà in modo trasparente.

La visione umana non è molto cambiata negli anni, cambiati sono gli strumenti usati per garantirla anche in presenza di difetti o cali della vista, cambiata è la cultura che permette di definirne i contesti e gli ambiti psicologici legati alle pratiche ed esperienze umane. Mutato è anche i materiali e il design di questi strumenti, sempre più usati per raccontarsi, vivere stili di vita e sentirsi bene con se stessi.

Oltre a presentare una storia dell'occhiale e della visione il museo per la sua mostra ha commissionato  a 40 designer di contribuire con una loro proposta concettuale per un possibile occhiale futuro così come per una reinterpretazione delòla visione del passato (Overview). Ne è scaturita una proposta ricca e interessante di concept che vanno in direzioni molteplici ma tutte pensate per un elevato grado di personalizzazione dello strumento per la visione.

Quelli che seguono sono alcuni dei concept più interessanti, alcuni anche provocatori e kitch, proposti:

Asaf Weinbroom

Ron Arad

Tal Erez

Gregory Larin


Uri Samet

 

 



comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Consiglio Digitale

Consiglio Digitale gestisce differenti piattaforme di messaggistica crowd-powered...

Vai al profilo

PowerSoftware

App for lifestyle of people !

Vai al profilo

Algos

Software house milanese specializzata in sviluppo di applicazioni gestionali...

Vai al profilo

D'Uva Workshop

E' un'azienda che produce audioguide, videoguide, totem multimediali, applicazioni e...

Vai al profilo