Lifestyle /

Renzi e generazione Millennial

Renzi e generazione Millennial

28 Febbraio 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Giovane non è la generazione di Matteo Renzi ma quella denominta Generazione Y (conosciuta anche come Millennial Generation, Generation Next o Net Generation) i cui appartenenti sono persone nate tra gli anni ottanta e i primi anni duemila. Una generazione che sta vivendo la crisi economica come esperienza primaria del loro affacciarsi al mondo del lavoro ma che è portatrice di innovazione e nuove abilità mutuate dal grande sviluppo tecnologico che l'ha accompagnata dalla nascita.

Secondo le statistiche entro il 2015 la generazione Millennial rappresenterà il 75% della forza lavoro globale (tranne in Italia se il resisterà a lungo la leffe Fornero). La carenza attuale di opportunità di lavoro non è destinata a durare per sempre e prima o poi alle aziende si porrà il problema di come e cosa fare per attrirare e impiegare nuovi talenti nelle loro organizzazioni.

Secondo Deloitte Touch questa sarà una delle sfide più importanti del futuro per aziende che vogliono competere sul mercato globale puntando sulla qualità, l'innovazione e la creatività. La sfida è tanto più grande quanto grande è il desiderio dei rappresentanti della generazione Millennial di lavorare per aziende che siano in grado di offrire loro la possibilità di coltivare e far maturare il loro pensiero innovativo, sviluppare le loro abilità e contribuire con nuove idee allo sviluppo futuro, non solo dell'azienda ma anche delle società in cui essa è inserita

Più di altre generazioni precedenti la Generazione Millenial è abituata a lavorare in proprio e in modo indipendente, non è alla ricerca smodata di un lavoro dipendente o all'interno di organizzazioni tradizionali. E' cresciuta in un'epoca tecnologica dalla quale ha ereditato la rapidità e la flessibilità all'adattamento continuo, la carica innovativa e la capacità a sfruttare in modo nuovo le molteplici opportunità che l'evoluzione tecnologica rende possibili.

Per attrarre la generazione Millenial all'interno di una organizzazione, le aziende sono chiamate a soddisfare le loro esigenze prospettando percorsi di crescita e ambienti di lavoro nei quali l'innovazione è premiata e favorita.

Nel suo 2014 Millennial Survey, che ha coinvolto quasi 8000 giovani con un diploma di scuola superiore o universitario in 26 nazioni diverse, Deloitte Touch ha esplorato e raccontato cosa vuole la generazione Millennial e quali sono le sue principali aspettative lavorative e sociali evidenziando cinque elementi fondamentali:

  • Il 50% degli intervistati aspira a lavorare per aziende con pratiche di lavoro etiche. I Millennial ritengono che l'azienda può fare molto di più di quanto non faccia oggi per dare un contributo sociale nell'affrontare problemi come la scarsità delle risorse (68%), il cambiamento climatico (65%), la redistribuzione del reddito (64%). I Millennial pensano che le aziende posssano aver un impatto positivo forte in aree tradizionalmente appannaggio del governo come la scuola, la formazione, la sanità, ecc.
  • I Millanial ritengono che i gocerni non stiano facendo a sufficienza per affrontare i problemi principali della società e le loro azioni siano prevalentemente fallimentari. Gli ambiti presi in considerazione sono il lavor e la disoccupazione (47%), la scarsità di risorse (43%) e le ineguaglianze economiche (56%)
  • IQuando deve scegliere per chi lavorare il 78% dei Millennial è fortemente influenzato dalla capacità innovativa delle aziende. La maggioranza del campione  già occupato ritiene che il loro datore di lavoro non fa nulla per motivare e favorire la capacità innovativa. Le barriere principali sono per i Millennial, l'attitudine manageriale attuale (63%), la struttura organizzativa e le procedure (61%), gli skill dei dipendenti, le loro attitudini e culture e la diversità (39%). Il 60% ritiene che le aziende possano migliorare in fatto di innovazione e che l'innovazione non sia necessariamente qualcosa di spontaneo e casuale ma possa diventare prassi costante e ripetitiva.
  • Secodo i Millennial le organizzazioni devono essere capaci di far emergere e coltivare i loro leader
  • I Millennial credono al successo ma non lo collegano solamante ai risultati finanziari

Una infografica illustra i dati del rapporto di Deloitte:

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Spindox

Spindox opera nell’ambito ICT, fornendo servizi di consulenza, system integration...

Vai al profilo

Missione Web

La nostra Web Agency è costituita da un team giovane e dinamico che subisce da sempre il...

Vai al profilo

Italia Multimedia

Italia multimedia, web agency a Milano, progetta, disegna e realizza Siti Web, Portali...

Vai al profilo

DidApp

App didattiche per la prevenzione dei disturbi dell'apprendimento

Vai al profilo