Lifestyle /

Crisi persistente e cambiamenti nei comportamenti dei consumatori

Crisi persistente e cambiamenti nei comportamenti dei consumatori

31 Marzo 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Per molti consumatori la crisi non è finita anzi prevale la percezione di una sua lunga durata. Continua a persistere la preoccupazione sulla volatilità del lavoro, sulla mancanza di risorse e sulla possibilità di ricadute varie determinate da scelte politiche o dal mercato finanziario. Percezioni e esperienze reali portano il consumatore a spostare nel tempo gli acquisti e ad andare alla ricerca di sconti e opportunità. A raccontarlo è una indagine di McKinsey&Company che ha intervistato 22000 consumatori evidenziando l’emergere di nuovi comportamenti e stili di vita.

L’indagine è stata condotta online da McKinsey&Company nel mese di settembre del 2015 e ha coinvolto 1000 consumatori in ognuna delle 22 nazioni in cui è stata svolta. L’elemento principale che emerge dall’indagine è una diffusa cautela nel fare nuovi acquisti. Il 28% degli interpellati sostengono di avere maggiori difficoltà a prendere una decisione finale rispetto all’anno precedente, per maggiori difficoltà finanziarie o per la percezione di una crisi economica destinata a durare ancora a lungo e che suggerisce nuovi risparmi.

La percezione dell’instabilità finanziaria varia a seconda dei paesi ed è strettamente legata al timore di perdere il posto di lavoro. La percezione negativa è tale da impedire un ritorno a spese maggiori anche nel caso di maggiori introiti finanziari o reddituali. Solo un terzo degli intervistati spendere un eventuale guadagno extra, gli altri due terzi preferiscono il risparmio.

CONSIGLIATO PER TE:

Le gift card di Shopping Plus

L’indagine ha permesso di evidenziare le differenze geografiche, regionali e locali legate a contesti e situazioni economiche diversificate ma anche l’emergere di alcuni trend diffusi a livello globale che indicano un cambiamento generale nel sentiment del consumatore che determina a sua volta nuovi comportamenti.

L’indagine ne ha evidenziato cinque:

  • La ricerca costante di risparmio: i consumatori stanno riducendo i loro budget di spesa in vari modi. Il 44% degli intervistati è alla costante ricerca di modi per risparmiare e spendere meno. In passato questi modi prevedevano una attenzione particolare alla comparazione dei prezzi, all’uso intelligente di coupon e di carte fedeltà o ad acquisti multipli. Oggi i consumatori, diventati più frugali, persistono nell’uso di questi strumenti ma intervengono anche con comportamenti più radicali che portano ad esempio a  cambiare abitudini alimentari, modi di vestire e stili di vita.
  • La fedeltà non è più quella di una volta: il consumatore della crisi continua ad essere fedele ma solo se percepisce che il prezzo del prodotto sia quello giusto. Il 58% del campione afferma di avere cambiato comportamento nei confronti di Marche e loro marchi. La tendenza è a mantenersi legati ai Brand preferiti ma aumenta la ricerca di punti vendita con i prezzi migliori o di prodotti competitivi che possano offrire  a prezzi minori le stesse funzionalità o gli stessi vantaggi e benefici.
  • Il tradimento di una marca potrebbe essere per sempre: se la scelta è per un prodotto di una Marca diversa da quella preferita per ragioni economiche, l’abbandono potrebbe essere per sempre. Sperimentate le qualità dei nuovi prodotti acquistati il 67% dei consumatori intervistati hanno dichiarato la loro intenzione di continuare ad acquistarli anche in futuro.
  • Aumenta l’infedeltà: la percentuale di coloro che abbandonano una Marca è uguale a quella di coloro che decidono di adottarla. L’elemnto che emerge è quello di un elevato tasso di infedeltà e di un rapporto con i Brand diventato sempre più instabile e ballerino.
  • Gli acquisti sono multicanale: i consumatori mostrano una preferenza crescente per azioni di acquisto che passano attraverso canali di vendita eterogenei e tra loro diversi.

I nuovi comportamenti dei consumatori emergenti suggeriscono ai produttori, alle aziende e alle filiere della distribuzione di prestare maggiore attenzione ai bisogni dei consumatori e alle loro motivazioni di acquisto. Il prezzo è importante ma al consumatore devono essere fornite valide ragioni, anche emotive, per scegliere un prodotto e completare il processo previsto per il suo acquisto. Il consumatore deve percepire in modo chiaro il valore del prodotto e la proposizione della Marca che la differenzia da quelle della concorrenza.

La migliore comprensione dei bisogni e dei comportamenti dei consumatori e la maggiore capacità a soddisfarne le necessità passa attraverso nuovi investimenti in soluzioni analitiche utili ad analizzare dati e informazioni e a definire nuove strategie marketing, comunicazione e di canale.

La strategia marketing deve puntare in modo chiaro e coerente su segmenti di mercato per identificati e meno generici possibile. L’offerta deve essere personalizzata e guidata dai fattori specifici che in ogni segmento di mercato caratterizzano comportamenti e processi di acquisto. Se il portafoglio d’offerta è generico meglio biforcarne la composizione, verso il basso o verso l’alto. Una scelta che ad esempio ha fatto recentemente anche Apple con l’introduzione del nuovo iPhone SE.

Infine è meglio assicurarsi che i prodotti siano sempre disponibili attraverso tutti i canali e con prezzi tra loro coerenti.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Giemme informatica srl

Software house di ventennale esperienza, nel corso degli anni, Giemme ha individuato il...

Vai al profilo

Paolo Conte

Sviluppo professionalmente applicazioni Android per terzi o di mia iniziativa. Da...

Vai al profilo

Jekolab Srl

JekoLab, un laboratorio creativo Fondata a Torino nel 2011, JEKOLAB è specializzata...

Vai al profilo

Consiglio Digitale

Consiglio Digitale gestisce differenti piattaforme di messaggistica crowd-powered...

Vai al profilo