Lifestyle /

Da giornalisti alla Ballarò a giornalisti Robot

Da giornalisti alla Ballarò a giornalisti Robot

06 Luglio 2016 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Oggetto dell’articolo è la sperimentazione di tecnologie robotizzate in grado di coprire giornalisticamente un evento. Difficile non fare un riferimento alla trasmissione di Ballarò, alla sua chiusura e al probabile allontanamento dalla RAI di Massim Giannini “rottamato per essere stato dalla parte del pubblico” e per non essersi comportato da robot, programmato e programmabile come molti altri giornalisti italiani mostrano di essere.

I numerosi giornalisti italiani che sono saliti acriticamente sul carro del potente di turno alimentando la sua narrazione del mondo e della realtà dovrebbero prestare attenzione a una notizia che racconta di attività giornalistiche automatizzabili grazie all’impiego di tecnologie intelligenti e macchine robot. Giornalisti come Giannini non hanno probabilmente nulla da temere da marchingegni tecnologici di questo tipo, almeno nel breve periodo. Tutti gli altri, quelli che si limitano a ripetere le stesse cose in modo quasi automatizzato perché programmati a farlo, rischiano al contrario di trovarsi in un prossimo futuro senza lavoro. Se obiettivo della loro attività giornalistica è la comunicazione pura e semplice di notizie premasticate, di numeri, percentuali e statistiche, il rischio di essere sostituiti da macchine esiste e si fa concreto ogni giorno che passa. Meglio puntare sulla creatività personale o sulla deontologia professionale che suggerisce l’attinenza ai fatti e la riflessione critica sulla realtà.

La sostituzione di giornalisti in carne e ossa con macchine intelligenti capaci di elaborare informazione e notizie è stata announciata recetemente dalla Associated Press (AP). Il comunicato narra dell’impiego di una piattaforma tecnologica della società Automated Insights’ Wordsmith che verrà usata per seguire e commentare le partite della lega minore di Besball americana usando i dati forniti da MLB Advanced Media (MLBAM). La stessa piattaforma di intelligenza artificiale è già stata sperimentata e usata per la comunicazione di dati e rapporti finanziari delle aziende pubbliche americane e usando dati forniti dai servizi di Big Data di Zacks Investment Research.

Per il momento la piattaforma tecnologica usata si limiterà a sfruttare i dati disponibili per fornire agli utenti dati e informazioni su eventi sportivi non presidiati e commentati da giornalisti umani e usando canali di comunicazione digitali diversi.

I servizi forniti sono asettici, asciutti, privi di ogni sottolineatura emotiva, di spirito e meccanici, come ci si può aspettare da una macchina che elabora e comunica dati con gli strumenti tecnologici di cui è dotata. Ma la piattaforma è in grado di fornire i dettagli e soddisfare molte delle curiosità degli spettatori e sportivi. Una soluzione imperfetta e immatura ma impressionante nei risultati che è già in grado di fornire oggi e nelle prospettive che apre per utilizzi futuri.

Sono proprio le evoluzioni tecnologiche e le prospettive future che devono far riflettere i giornalisti odierni e quelli che verranno. Il rilascio della nuova piattaforma è stato gestito con cura e i risultati sono stati passati al vaglio di sportivi e reporter che ne hanno valutato e misurato la qualità del prodotto finale.

Per ora il prodotto finale della machina di intelligenza artificiale è un elenco di tipo quantitativo ma un domani il report o servizio prodotto potrebbe essere di tipo qualitativo. Per non urtare la sensibilità dei giornalisti e non trovarseli contro, l’amministratore delegato di Automated Insights ha descritto la sua piattaforma tecnologica come complementare e non sostitutiva ma le sue affermazioni non possono impedire di ipotizzare quali possano essere le evoluzioni o rivoluzioni future!

Ai giornalisti privi di creatività e ligi alla ripetitività e conformità della narrazione corrente il messaggio dovrebbe arrivare chiaro e forte. Se agiranno come robot verranno sostituiti da robot reali!

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Sanmarco Informatica

Conoscenza, consapevolezza, spirito di gruppo, sono le parole che riassumono il nostro...

Vai al profilo

Andrea Picchi

Cognitive Interface Designer & iOS Developer

Vai al profilo

Giorgio Peressin

Dedico il mio tempo alla mia passione: sviluppare app.

Vai al profilo

NERDYDOG

NerdyDog Web Agency è specializzata nello sviluppo applicazioni per mobile in...

Vai al profilo