Lifestyle /

Evoluzione della comunicazione, dai cinguettii ai periscopi

Evoluzione della comunicazione, dai cinguettii ai periscopi

21 Ottobre 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Gli immigrati digitali con cultura digitale sanno quanto sia stata rapida e profonda l’evoluzione tecnologica e quanto abbia inciso nel trasformare le forme della comunicazione. Chi si ricorda più i primi siti web e i loro linguaggi? Gli uni e gli altri sono oggi frequentati da nativi digitali che fanno i blogger, cinguettano, postano messaggi, fanno giornalismo e producono video.

Le numerose applicazioni che hanno segnato l’evoluzione tecnologica degli ultimi dieci anni hanno cambiato la comunicazione, i linguaggi e i comportamenti delle persone.

Nessuno avrebbe mai pensato di cinguettare prima dell’arrivo di Twitter o di fare giornalismo prima dell’arrivo delle piattaforme di Blog, nessuno oggi pensa di trasformarsi in produttore di video in streaming della propria vita. Eppure è quello che è avvenuto e sta ancora avvenendo.

Pochi anni fa i siti web erano applicazioni costose e realizzabili da poche elite di persone, il giornalismo online era fatto da persone professionalmente qualificate e con master in giornalismo, gli utenti della rete navigavano e seguivano ciò che sui siti i giornalisti e le persone qualificate pubblicavano. Poi in pochi anni Internet ha cambiato il mondo permettendo a tutti di costruirsi i suoi siti, di fare i giornalisti attraverso piattaforme Blog (WordPress, Trmblr, Blogger, ecc.) o progetti editoriali e diventare fonti autorevoli di informazioni e opinion leader.

 

 

Dopo aver colonizzato il mondo digitale della Rete e avere esteso la sua influenza a livello globale, in poco tempo la Blogosfera è andata incontro ad una rapida mutazione. In ogni suo territorio sono emersi leader o luoghi più o meno noti che hanno attirato un numero crescente di naviganti e utenti, rendendo inutili e insignificanti tutti gli altri.

E’ così che ad esempio in ambito tecnologico i numerosissimi blog di tecnologia sono stati spazzati via da presenza ingombranti, ricche e ben finanziate come Mashable, TechCrunch, The Verge e altre testate simili. I blog sopravvissuti si sono così trovati obbligati a semplici operazioni di copia, modifica, traduci, incolla e pubblica, trasformando il motore di ricerca in una specie di pappagallo che ripete all’infinito quanto è bello l’ultimo iPhone o quanto è malato Android, quanto superato è Windows e quanto è attraente, cool e trendy iOS. La comunicazione è diventata traduzione e la lingua un esperimento di sincretismo del vocabolario e semantico.

I blog alla Mashable hanno penalizzato la blogosfera e i suoi protagonisti ma anche i siti e gli spazi strutturati e potenti degli editori di periodici e giornali online, rubando loro visibilità, influenza e autorevolezza. Un obiettivo raggiunto a spese della massa di blogger e replicando i modelli dei siti concorrenti a cui volevano sostituirsi e obbligandoli a muoversi in rete con maggiori investimenti, nuove organizzazioni e nuovi linguaggi (vedi esempi italiani di repubblica.it e stampa.it e quello più famoso di huffingtonpost.it).

 

 

A dare risposte concrete ai nuovi bisogni della massa degli utenti della rete, sempre alla ricerca costante di nuove forme di protagonismo e di linguaggi, ci ha pensato ancora una volta l’evoluzione della tecnologia con l’introduzione di nuovi strumenti, dispositivi e applicazioni che hanno trasformato la Rete in un spazio sociale e in un bosco musicale fatto di cinguettii. Dispositivi mobili e loro applicazioni sono diventati in poco tempo i nuovi strumenti preferiti da utenti che si sono sentiti messi al centro e abilitati a riprendere le loro attività di blogger. Ne è derivata una fuga o una minore attenzione ai siti vetrina e ai portali di notizie e una frequentazione, a volte compulsiva, di spazi abitati e sociali della rete come il muro delle facce di facebook. E tutti si sono messi  a cinguettare, come se fosse il linguaggio più naturale al mondo, anche per esseri cognitivamente complessi e capaci come essi sono.

L’affermarsi dei cinguettii e dei post ha reso obsoleti articoli e testi redazionali, ha reso completamente inutile conoscere il dominio URL che ospita un sito o un portale e ha delegato a Google e ai suoi meccanismi (algoritmi) tecnologici il compito di mostrare ciò che vale la pena di essere letto o semplicemente sbirciato, ‘swippato’ o fotografato (quanti sono le condivisioni di articoli decise solo dopo aver letto il titolo dell’articolo? E se il testo contenesse idee opposte a quelle espresse nel titolo?).

Obsoleti sono diventati anche i blogger che avevano acquisito faticosamente una loro visibilità e fama online. Se tutto è determinato dai motori di ricerca di Google o dai link delle pagine Facebook che senso ha andare alla ricerca di un autore e dei suoi ultimi scritti pubblicati? Meglio, molto meglio interagire con altre persone sul muro delle facce e condividere cambiamenti di stato e messaggini vari!

 

 

Dopo anni cinguettanti e felici, nonostante la crisi e forse anche per l’insopportabile cinguettare dei politici, anche Twitter sembra avere annoiato e l’attenzione se ne va verso altre destinazioni. Non è un caso che per trattenerla e soddisfarla la Rete si è popolata di messaggi del tipo “se ti è piaciuto questo potresti anche aver voglia di leggere quest’altro….”. Una idea abbastanza ovvia ma diventata tale solo dopo averne scoperto l’uso diffuso e la sua validità. Il cervello funziona per analogie e il ‘Leggi anche questo.’ o ‘Potrebbe interessarti anche questo articolo.’ non è altro che la traduzione online della logica delle analogie e delle categorizzazioni a cui il nostro cervello è abituato da sempre.

Questo approccio non fa che prendere atto del fatto che quasi nessuno usa più i nomi dei domini e i loro URL ma tutti si lasciano fuidare dal motore di ricerca, dai cinguettii che emergono qua e là in rete, dai flussi di messaggi WhatsApp e dalle loro immagini e dai link ai post del muro delle facce. Preso atto di ciò non resta che operare per catturare maggiore attenzione, meglio se fatto attraverso contenuti visuali, trattenere l’occasionale navigante più a lungo in un luogo e cercare di intrattenerlo o interessarlo. Compito non facile, forse impossibile, ma unica alternativa possibile per il momento rimasta!

 

 

L’obiettivo è più facilmente raggiungibile se si dispone di informazioni dettagliate sul profilo dell’utente navigante e sui suoi comportamenti e stili di vita online, sui luoghi visitati e sulle sue relazioni sociali online. Queste informazioni sono più rilevanti della Home Page e della sua impostazione o bellezza grafica. Chi naviga in rete non naviga più attraverso Home Page diverse ma si lascia guidare dalle sue analogie che sono favorite da informazioni fornite tramite i motori di ricerca e poi, una volta arrivati su una destinazione, dall’intelligenza del produttore (Marca, Blogger, testata giornalistica, ecc.) nel trattenerlo e soddisfarne i bisogni del momento.

Le applicazioni oggi più usate lasciano percepire di poter interagire, comunicare e socializzare in tempo reale ma nella realtà c’è sempre qualche impedimento a che ciò avvenga realmente. L’interazione che avviene prevalentemente attraverso un linguaggio scritto e il testo da esso prodotto non è esattamente in tempo reale. Scrivere un cinguettio richiede tempo, leggerlo anche e in ogni caso mai può essere assimilato ad un cinguettare fatto di persona con tutte le sonorità e colorazioni sonore ad esso associate, al linguaggio del corpo in esso compreso e alla verifica della pragmatica della comunicazione a cui è finalizzato. Il bisogno di scrivere e di leggere trasforma il tempo reale in un tempo dilatato e delimitato da vincoli e i tempi a essi associati.

 

Baciala stupido!

Alle limitazioni del tempo reale delimitato dai cinguetti e dai post di Facebook ha posto rimedio la nuova tecnologia di live streaming, quello alla Periscope (ora non a caso di proprietà di Twitter), Livelens, Meerkat,  e a soluzioni simili. Il nuovo linguaggio e le forme di comunicazione che rende possibili non sono per tutti ma è facile prevedere che lo diventeranno.

Se piattaforme come Periscope e Meerkat si diffonderanno torneremo a forme di comunicazione e interazione come quelle da cui siamo partiti e alle quali siamo abituati da sempre. Con l’unica differenza che invece di essere presenti gli uni agli altri e faccia a faccia, a incontrarsi e a fare esperienze insieme in tempo reale saranno i nostri profili digitali e le nostre rappresentazioni in rete.

Facile questo punto prevedere  che l’evoluzione non si fermi qui e che nel futuro prossimo venturo il tempo reale dell’incontro al periscopio veda come protagonisti degli avatar e in un futuro ancora piò lontano (per Kurzweil il 2020) delle macchine cyborg cinguettanti e che ci avranno probabilmente escluso dalle loro conversazioni….

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


AnguriaLab

Mobile Apps & WebApps for agencies and companies. Reusable and flexible components...

Vai al profilo

Move On

Film al cinema è un applicazione sviluppata da Move On (www.moveon.it) azienda...

Vai al profilo

iMotion Software

iMotion Software è una realtà attiva nello sviluppo di soluzioni mobile in ambito...

Vai al profilo

Paolo Conte

Sviluppo professionalmente applicazioni Android per terzi o di mia iniziativa. Da...

Vai al profilo