Lifestyle /

La famiglia Brambilla in vacanza

La famiglia Brambilla in vacanza

22 Luglio 2015 Redazione SoloTablet
SoloTablet
Redazione SoloTablet
share
Per capire la famiglia moderna non serve affidarsi a indagini di mercato o studi sociologici. Basta una buona capacità di osservazione e la disponibilità a un sorriso. La prima serve a contestualizzare il gruppo familiare nella realtà tecnologica che viviamo, la seconda a entrare in empatia con persone che vivono esperienze fatte di pratiche tecnologiche condivise anche da chi osserva.

A trastullarsi con le nuove tecnologie mobili non sono solo i nativi digitali, i Millennial e le generazioni Y/X.

Lo fanno anche i Baby Boomers, i genitori, i nonni e gli adulti in generale. Ne esce un quadretto idilliaco e poco comunicante composto da mamme e papà incollati al loro tablet o laptop, di nonni felicemente naviganti e persi nel fluire delle maree della rete e di ragazzi sempre incollati ai loro smartphone o impegnati in battaglie virtuali ingaggiate nei mondi virtuali resi possibili dalle loro Xbox e Playstation.

 

 

Superata la fase nella quale ai ragazzi si ricorda di fare o non fare qualcosa (ai miei tempio io certe cose non le facevo) e accettata la loro preferenza alle attività tecnologiche invece che outdoor, agli adulti non rimane che trovare il modo di occupare il loro tempo e annoiarsi allo stesso modo sfruttando le opportunità di un dispositivo tecnologico per la ricerca di nuove forme di divertimento, passatempo e evasione. Ne deriva una incomunicabilità eletta a prassi quotidiana o una interazione in forma di cinguettii (“oggi non ceno a casa, #mammastaiserena) e immagini Instagram o WahtsApp.

Grazie ai loro dispositivi tecnologici i ragazzi sviluppano più rapidamente le loro capacità di comunicazione e superano di slancio l’età dell’innocenza grazie all’interazione sociale online e alla frequentazione di molte vite parallele che procurano loro esperienze capaci di formare il loro carattere e far maturare le loro personalità. Avendo rinunciato a interrogarsi sugli effetti della tecnologia sui loro pargoli ed avendo contribuito a trasformarli in cyborg dotati, fin dalla più tenera età, di tecnologie di ogni tipo, ai genitori non rimane che osservare stupiti lo sviluppo delle nuove abilità dei ragazzi o praticarle loro stessi.

Succede così che in casa ma anche in vacanza, l’interazione, la conversazione e il dialogo in famiglia cessino di esistere nelle loro forme tradizionali per trasformarsi in uno stare insieme fatto di solipsismi e assenza di comunicazione e di esperienze individuali difficilmente condivisibili perché esperite su piani e in mondi tra loro diversi. Probabilmente paralleli ma senza possibilità di incontri virtuali e tantomeno reali.

 

 

comments powered by Disqus

Sei alla ricerca di uno sviluppatore?

Cerca nel nostro database


INGEGNI Tech S.r.l.

INGEGNI Tech sviluppa applicazioni per il mercato mobile, sviluppando progetti per la...

Vai al profilo

Sanmarco Informatica

Conoscenza, consapevolezza, spirito di gruppo, sono le parole che riassumono il nostro...

Vai al profilo

eFuture s.a.s.

Azienda digitale dedita allo sviluppo di software desktop (gestionali, utility...

Vai al profilo

Giacomo Balli

I'm a freelance developer based in Italy. Have my personal projects in the AppStore...

Vai al profilo