Lifestyle /

Dispositivi mobili e cloud computing per una realtà fatta di servizi

Dispositivi mobili e cloud computing per una realtà fatta di servizi

22 Giugno 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Nel mondo aziendale la tecnologia dell’informazione negli ultimi anni si è trasformata sempre più nella forma di servizi, spesso forniti da entità esterne all’organizzazione e consumati solo in caso di bisogno e on-demand.
La fornitura del servizio ha interessato componenti infrastrutturali e piattaforme ma soprattutto il software (SaaS). Oggi un fenomeno simile interessa anche il mercato consumer.

Perché acquistare un prodotto se posso affittarlo? Perché pagare lautamente licenze costose per prodotti e applicativi usati solo raramente? Perché non approfittare delle nuove modalità di proposizione tecnologica per ridurre costi gestionali e operativi e trarre vantaggio da prodotti sempre aggiornati e efficienti? Le risposte a queste domande spiegano un fenomeno sempre più diffuso tra i consumatori che non dovrebbe stupire perché già sperimentato positivamente dalle aziende e perché oggi strutturato e proposto in modo efficiente, competitivo e di qualità. Quello che inizialmente era noto come Software as a Service è ormai diventato il termine con cui si identifica l’offerta di prodotti diversi e che possono soddisfare praticamente tutti i bisogni.

In un mercato tecnologico maturo e nel quale quasi ogni abitante della terra è dotato di uno o più dispositivi mobili, il passaggio dal prodotto da acquistare al servizio da consumare è cosa naturale anche se non ancora fenomeno diffuso e pervasivo. Passare dall’usare i prodotti di Office installati sul PC personale all’uso del servizio di Microsoft Office 365, che fornisce un accesso online alle applicazioni più popolari di Windows, non è complicato ma richiede comunque un cambio di mentalità, non praticabile da tutti in tempi rapidi. Soprattutto da parte di quanti continuano a non fidarsi della Rete, temono le violazioni della privacy e non si fidano della continuità nell’erogazione del servizio e nella sua qualità. Il passaggio alla nuova modalità di utilizzo del software può essere in alcuni casi velocizzato quando si scopre che Office  365 permette di usare il pacchetto Office di Microsoft da qualsiasi dispositivo posseduto e che tutti gli aggiornamento software sono immediatamente disponibili in modo automatico. Nella forma di APP, gli stessi servizi sono oggi dipsonibili anche su piattaforme di sistema operativo diverse come Android e iOS. Tutto ciò che serve è una sottoscrizione o abbonamento, l’acquisizione delle credenziali di accesso e un accesso alla Rete.

 

A offrire la modalità servizio, sempre legata a qualche forma di cloud computing,  per prodotti software non c’è solo Microsoft. Adobe ad esempio propone Creative Cloud, un servizio che permette, in varie forme e costi diversi legati alla tipologia dei servizi richiesti, di accedere online e nella forma di servizio a pacchetti applicativi come Photoshop, Illustrator e DreamWeaver ma anche a libreri di risorse nel cloud, come archivi di foto e immagini (Adobe Stock).

CONSIGLIATO PER TE:

Verso ambienti Multicloud

L’aver spostato e strutturato applicazioni come quelle di Office per una erogazione online e nel cloud permette ai produttori di arricchire la loro proposizione con altri servizi legati ad esempio alla posta elettronica, alla gestione delle agende elettroniche e del calendario, alla fornitura di risorse storage aggiuntive o all’uso di altre applicazioni come, nel caso di Microsoft, Skype.

Il software as a service tradizionalmente strutturato per una offerta business, nel passare al mercato consumer si va configurando sempre più come la vera proposizione vincente di molti produttori alla ricerca di nuovi modelli di business e di flussi di ricavi costanti nel tempo e garantiti da sottiscrizioni annuali, rinnovabili di anno in anno. Sul campo non c’è solo Microsoft che ha decenni di esperienza in ambito software ma anche aziende come Apple che sta trasformando l’intera sua offerta nella forma di un servizio. L’annuncio di Apple Music va in questa direzione ma le molteplici applicazioni e soluzioni cloud legate al servizio iCloud sono già una dimostrazione tangibile di una strategia che ha sposato il trend legato ai servizi in atto. L’offerta è resa possibile e conveniente dall’evoluzione del cloud computing che con le sue risorse, i suoi automatismi e la sua accessibilità favorisce l’implementazione e l’offerta di nuovi modelli di business ma soprattutto di nuove funzionalità, applicazioni, prodotti e servizi.

 

Fonte: www.vocso.com


La diffusione crescente del software fornito nella forma di un servizio è testimone di una trasformazione in atto che non prevede ritorni al passato. E’ una rivoluzione resa possibile e praticabile dalla diffusione dei dispositivi mobili (chi non ne possiede uno?) e del cloud computing. Le applicazioni ma anche i dati spariscono e abbandonano i dispositivi hardware personali per trovare casa in spazi virtuali, nelle nuvole del Cloud, essere sempre accessibili come nostri e perché sono nostri ma con un accesso che può avvenire attraverso dispositivi diversi, anche non di proprietà e a loro volta semplicemente affittati.

Liberarsi dall’incombenza di provvedere agli aggiornamenti software è un grande vantaggio per il quale si può rinunciare al possesso per passare al semplice utilizzo su richiesta o in base al bisogno. Appoggiandosi sui servizi di un fornitore tutto ciò che l’utente deve fare, dopo aver sottoscritto il servizio, è attivare le funzionalità per le quali ha pagato e usare i meccanismi o le icone che sui dispositivi permettono di accedere al servizio. Una volta compresi i benefici del servizio nessuno vieta di aggiungere al proprio abbonamento nuovi servizi applicativi e/o nuove funzionalità.

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Camagames

We’re the Camagames, founded Matteo Carretti to gather on music, graphic and...

Vai al profilo

foolix

Foolix è una società di consulenza e sviluppo software specializzata nello sviluppo...

Vai al profilo

SellSmart

L’applicazione di sales force automation più indicata ai bisogni commerciali delle...

Vai al profilo

Surplex GmbH

Surplex è una società leader nella fornitura di macchinari usati, attiva in tutto il...

Vai al profilo