Lifestyle /

Genitori Tecnovigili in vacanza

Genitori Tecnovigili in vacanza

06 Agosto 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Tecnovigili sono genitori e adulti consapevoli dell'inutilità dei metodi autoritari nell'educazione dei loro figli e del ruolo che la tecnologia ha nella vita e nello sviluppo personale dei ragazzi Tecnorapidi. Sono adulti interessati ad accrescere conoscenza tecnologica e consapevolezza cognitiva per relazionarsi meglio ai ragazzi assumendo nuove responsabilità. Tecnovigili possono essere tutti i genitori in vacanza con i loro figli.

Sono Tecnovigili nati o diventati tali per poter continuare a capire e dialogare con i loro ragazzi Tecnorapidi, sempre connessi e impegnati in qualche forma di interazione tecnologica. Sono alla ricerca della fiducia dei loro ragazzi, per poter mantenere aperto un dialogo e una comunicazione costante, di tipo bidirezionale. Per diventare interlocutori credibili ed efficaci hanno bisogno di parlare sempre in modo franco e aperto, di essere sempre aggiornati sulle novità tecnologiche e sui relativi effetti positivi e negativi, e di saper predisporre un piano di azioni condivisibile e accettabile anche dai ragazzi.

Sono Tecnovigili i genitori che mostrano interesse alle nuove esperienze digitali e ai comportamenti sociali online dei loro figli e dedicano tempo a trasmettere loro, in modo continuativo e attento, conoscenze appropriate e adeguate ad affrontare i molti rischi della rete e quelli insiti nell'uso delle nuove tecnologie. E' un esercizio che praticano con assiduità con la finalità di suggerire ai loro figli a non fidarsi delle persone sconosciute incontrate in rete e spiegano loro cosa si debba intendere per straniero online (in rete non tutti sono quello che dicono di essere), quali siano i suoi possibili comportamenti (ad esempio la richiesta di foto personali) e l'importanza di raccontare a persone di fiducia ciò che in rete li ha messi in difficoltà o ha creato loro imbarazzo. E’ anche un esercizio che li vede impegnati direttamente online nell’uso delle stesse tecnologie e degli stessi strumenti di comunicazione usati dai figli online.

 

 

I genitori Tecnovigili più che limitare l'accesso online (molti però lo fanno, soprattutto nelle ore notturne, a pranzo e a cena) usano lo strumento del dialogo per suggerire ai loro ragazzi di non interagire con chiunque o di farlo solo dopo aver praticato alcuni controlli di garanzia, di ignorare richieste di amicizia provenienti da persone che si dichiarano amiche di amici, di non condividere informazioni personali e di ritenere i loro profili online come vulnerabili e potenziali terreni di caccia di malintenzionati e criminali.

Con risultati alterni e non sempre positivi, i genitori o adulti Tecnovigili adottano spesso scelte che vanno oltre la semplice istruzione su come usare la tecnologia. Queste scelte nascono dallo studio delle tecnologie usate dai loro figli o nipoti e dalla comprensione dei potenziali rischi e possono portare ad iscriversi agli stessi social network frequentati dai ragazzi per seguirli e monitorarli nelle loro attività online. Con uguali motivazioni i Tecnovigili possono decidere di permettere l'accesso alla tecnologia in posti facilmente osservabili e controllabili in modo da poter intervenire per imporre limitazioni al tempo passato online e ai luoghi da visitare.

Tecnovigili sono i genitori che si preoccupano di un eccessivo uso (ci sono casi di 20000 SMS inviati in un mese), da parte dei loro figli, di apparati tecnologici e della loro vita sempre connessa alla rete e allo schermo di un dispositivo (TV, console di gioco, smartphone, tablet, ecc.). Consapevoli della necessità di un loro intervento, i Tecnovigili cercano di comprendere e valutare i rischi derivanti da un'eccessiva interazione visuale con un display come ad esempio la perdita di skill e interazioni sociali nella realtà. Un'eccessiva esposizione aumenta il rischio d'incontri non desiderati, incide sullo sviluppo cognitivo e non facilita lo sviluppo di pensiero critico oltre alla capacità di distinguere ciò che è virtuale da ciò che è reale.

Attenti alla vita digitale dei loro ragazzi, i tecnovigili si preoccupano di rendere coerente la loro pratica educativa con le scelte tecnologiche definendo quali dispositivi e tecnologie sono ammesse, la quantità e il periodo di tempo da dedicarvi, i luoghi dove possono essere utilizzate, i contenuti e le applicazioni da usare e i comportamenti inappropriati da evitare. Queste scelte sono condizionate dalla capacità di considerare alcuni fattori quali il grado di maturità dei ragazzi, le priorità e i valori da suggerire o imporre, le responsabilità da assegnare loro.

Essere Tecnovigili permette ai genitori di trasformare molte attività digitali in momenti sociali in famiglia, di intervenire in situazioni nelle quali i ragazzi resistono alle regole imposte o sono abili nel trovare utili scappatoie. In questo caso i Tecnovigili sanno di poter intervenire mettendo in guardia dall'uso improprio della rete (download, plug-in, configurazione di profili, ecc.) definendo password e codici di accesso in modo da impedire ai ragazzi l'uso di un dispositivo o risorsa di rete, esercitando il controllo parentale o fornendo una interazione tecnologica assistita, definendo i parametri di configurazione degli account sui social network, attivando le funzionalità dei dispositivi mobili che permettono di sospendere o riattivare il servizio dati e infine disabilitando il dispositivo nei casi più estremi o quando esiste il rischio dipendenza da Internet o da telefonino.

 

 

La tecnovigilanza spesso s'impone per salvaguardare il reddito familiare, evitare disastri finanziari potenziali e anticipare probabili esborsi indesiderati dovuti ad un uso improprio o superficiale di sistemi di pagamento online. Scenari tutti possibili se, le pratiche online dei ragazzi, avvengono attraverso siti porno, di gioco online o di commercio elettronico come eBay.

Non tutti i genitori sono Tecnovigili, alcuni non lo sono per distrazione e per egoismo, altri non lo vogliono essere perché valutano negativamente l'eccessiva sorveglianza tecnologica dei ragazzi che potrebbe produrre effetti indesiderati e provocare reazioni opposte a quelle desiderate.

I Tecnovigili non sono tutti uguali ma condividono la paura nei confronti di pedofili e cyberstalker che abitano la rete e sono fonte di potenziali rischi per bambini e adolescenti.  Molte delle loro azioni sono finalizzate a costruire rapporti di fiducia e a favorire lo sviluppo della capacità critica dei ragazzi in modo che possano agire in modo autonomo (abilità di pensare e agire indipendentemente da premi e punizioni e di decidere ciò che è giusto o sbagliato) e indipendente.

Il successo genitoriale dei Tecnovigili dipende dalla loro capacità di osservare e apprendere, di connettersi alla Rete e sperimentarne le funzionalità e le opportunità, di assicurarsi che la navigazione e pratica online dei loro figli sia garantita e sicura, di dialogare e discutere con loro sulle tematiche e pratiche tecnologiche emergenti e sui loro potenziali effetti, di definire alcuni limiti, confini da non superare e regole da osservare nell’uso delle tecnologie, di porre domande finalizzate a monitorare e comprendere cosa stanno facendo online e con chi, e infine di continuare a svolgere ricerche per tenersi aggiornati sulle attività dei loro figli online.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Studio 361° di Michela Di Stefano

Studio 361° è un Network di professionisti del settore, uniti dalla comune passione...

Vai al profilo

Minitec2

Specialista in reti e sicurezza sistemi Windows Linux mac tablet, assistenza tecnica...

Vai al profilo

Startbusiness

SB un’azienda che fa scouting nel mondo ICT (Information Communication Technology...

Vai al profilo

Basefloor S.r.l.

"Basefloor Mobile" è lo strumento quotidiano di lavoro per un efficacie e veloce...

Vai al profilo