Lifestyle /

I contenuti fanno la differenza

I contenuti fanno la differenza

26 Marzo 2014 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Il mondo sarà anche globale ma le preferenze sono sempre molto locali e contestuali ai gusti, alla storia e alla cultura di ogni paese. Ciò è vero e verificabile anche nelle molte vite digitali oggi possibili online. Tutte evidenziano come gli aspetti locali influenzino scelte e comportamenti. Basta guardare alle preferenze per i contenuti digitali online!

Negli store disponibili in tutto il mondo non tutto è disponibile a tutti in ugual misure. I contenuti disponibili variano da nazione a nazione e a seconda dell’andamento della domanda nei singoli paesi. Una domanda che è diversa come ha rilevato una indagine annuale della International Federation of the Phonographic Industry (IFPI) da poco disponibile anche online.

I dati raccolti aiutano a comprendere le differenze nei gusti e illustrano, ad esempio nel consumo di musica digitale la prevalenza di artisti locali rispetto a star internazionali e note al grande pubblico ma con musica in lingua inglese. Una indicazione importante per gli operatori che per avere successo e crescere a livello mondiale non devono soltanto assicurarsi che gli stessi prodotti siano acquistabili negli store da qualsiasi luogo ma che gli store contengano anche prodotti e contenuti locali. Sempre localmente i modelli di business implementati devono tenere conto delle specificità nazionali e fornire servizi contestualizzati.

Nel panorama dell’offerta la proposizione più ricca è quella di Apple che continua a gestire il numero maggiore di download di contenuti musicali nel mondo, seguita da Amazon  per gli ebook proposti e venduti, e Microsoft. Segue distanziato Google.

La presenza dei produttori e fornitori di servizi è limitata da problematiche non secondarie come l’acquisizione dei diritti d’autore e per la distribuzione. Queste difficoltà spiegano ad esempio perché realtà ricche e importanti come Amazon non riescono ancora a distribuire gli stessi contenuti ovunque nel mondo o lo fanno con grandi ritardi. C’entra anche la cultura, tipicamente americana, che guida i vari programmi e la mancanza di infrastrutture adeguate.

Per chi fosse interessato a questo link può scaricare lo studio completo.

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


Aidilab srl

Nata nel 2010 come startup dell’Interaction Design Lab (IDA) dell’Università di...

Vai al profilo

Digitelematica srl

Digitelematica è una software house già attiva in ambienti tradizionali (MF, As...

Vai al profilo

MamoSoftware

Sviluppo software per passione. Ho realizzato il Gestionale AlfaDesk su piattaforma...

Vai al profilo

iMotion Software

iMotion Software è una realtà attiva nello sviluppo di soluzioni mobile in ambito...

Vai al profilo